Cerca

Bossi: "Niente crisi ma non andremo a fondo con il Pdl"

E il leader leghista sembra il solo a stare con la Moratti: "Sbagliata la campagna, ma ora vinceremo". Salvini: "Noi non siamo di destra"

Bossi: "Niente crisi ma non andremo a fondo con il Pdl"
Umberto Bossi si diverte a fare la Sibilla. A rassicurare e inquietare il Pdl in pochi secondi. A tenere banco, come naturale, la questione-Milano, tra autocritiche, stilettate e proclami. A Montecitorio, assediato dai giornalisti, il senatùr assicura: "Crisi? Non fatevi illusioni...". Tutto tranquillo, anche in caso di sconfitta di Letizia Moratti? No, perché il leader leghista incalza: "Non ci faremo trascinare a fondo". Sottinteso: dal Pdl. E Matteo Salvini, uno che a Milano conta, rincara la dose: "La Lega non è di destra, con il Pdl è un matrimonio d'interesse". Non il modo migliore per sigillare la tregua politica nella maggioranza.

NIENTE CRISI - "E' stata sbagliata la campagna elettorale", commenta Bossi, che però è forse l'unico a credere ancora alla vittoria della Moratti, scaricata da una gran fetta del Pdl. "Abbiamo perso al primo turno, ma al ballottaggio vinceremo". La conferma del fatto che i rapporti con Berlusconi non siano ancora serenissimi arriva dalla risposta a chi gli chiede se abbia sentito il premier da lunedì: "Ancora no". L'aria di tensione rimane, dunque, anche se pure Roberto Maroni cerca di placare i venti di tempesta. Secondo alcuni, Bossi avrebbe parlato di uno sganciamento del Carroccio da Berlusconi in caso di sconfitta del centrodestra nel ballottaggio di Milano il 29 e 30 maggio. "L'ho letto anche io - ha detto il ministro degli Interni a margine di un convegno al Cnel - ma io ho parlato con Bossi e non mi risulta abbia detto questa cosa. Anche se si perde a Milano non ci sarà crisi". Tutto questo prima dell'ultimo (o le ultime) parole del senatùr, che in camera caritatis aveva avvertito i suoi di tacere e lavorare per far vincere Letizia e rimandare così il confronto a dopo il voto.

C'E' SINISTRA E SINISTRA - Che alla Lega l'alleanza con il Pdl sembri sempre meno santa, visto il calo di voti al Nord, è un dato di fatto confermato dalle parole non solo di Bossi ma anche da quelle di Matteo Salvini. L'eurodeputato del Carroccio, intervenuto al programma Agorà su Raitre, l'ha sparata grossa: "La Lega Nord non è nata a destra e non morirà a destra. Con il Pdl è un matrimonio di interesse Ma la sinistra non è un nostro interlocutore. Ci sono 12 sinistre, un conto è quella di Sergio Chiamparino altro è quella di Antonio Bassolino e Nichi Vendola". Detta mentre a sinistra si inizia a pensare proprio all'ex sindaco di Torino Chiamparino come coordinatore del Pd del Nord, suona anche questa come una profezia sibillina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • guidoboc

    19 Maggio 2011 - 23:11

    Decidete una buona volta cosa volete fare da grandi . Elettore P.D.L.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    19 Maggio 2011 - 16:04

    Egr Bossi, per non andare a fondo col PDL l'unica cosa è quella di aspettare fino alle ultime battute formali sull'approvazione del federalismo.... non sono informato e non sò cosa manchi ancora. Ma subito dopo basta, stacchi la spina perchè questo non è un governo, è un'agonia da idioti.

    Report

    Rispondi

  • Lamb

    19 Maggio 2011 - 10:10

    piantala di tirare la carretta per il premier, lascialo a piedi e vai da solo che ti conviene.

    Report

    Rispondi

  • il furbo del villaggio

    19 Maggio 2011 - 09:09

    Peccato, veramente un peccato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog