Cerca

Terzo Polo a bivio: lo chiama pure Idv con De Magistris

Conclave Fini, Casini e Rutelli per decidere chi appoggiare a fine mese. Sinistra, destra o soli e con pochi voti? Udc in imbarazzo: la corte del pm che inseguì Cesa

Terzo Polo a bivio: lo chiama pure Idv con De Magistris
Per il Terzo Polo è arrivato il momento della verità: Udc, Fli e Api devono decidere con chi stare. Gettare le maschera e schierarsi con la sinistra? Oppure cercare di riavvicinarsi, come nelle intenzioni dei finani Urso e Ronchi, al Pdl? C'è sempre la 'terza via', quella che prevede di rimanere a metà del guado, anche se l'evidenza elettorale non si può smentire: l'insieme Udc-Api-Fli ha deluso chi aveva scommesso sulla possibilità di creare un'alternativa centrista ai due poli. Come ha sottolineato il coordinatore Pdl Denis Verdini "l'Udc cresce solo con noi, e quando vanno con il Pd finisce male".

IL CONCLAVE - I terzopolisti, ora, sono riuniti in conclave per decidere i candidati sindaci che sosterranno ai ballottaggi di fine maggio. Il primo ad essere stato ricevuto è il candidato centrista di Napoli, Raimondo Pasquino: presenti Pier Ferdinando Casini, Gianfranco Fini e Francesco Rutelli. La decisione finale, hanno fatto sapere, seguirà l'incontro collegiale che si terrà nel pomeriggio di mercoledì, ed attesa intorno alle 16. Al summit prendono parte anche i finiani Della Vedova e il pasdaran Italo Bocchino. Per l'Api presenti pure Linda Lanzillotta e Bruno Tabacci.

SIRENE DI DE MAGISRIS - Proprio da Napoli, nel frattempo, arrivano le sirene più insidiose, quelle di Luigi De Magistris, il candidato Idv a cui è caro il tintinnar di manette e che, al primo turno, ha spazzato via il derelitto Partito Democratico campano, fiaccato dai disastri della amministrazioni Bassolino prima e Iervolino poi. De Magistris sottolinea di non sentirsi espressione di alcun partito: "Non mi interessano i bollini, ecco perché non mi sento candidato sindaco neppure dell'Idv. I voti li chiederò ai cittadini. Certo anche a quelli che hanno votato Pd". Ma non solo. Il pm dei flop Poseidone, Why Not e Toghe Lucane chiama proprio i terzopolisti. "Di Pasquino in campagna elettorale ho apprezzato molto lo stile. E' una persona con cui si può dialogare bene e credo sia un interlocutore per il futuro della città". De Magistris vuole anche i voti di Udc, Fli e Api. Difficile per i leader dei tre partiti scegliere di appoggiarlo, come sarà difficile 'tornare all'ovile' e schierarsi con il Pdl del candidato Gianni Lettieri.

DE MITA: "NON CI SCHIERIAMO" - Prima della conferenza stampa delle 16, il coordinatore regionale campano del Terzo Polo, Ciriaco De Mita, dopo aver a lungo parlato nei corridoi con Italo Bocchino, si è lasciato scappare che "a Napoli non ci schieramo né con Lettieri né con De Magistris". Questo è quanto sarebbe emerso dalla prima riunione di Montecitorio. Prosegue invece il silenzio stampa di Fini, Rutelli e Casini: la posizione ufficiale verrà annunciata soltanto nel pomeriggio.

MASANIELLO - Per comprendere la cifra del candidato Idv è sufficiente leggere quanto ha dichiarato circa chi lo paragona a Masaniello, il protagonista della rivoluzione napoletana contro la dominazione spagnola che, una volta al potere, propese per violenze arbitrarie ed esecuzioni di massa. L'esperienza di Masaniello durò appena nove giorni. De Magistris spiega che "mi può piacere il riferimento, se inteso come persona che diventa punto di riferimento di un'indignazione sociale che diventa mobilitazione ed esempio di etica pubblica. Ma - agginge - non mi sento giustizialista, bensì una persona ancorata alla giustizia, alla legalità in senso costituzionale, ai diritti".

E IL CASO CESA? - Al Terzo Polo, dunque, l'ardua sentenza. E se per i finiani appoggiare Pisapia (un ex rifondarolo) e De Magistris può essere una decisione più semplice da digerire, per l'Udc non sarà così facile. Giuliano è certamente poco compatibile con gli umori dell'elettorato di Casini. Ma la questione è ancor più spinosa per l'ex pm: come è possibile un endormsent per una persona che, seguendo diverse strade, ha cercato di mandare in galera un esponente del tuo partito, ossia Lorenzo Cesa?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bussirino

    18 Maggio 2011 - 21:09

    De Magistri, non è quello che ha detto di essersi sempre interessato di politica facendo il magistrato? Ma allora, è un boccassinaro pure lui? E' vero che ha rovinato gente innocenti e che ora non paga i danni morali ed economici a questi poveracci? Ma davvero ci sono dei napoletani che osano darci il voto?

    Report

    Rispondi

  • titina

    18 Maggio 2011 - 20:08

    Buonasera e grazie ,nel frattempo mi è venuto un dubbio , non sarà che l' odierno babbalocco è una creazione del noto bottinaio frequentatore dei tabarri rossi ?Un cordiale saluto , anche per la consorte. P.s. , complimenti per " Perierat , est ... " è stato mitico .

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    18 Maggio 2011 - 19:07

    Lui mantiene sicuramente il suo fornitore, che, a giudicare dai palesi danni neurologici che il meschino ha subito, gli fornisce anche roba di pessima qualità.

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    18 Maggio 2011 - 18:06

    Io sono ragionevolmente sicuro che, col suo lavoro, la signora Titina mantenga tutti quelli come TE.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog