Cerca

Sinistra anche a Cagliari e Trieste. Pdl tiene Ragusa

Debacle per il centrodestra. Al ballottaggio cadono le roccaforti di Gallarate e Pavia. Resiste Varese, alla Lega. Affluenza in calo

Sinistra anche a Cagliari e Trieste. Pdl tiene Ragusa
Il centrosinistra stravince in tutta Italia. Se le sconfitte più brucianti sono quelle di Milano e Napoli, la prestazione del centrodestra alla amministrative 2011 è stata ovunque deludente. Debacle a Cagliari e Trieste, città in bilico fra i due poli. Ma cadono anche storiche roccaforti di destra, prime fra tutte Pavia e Gallarate. Resiste invece Varese, dove a vincere è però un candidato della Lega Nord. E secondo il Viminale, sconfortante è anche il dato dell'affluenza alle urne: si sarebbe recato ai seggi il 60,11% dei chiamati a votare, facendo registrare un -8,47% rispetto al primo turno del 15 e 16 maggio. In controtendenza Milano, che rimane stabile sul 67%. Calo verticale invece a Napoli, dove ha votato solo il 50,57% dei cittadini. A Ragusa, dove gli elettori erano chiamati al primo turno, riconferma per il sindaco uscente del centrodestra.

CAGLIARI - A Cagliari, il candidato del centrosinistra Massimo Zedda, ha stracciato il corrispettivo del centrodestra, Massimo Fantola, ottenedo il 59,20% dei voti, contro il 40,79% dello sfidante. Zedda, 37 anni, è un giovane consigliere regionale del partito di Nichi Vnedola, Sinistra Ecologia e Libertà.

TRIESTE - Centrodestra sconfitto anche a Trieste, dove il candidato del centrosinistra Roberto Cosolini è ha vinto con il 57,23% dei voti. Lo sfidante del Pdl Roberto Antonione si è fermato al 42,77%. Per quanto riguarda la Provincia, Maria Teresa Bassa Poropat è stata riconfermata presidente. La candidata, sostenuta da Pd, Idv, Sel, Fds, Psi, Slovenska Skupnost e Lista Bassa Poropat, ha raccolto il 58,67 per cento dei voti. Giorgio Ret, appoggiato da Pdl, Lega Nord, Pensionati e Lista civica di Piazza per Trieste si è fermato al 41,33 per cento. L’affluenza alle urne è stata del 51,02 per cento.

PAVIA - Anche a Pavia, roccaforte della destra in Lombardia, la situazione è tutt'altro che rosea. Il candidato del centrosinistra alla presidenza della Provincia, Daniele Bosone è ha vinto con il 50,54 per cento su Ruggero Armando Invernizzi, candidato del Pdl, fermo al 49,45 per cento.

GALLARATE - Risultati choc per il Pdl a Gallarate, storico comune padano in provincia di Varese dove il candidato del centrosinistra Edoardo Guenzani è avanti con il 54,1% dei voti. Il candidato del Pdl Massimo Bossi è fermo al 45,8% dei voti. A Gallarate la Lega e il Pdl si erano presentati alle urne separati e i due candidati avevano preso al primo turno rispettivamente il 30,5% e il 33,5% dei voti.

VARESE -
Nessuna sorpresa a Varese dove Attilio Fontana, candidato della Lega e del Pdl, ha avuto il 53,89% dei voti ed è stato eletto sindaco. Luisa Oprandi, appoggiata dal centrosinistra, si è fermata al 46,10%. Notizie positive anche da Cosenza, dove è in vantaggio il candidato appoggiato dal centrodestra. Mario Occhiuto ha il 53,88% dei voti mentre il suo sfidante, Enzo Paolini, appoggiato dal centrosinistra, è al 46,11%. Scrutinate 33 sezioni su 82.

RAGUSA - A Ragusa conferma al primo turno per il sindaco uscente del centrodestra, Nello Dipasquale: il candidato del Pdl sfiora il 57% dei voti, mentre lo sfidante della sinistra, Sergio Guastalla, è fermo al 36,27 per cento. Segue Salvatore Battaglia del Mpa, con il 6,49 per cento dei voti.

AFFLUENZA - Confermati i dati sull'affluenza alle urne, in calo al 60, 11%. Stabile invece Milano , dove per il ballottaggio tra il sindaco Letizia Moratti e il candidato del centro sinistra Giuliano Pisapia  si è recato alle urne il 67,36% dei cittadini. Un dato sostanzialmente invariato rispetto al 67,56% del primo turno, il che dimostra quanto le amministrative 2011 fossero sentite nel capoluogo lombardo. Non la stessa affezione hanno dimostrato i partenopei: a Napoli si è registrato un netto calo dell’affluenza alle urne, tra ieri e oggi si è recato a votare il 50,57% degli aventi diritto, a fronte del 60,32% registrato al primo turno di due settimane fa, per una riduzione del dato del 9,75%.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    30 Maggio 2011 - 23:11

    Fossi mica matto; c'é Confalonieri e Piersilvio e Marina piu' Barbara, prima di tutto.Poi devo dare soldi a Ghedini, Pecorella, Lele Mora, Emilio Fido, gli Irresponsabili. Il Milan dove lo mettete con quel che mi costa Galliani? Poi i PM da contrastare, le fanciulle da attirare ecc... Ah, sì é vero siamo in Italia, dove ci sono quegli stranieri dei Lumbard, i letti di Putin, il parentado di Mubarak. Bé, ci pensero' se pensarci.

    Report

    Rispondi

  • Lupetto99

    30 Maggio 2011 - 20:08

    Il plebiscito a favore del governo è fallito, i risultati sono più che deludenti sono allarmanti . Una destra che vuole governare il paese in modo serio deve porsi il problema di risolvere i problemi degli italiani e non deve moltiplicare i posti di potere x favorire alcune forze politiche. In queste elezioni hanno perso la Lega e l' asse preferenziale Bossi-Berlusconi.

    Report

    Rispondi

blog