Cerca

Pisapia vs Moratti: lui querela. E lei: "Mi autodenuncio"

Esposto del candidato di sinistra: "Finti zingari, balle del centrodestra". Letizia: "Piuttosto parli del programma". Con Giuliano c'è Famiglia Cristiana

Pisapia vs Moratti: lui querela. E lei: "Mi autodenuncio"
Mancano pochi giorni al ballottaggio milanese da cui dipende una grossa fetta del futuro politico del Paese, e il candidato del centrosinistra, Giuliano Pisapia, incalzato sui punti del programma comincia a vedere i fantasmi. Dietro a quelli che definisce i "finti zingari", i "finti operai" e le "menzogne e le falsità della propaganda del centrodestra" ci sarebbe niente meno che "una regia". Ne è assolutamente convinto il candidato vendoliano, che sottolinea come si tratti di "cose di una gravità incredibile, che non possono derivare da iniziative personali. Dietro c'è una regia, una strategia che è quella di cercare di infangare la mia immagine e, quello che più mi preme, di infangare la coalizione, il mio programma e il futuro di Milano". Quindi Pispaia annuncia una querela depositata alla Procura di Milano, che ha avviato un'indagine con l'ipotesi di reato di diffamazione.



REPLICA DELLA MORATTI - Nell'esposto depositato dai legali di Pisapia vengono formulate anche ipotesi di reato per abuso della credulità popolare, sostituzione di persona e notizie atte a turbare l'ordine pubblico. Il fascicolo inizialmente è stato assegnato al procuratore aggiunto di turno, Nicola Cerrato, ma per la competenza finirà al pubblico ministero Armando Spataro. Letizia Moratti ha risposto con ironia al candidato della sinistra: "Allora mi autodenuncio anche io. Se la campagna di denigrazione è quella che intende parlare di programmi e delle loro differenze, allora mi autodenuncio". Un commento sull'iniziativa della sinistra è arrivato anche dal presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni: presentare la denuncia, per lui, è "un grosso scivolone. Io lo considero un grande, grandissimo scivolone e una dimostrazione che i toni sbagliati li sanno usare benissimo anche loro. Questa denuncia in procura non sta né in cielo né in terra. Dimostra, forse, la preoccuapazione che ha iniziato ad invadere le loro fila".

CORTEO ISLAMICO - Pisapia teme la rimonta del centrodestra, e a minare il suo vantaggio, negli ultimi due giorni, ci si è messo pure il 'mistero' della manifestazione degli isalmici a suo favore. Il candidato del centrosinistra, dopo l'annuncio del Comitato musulmani per Pisapia pronto a marciare in piazza Duomo per sostenere quella sinistra che vuole il 'grande polo islamico', ha cercato fino all'ultimo di convincere gli organizzatori a rinunciare al corteo. Già lunedì Giuliano aveva preso le distanze dall'evento: "Noi non ne sappiamo niente". Alla fine, ci è riuscito: niente corteo. Davide Piccardi, esponente di Sinistra e Libertà e organizzatore della manifestazione, intervistato dal Fatto Quotidiano, ha annunciato lo stop, e ci ha aggiunto pure una 'retromarcia'. Non si trattava di un corteo, spiega, ma "soltanto di un volantinaggio, una passeggiata da San Babila fino a piazza Castello". Ma poi è lo stesso Piccardi a tradirsi: "Con il comitato di Pisapia abbiamo deciso di annullare la manifestazione, era troppo alto il rischio di subire una strumentalizzazione".

FAMIGLIA CRISTIANA CON LA SINISTRA - Nel frattempo, al fianco del candidato della sinistra, si è schierata pure Famiglia Cristiana. Secondo la rivista, con la vittoria di Pisapia "Milano non rischia nulla di terribile". Per giustificare la presa di posizione, il periodico dei Paolini spiega: "Durante un'intervista corale in tv all'allora presidente del Consiglio, Bettino Craxi, gli domandammo come giustificasse che il suo Psi governasse a Roma con la Dc e a Milano con il Pci, ed egli ci rispose: 'Non mi occupo di beghe localì. Resta il fatto che Milano non rischia nulla di terribile, anzi può darsi che si realizzi, nel caso che vinca Pisapia, qualcosa di quanto propone da anni la Chiesa ambrosiana, operando attraverso la sua Caritas entro i limiti delle sue possibilità e competenze, in difesa degli ultimi arrivati, in particolare proprio quei rom così trasformati in incubo”. Per Famiglia Cristiana, in estrema sintesi, la priorità è quella di assicurare un futuro radioso ai rom.

CRITICA POLITICA - Ma l'attacco del periodico poi diventa più specificatamente politico: il riferimento è alla proposta di spostare alcuni ministeri che sta infiammando il dibattito politico all'interno del centrodestra. “E che dire della proposta leghista di spostare alcuni ministeri da Roma a Milano, con Berlusconi che rispondendo impacciato allude ad analoghe iniziative per il Sud, provocando l’immediata reazione del sindaco di Roma e della  parte non padana del Pdl? Su questa idea - si osserva  sul periodico - come sulla legislazione riguardante gli immigrati, le moschee, il controllo dei consumi di droga, e così via, la competenza legislativa non spetta agli enti locali, ma al Parlamento, e dunque non ha senso discuterne in occasioni che presentano ben altre questioni di interesse generale immediato”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • radicipiero

    27 Maggio 2011 - 16:04

    Che i Milanesi siano ormai una razza estinta lo si sapeva. Spero che vinca Pisapia così Milano diventerà ufficialmente la capitale dell' Africa, invece che diventarlo in modo strisciante, con buona pace di Tettamanzi che così avrà un bel mucchio di nuovi potenziali clienti ! ( a meno che gli Islamici, se vincono, non lo seghino come hanno fatto i Sandinisti coi preti in Nicaragua - Teologia della Liberazione docet .... )

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    26 Maggio 2011 - 19:07

    Lo stesso mistero della fede che è avvenuto con l'elezione di Prodi.Poi si è visto come è andata a finire.Da questo si capisce che oggi è meglio che vinca Pisapia, che tutta la sinistra porta via.

    Report

    Rispondi

  • GloriaCinti

    26 Maggio 2011 - 09:09

    Non capisco e non mi adeguo. Mi chiedo perchè i preti dovrebbero sostenere coloro che considerano aborto, divorzio e ateismo come conquiste di una società libera e soprattutto libertaria. Potrebbe essere così da parte di laici, ma sentire questo sostegno addirittura dal vescovo di Milano....Credo che oramai il cattolico praticante abbia perso le direttive certe di comportamento religioso. Per quanto "famiglia cristiana" non so in quale tipo di famiglia creda e quanto cristiana.

    Report

    Rispondi

  • 22101938

    26 Maggio 2011 - 09:09

    È chiaro : don Sciortino appoggia Pisapia.D'altra parte appartengono entrambi alla stessa parrocchia.Da nessuno dei due si leva un grido contro i preti pedofili

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog