Cerca

Cav su Tremonti: "Battuta su fisco non è polemica"

Ieri Berlusconi: "Giulio non decide, propone. Allargare cordoni borsa". Poi precisa: "Fiducia nel ministro"

Cav su Tremonti: "Battuta su fisco non è polemica"
"Vengo avvertito di tentativi di polemica su una mia risposta del tutto ovvia ad una domanda dei giornalisti. Riconfermo piena fiducia nel ministro Tremonti e sono sicuro che continueremo a lavorare bene insieme come abbiamo fatto sino ad adesso". Silvio Berlusconi esclude frizioni con il ministro dell'Economia, punzecchiato martedì sul Fisco. "Al primo punto dell'agenda politica - aveva detto il premier - c'è la riforma del fisco, apriremo i cordoni". A chi gli aveva chiesto di un'eventuale ritrosia di Giulio Tremonti, la risposta: "La faremo. Non è Tremonti che decide, lui propone". Una battuta, un po' gelida, che aveva dato forza alle voci che volevano Silvio e Giulio ai ferri corti. Una tensione nata dalla delusione elettorale e che rischiava di minare anche il rapporto tra il Pdl e la Lega, che con il ministro ha sempre avuto un rapporto privilegiato. La frase di Berlusconi è arrivata in concomitanza proprio con qualche frecciatina del Carroccio, da Bossi ("Il governo va avanti, non so se tranquillo") a Maroni ("Che sberla, serve una riflessione") fino a Salvini ("In campagna elettorale il premier è stato sciocco"). Quasi naturale, dunque, una tregua armata con l'uomo di Silvio più vicino a Umberto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • proximus

    01 Giugno 2011 - 21:09

    Gli italiani sono stufi delle solite facce. Urge un ricambio ! Se berlusconi vuole ripartire cambi il motore alla carretta che lo tiene a galla.

    Report

    Rispondi

  • pongid

    01 Giugno 2011 - 21:09

    Il ministro Tremonti non è certamente molto simpatico,ma invito chi non condivide il suo operato di suggerire chi lo potrebbe sostituire.Provate voi a far dimagrire le spese dei vari ministeri,sono necessari tegli con l'accetta.State certi che le dotazioni organiche probabilmente non sono mai state aggiornate.Forse sono ancora in organigramma centinaia di dipendenti che non servono e sicuramente macano qualifiche indispensabili.Penate poi ai distacchi presso i vari ministeri ,da ridere!!!!!

    Report

    Rispondi

  • ASSEOPE

    01 Giugno 2011 - 19:07

    Giovanni Conte · La Sapienza Presidente Berlusconi la storia si fà con idee nuove e con iniziative politiche che sorprendono l'avversario e soddisfano realmente gli interessi del paese. Non l'asciare l'economia in mano ai tecnici.Non credo che hai costruito il tuo impero economico per le idee dei tuoi contabili.L'Aziaenda Italia deve essere rimodernata e occorrono capitali the investire.Occorre renderla produttiva per poter pagare l'enorme debito pubblico.Nuove manovre economiche avrebbero l'effetto di togliere altri capitali al sistema economico con il conseguente ulteriore impoverimento del sistema paese. Occorre aver coraggio e sfidare la speculazione ed il potere finanziario internazonale.Giocare d'anticipo e ristrutturare il debito pubblico. Ci sono stati altri due precedenti storici.Significherebbe dare ossigeno all'intero sistema produttivo, creare le condizioni per un sviluppo del PIL su base annua almeno del 5%, avere la possibilità di ridurre realmente il carico fiscale e contemporaneamente ridurre lo stesso debito pubblico senza ulteriori sacrifici.Tutto ciò esprime meglio la tua personalità e capacità imprenditorale. Così si passa allla storia come statista e leader e non come politico nella ragnatela dei compromessi.

    Report

    Rispondi

  • bepper

    01 Giugno 2011 - 18:06

    Dobbiamo aspettarci un'altra intervista di Galan?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog