Cerca

Pd non deve gioire: Grillini e Idv sono le spine nel fianco

Bersani esulta? Solo un bluff: da De Magistris a Pisapia è vera vittoria solo per quei candidati alternativi ai dem

Pd non deve gioire: Grillini e Idv sono le spine nel fianco
«Si va al ballottaggio, ma non ci va il candidato del Pd». Enzo Bianco, alle otto di sera, sintetizza quello che al Nazareno, per tutto il pomeriggio, in tanti avevano mormorato, incrinando i trionfalismi degli uomini di Bersani. A Milano e a Napoli strappano i ballottaggi il candidato di Sel, Giuliano Pisapia, e quello dell’Idv, Luigi De Magistris. Nelle quattro città più grandi, l’unico candidato democratico a vincere bene è Piero Fassino (ma con dieci punti in meno rispetto a Sergio Chiamparino). Virginio Merola, nella ormai sempre meno rossa Bologna, a tarda sera oscilla ancora intorno al 50%, con i grillini che sfiorano il 10% e un Pd che continua scendere. Mentre a Napoli Mario Morcone, il candidato democratico, crolla al 20%, sorpassato da De Magistris. Intanto a Cagliari strappa il ballottaggio il candidato di Sel che aveva battuto alle primarie quello del Pd. «Da oggi siamo ostaggio di Vendola, di Di Pietro e dei grillini», fa l’amaro bilancio un popolare. Di sicuro va in soffitta qualunque ambizione maggioritaria, a vantaggio della coalizione larga spostata a sinistra (a Olbia la santa alleanza, da Fli a Sel, a sera è in vantaggio).

Naturalmente Pierluigi Bersani non la vede così. Milano, con Pisapia che conquista il secondo turno in vantaggio sulla Moratti, cancella ogni ombra. «Vinciamo noi e perdono loro», dice alle sette di sera nella sala stampa al Nazareno. Parla di «vento dal Nord», di «crisi del blocco PdL-Lega», prevede una «crisi di governo» dopo il secondo turno. Non solo il centrosinistra vince, ma «il Pd ottiene risultati notevoli». A Milano, sì vince Pisapia, «ma il Pd è oltre il 28%». Il disastro di Napoli, dove Morcone, il candidato democratico, è escluso dal ballottaggio? «L’importante è che il centrosinistra è in grado di vincere». Quanto al successo dei grillini, che anche a Torino viaggiano sul 5%, prova a corteggiarli: «Se fai un partito, devi decidere».

Un piano sotto, però, dove è riunito tutto lo stato maggiore del partito, l’analisi è molto meno ottimistica. «Nonostante Berlusconi crolli», ragiona Beppe Fioroni coi suoi, «noi non riusciamo a essere un’alternativa valida». Il caso più bruciante è Napoli, dove si chiude nel peggiore dei modi un ciclo di quindici anni. Il candidato del Pd non solo è escluso dal ballottaggio, ma prende meno voti della coalizione, al contrario di De Magistris. «I nostri hanno fatto il voto disgiunto», riflette un dirigente di quella zona. E il Pd crolla al 18%, contro il 31,3% preso dalla somma di Ds e Ppi alle amministrative del 2006. A Bologna va bene, sì. Ma si conferma un trend in discesa: il Pd è circa al 38% contro il 43,5% di Ds e Margherita nel 2006. E anche a Torino, dove pure Fassino vince bene, il Pd perde circa cinque punti rispetto alle ultime Amministrative.

Al secondo piano del Pd l’altro tema di riflessione sono le alleanze. Il risultato deludente del terzo polo, l’exploit dei candidati di sinistra e il successo dei grillini mettono in crisi lo schema Pd-terzo polo. L’ha capito Marco Follini che mette in guardia Bersani: «La crescita della sinistra radicale costituisce il principale rischio per il Pd». Un timore che ammette anche il numero due del partito, Enrico Letta: «I dati sono due: Berlusconi ha perso, i grillini hanno vinto». La conferma è la soddisfazione di chi tifa per un’alleanza Pd-Idv-Sel: «Ha vinto il centrosinistra classico», mette in chiaro Pippo Civati.
La scommessa di un’alleanza riformisti-moderati esce perdente. E ancora bisogna vedere come finirà al secondo turno. «Con un altro candidato potevamo vincere al primo turno», riflette un veltroniano a proposito di Pisapia. Se la battaglia è vinta, la guerra no. «Per arrivare al 50%», osserva Letta, «serviranno i voti dei moderati». Pisapia ce la farà a conquistarli? Fatto il pieno a sinistra, bisogna prendere voti dall’altra parte. Ed è tutta un’altra storia.

di Elisa Calessi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tigrin della sassetta

    18 Maggio 2011 - 12:12

    è ancor più articolato e coinvolge aspetti sociali, ideologici e culturali che è impossibile chiarire in un post, soprattutto ad un demente per partito preso. Mi limito perciò all’oggettività del disagio inflitto dalla loro vicinanza, dell’impossibilità di convivere con un numero esorbitante di scimmie-cane, dell’incenerimento del valore di un immobile prossimo ai centri di raccolta dei subumani e ti prego di non tediarmi con ricostruzioni “socio-psico” dei motivi per cui ciò “è” e “non dovrebbe essere”, meno rilevanti di un bruscolo. Chi sa cos’è/era via Jenner a Milano ne è perfettamente conscio. È invece sgradevole che vada farneticando in merito chi non è mai stato sfiorato dai mucchi di letame islamico e nulla conosce se non le proprie fideistiche idiozie di principio. A ciò si aggiunge il lato farsesco e cioè che in virtù di tali vaneggiamenti iperconformisti, costoro si vantino ferventi antirazzisti (ulteriore titolo di ignoranza e di imbecille rifiuto della realtà), colti ed impegnati progressisti, intelligenti “attori del sociale”: pattume pulce, pattume del tuo stampo! Anima cattiva

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    18 Maggio 2011 - 12:12

    hai idea di che importanza abbiano le opinioni di un burattonzo? Tutto quel che si ricava dai tuoi colpi di tosse è la conferma di: A) losca malafede che vuole artatamente confondere rifiuto, odio e ripulsione con la paura, peraltro legittima e logica – B) compiacimento del suo omologo bipede e lento ad usare monotonamente gli stereotipi del proverbiale “cretino veloce” – C) corrispondenza al vero della descrizione di quel famoso 48 %, indirizzata al ciscioobeso emulatore della tua ripetitività. Posto ciò, chiunque abbia un minimo di buon senso e di predilezione per la civile convivenza con i propri simili ritiene, prescindendo dalla sua collocazione politica, i cosiddetti centri sociali una presenza insopportabile: visioni diverse sono quelle di giovani delinquenti, meno giovani farabutti fiancheggiatori della criminalità per interessi di bottega, sprovveduti che non hanno mai – direttamente o per interposta persona - assistito allo sconquasso di un quartiere infestato, mentecatti determinati a far mostra delle proprie qualità magnificando i pregi della scoria dannosa. Vedi un po’ tu a quale delle categorie elencate preferisci iscriverti. Anima cattiva

    Report

    Rispondi

  • pincruise

    17 Maggio 2011 - 23:11

    quindi solo i Napoletani potranno beneficiare dell'abusivismo edilizio?... ma che bravo magistrato.... ah ah ah... i Napoletani si meritano quELLO CHE HANNO VOTATO, MA CHE BELLA GENTE AH AH AH...

    Report

    Rispondi

  • blankfrank62

    17 Maggio 2011 - 21:09

    Rimango sempre stupefatto di come la propaganda a livello intestinale del lider minimo e della sua corte di freaks miracolati riesca a fare breccia nell'immaginario dell'elettore-bonobo di riferimento. La paura dei centri sociali e delle moschee di Milano è talmente ridicola che una persona di normale intelligenza dovrebbe rifiutarla con un pernacchione - e infatti stavolta i milanesi non si sono fatti infinocchiare -. Ma vedo qui illustri commentatori felino-toscani dal lessico barocco e arzigogolato replicare il mood con quella che pare una sincera convinzione, costringendomi a rivedere l'opinione che a cultura umanistica corrisponda capacità di discernimento. Peccato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog