Cerca

I silenzi del buon Pisapia: niente scuse per le risse

A Milano Giuliano non prende le distanze dagli eccessi dei suoi ultrà. La Russa: "Sinistra non dia la caccia ai comizi Pdl". Stretta di mano con la Moratti

I silenzi del buon Pisapia: niente scuse per le risse
Più degli insulti, a Milano pesano i gesti e i silenzi. In particolare, quelli del centrosinistra e di Giuliano Pisapia. Gli ultimi giorni hanno riservato qualche spiacevole sorpresa, come le aggressioni di sabato e domenica ai comizi e ai gazebo del Pdl da parte di alcuni esagitati simpatizzanti del candidato anti-Moratti. Un clima di tensione, anche fisica, che Pisapia ha pensato bene di non stigmatizzare. "Attendiamo che le responsabilità vengano accertate - ha dichiarato, per esempio, a proposito della rissa che ha coinvolto la madre dell'assessore Pdl Alan Rizzi al mercato di via Osoppo -. Escludo però che uno dei miei sostenitori abbia spintonato la signora". Nessuna scusa, quindi, atto formale più che di sostanza che sarebbe servito però a stemperare l'elettricità del momento in questa ultima settimana verso i ballottaggi del 29 e 30 maggio. Meglio continuare a rispondere, tono su tono, a Silvio Berlusconi che l'accusa di voler trasformare Milano in una città islamica: "Berlusconi è così bugiardo che non si può credere neppure al contrario di quello che dice", ha replicato il candidato del centrosinistra. E sul "caffè coi centri sociali", altra stoccata al Cav: "Io prendo il caffè con professionisti, imprenditori e lavoratori, lo prendo con la parte buona della città, da parte sua questa è l'ennesima menzogna". Sarà contento chi, a sinistra, si aspetta un cambio di tendenza rispetto alle politiche della giunta Moratti, che tanto ha fatto per limitare lo strapotere dei centri sociali in città.

STRETTA DI MANO - L'appello del ministro della Difesa Ignazio La Russa, insomma, è caduto nel vuoto: "Invito Pisapia - ha detto il coordinatore nazionale del Pdl - a chiedere perdono alla signora che è stata colpita da un suo supporter o, se non lo vuole, a far desistere i suoi dalla caccia alle iniziative di centrodestra: ognuno parli con i cittadini, ma senza disturbare gli altri. Lo dice uno che, ovunque va, da giorni è stato seguito da una decina di persone con i fischietti mandata apposta per contestarmi". Secondo La Russa, la 'caccia al comizio' di centrodestra ha un effetto: non si parla di programmi. "Stiamo lavorando per far emergere nel ballottaggio - ha detto La Russa - le differenze di programma tra la signora Moratti e Pisapia e non ci riusciamo fino in fondo per due ordini di ragioni: la prima è che Pisapia si sottrae a qualunque confronto perché sa che finito il rumore emergerebbe la sua visione di estrema sinistra sulla città. La seconda, invece è legata al clima di tensione che artatamente la sinistra sta creando". Nessun confronto, nessuna distensione. C'è spazio solo per una rapidissima (ed imbarazzata) stretta di mano tra Pisapia e Letizia Moratti, intervenuti oggi ai giardini Falcone e Borsellino per le commemorazioni della strage di Capaci. "Mi ha fatto molto piacere", ha commentato il sindaco uscente. "Come tutte le persone cortesi e gentili ho stretto una mano che mi è stata porta", ha pensato bene di discolparsi Pisapia.

"PISAPIA ZERU TITULI" - La Moratti, intanto, ha ironizzato proprio sui programmi del suo sfidante. "Con Pisapia sviluppo zeru tituli", ha detto la candidata del Pdl. "Noi sullo sviluppo abbiamo sempre investito in maniera continuativa e proseguiamo sullo sviluppo. Dall'altra parte, se posso usare questo termine, con Pisapia sviluppo zeru tituli". E sull'Ecopass, ricorda la Moratti, "Pisapia ha rincorso la nostra decisione di non metterlo, ma si contraddice rispetto al suo programma e parla senza tener conto che i partiti della sua coalizione sono tutti a favore di una tassa su tutti i veicoli, inquinanti e non inquinanti, 5 euro su quelli privati e 10 su quelli commerciali"

"IDOLO DI AL QAEDA" - Rimane caldissima la polemica sul problema-immigrazione. Secondo il vicesindaco Riccardo De Corato, il progetto di 'autocostruzione' rivolto ai rom presente nel programma di Pisapia rappresenta un rischio per Milano. "Il candidato dell'estrema sinistra la smetta di prendere in giro i milanesi - attacca De Corato -. La sua ricetta sul piano pratico significa subito 1.500 case ai rom. Un numero che almeno si decuplicherà non appena si saprà che a Milano, anche se rubi, ti danno la casa gratis. E i nomadi accorreranno dalle altre province e dalle altre regioni Ma il tam tam arriverà in Romania, dove ci sono due milioni di rom, richiamati dalle elargizioni di Pisapia. Nel programma di Letizia Moratti c'è, al contrario, la volontà di azzerare tutte gli insediamenti irregolarì e sulla scorta di Triboniano procedere all'ulteriore riduzione di quelli regolari. Milano per noi è off-limits ai nomadi". Ben più duro Mario Borghezio: intervenuto al programma web tv di Klaus Davi, KlausCondicio, l'eurodeputato della Lega ha calato l'asso: "Non ci sono dubbi che i fondamentalisti islamici, in primis Al Quaeda e lo stesso Al Zawahiri, sarebbero felicissimi se a Milano la Lega dovesse perdere e Pisapia diventasse sindaco. La vittoria della sinistra spalancherebbe le porte all'islam radicale. E' come se sul Duomo sventolasse una bandiera islamica".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lorisvioni

    24 Maggio 2011 - 19:07

    Lei, con la sua testa ha mai provato a pensare?

    Report

    Rispondi

  • lorisvioni

    24 Maggio 2011 - 19:07

    Spero ardentemente che la pagliacciata arancione, sotto forma di sfilata in piazza del Duomo da parte di Mussulmani a sostegno del compagno Pisapia, prevista per domani a Milano, si trasformi in un boomerang, non solo per il filoislamico candidato dei rossi, ma sopratutto per il Cardinale che consente questo ennesimo sfregio, questa ennesima profanazione ai luoghi sacri a lui affidati. Dicono che va in pensione fra pochi mesi: non si potrebbe aprire una "finestra" anticipata. magari oggi stesso. E prima di designare il successore, i signori di Roma incaricati della scelta, tengano presente che quel prestigioso incarico fu prima di Carlo e poi di Federigo Borromeo. Così, tanto per dire. Che non erano amici né dei comunisti né degli islamici. Ma della povera gente normale.

    Report

    Rispondi

  • VICTORY42

    24 Maggio 2011 - 17:05

    Ho letto i primi 4 commenti dei simpatizzanti di Pisapia , non capisco se sono proprio convinti di quello che scrivono perchè dirle le c.......te è un conto ma scriverle è demenziale

    Report

    Rispondi

  • nessuno1

    23 Maggio 2011 - 21:09

    Una testimone ha visto Franca Rizzi buttarsi a terra da sola e gridare che gli uomini di Pisapia l'avevano picchiata, e con la Moratti hanno fatto una bella sfilata all'ospedale... Poi i Rom ingaggiati dalla destra per andare in centro a gridare "Stiamo con Pisapia" fanno ancora piu' ridere. Questi di perdere proprio non ne vogliono sapere, e giocano sporco per vincere. Ma non vincerete, Pisapia è la novita'! La Batmamma ormai è un'arpia fischiata ovunque che fa pena ah ah

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog