Cerca

Qui Carroccio, piano Maroni: Togliere la Lega a Bossi e Cav

Caos referendum. Bobo smentisce Umberto: "Ho votato sì". Poi l'ultimatum: o si cambia o si vota. Che cosa succederà a Pontida?

Qui Carroccio, piano Maroni: Togliere la Lega a Bossi e Cav
È una svolta epocale nella storia della Lega. Mai il grande capo Umberto Bossi era stato smentito dai colonnelli nel giro di poche ore. In modo plateale. Domenica sera, da Novara, il Senatur parlava di «referendum inutili» dicendo: «Spero che la gente non vada a votare». Aggiungeva, Bossi, che «tra Pdl e Lega i rapporti sono buoni». Ieri, a urne aperte e sul Corriere della Sera, Roberto Maroni annunciava di aver votato due quesiti, quelli sull’acqua, barrando il sì. Più di lui aveva fatto Luca Zaia, governatore ed ex ministro: 4 sì. Li aveva annunciati (e l’aveva imitato il sindaco di Varese Attilio Fontana) e ieri l’ha ribadito. A seggi ancora spalancati. Pensare che pochi giorni fa il capogruppo Marco Reguzzoni aveva spiegato che Bossi probabilmente non sarebbe andato alle urne. E lo stesso leader l’aveva confermato, domenica, quando l’affluenza sembrava crescere di ora in ora. Eppure, qualche settimana fa proprio Umberto aveva definito «attraenti» i quesiti sull’acqua.

Una confusione che, apparentemente, non ha disorientato la base lumbard. Dando un occhio alle zone ad alta densità padana, il quorum è stato abbondantemente superato. Segno che gli elettori di Alberto da Giussano non seguono più con cieca obbedienza il Senatur. Maroni, sempre sul Corriere, chiede al premier di impegnarsi per riforma del fisco e blocco degli sbarchi perché «tirare a campare è tirare le cuoia. La Lega è indisponibile a formule di transizione», dando una specie di ultimatum. E sono dell’altro giorno i pizzicotti che proprio il titolare del Viminale aveva riservato a Giulio Tremonti per il «coraggio» da vaere per tagliare le imposte. Insomma, altro che «buoni rapporti» tra Pdl e Lega, come ha invece osservato Bossi aggiungendo che il premier «ha perso la capacità di comunicare in tv». C’è metà Carroccio che chiede di invertire la rotta, allontanandosi da Berlusconi. A Pontida, con ogni probabilità, verranno snocciolati i desideri dei padani per rilanciare l’esecutivo: disimpegno dalla guerra in Libia, blocco navale contro i barconi, modifica del patto di stabilità per dare più soldi ai comuni virtuosi, trasloco dei ministeri al Nord. Richieste che rischiano di andare in secondo piano, surclassate dai malumori interni che potrebbero venire a galla. Basta dare un’occhiata ai manifesti che annunciano la kermesse: sono secchi, senza slogan né immagini evocative. Quasi non ci fossero idee chiare, obiettivi, risultati da ricordare.

Spifferi raccontano che da alcune province i pullman per raggiungere il pratone siano decisamente diminuiti rispetto all’anno scorso. E più d’una sezione si sarebbe ribellata perché, a differenza che in passato, l’organizzazione non vorrebbe l’installazione di singoli gazebo per vendere gadget e rimpinguare così le casse locali. Occhio a quel che potrà accadere tra i lombardi. Varese rischia di essere l’epicentro di un terremoto devastante. Si parla di striscioni di protesta contro Giancarlo Giorgetti, leader della Lega Lombarda, vicino a Maroni e inviso al cosiddetto cerchio magico che starebbe organizzando la contestazione. Giorgetti è stufo, si sente sotto attacco. Quelli che stanno con lui pensano che i rivali interni circondino il Senatur, lo consiglino male, lo portino lontano dal sentimento degli elettori. Il cerchio magico, invece, dà agli altri la colpa degli ultimi risultati elettorali. È in questa atmosfera da saloon che Maroni ha rotto gli indugi. Cercando di prendersi la Lega. Per allontanarla dal premier. E, di conseguenza, anche da Bossi.

di Matteo Pandini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • xindicativo

    18 Giugno 2011 - 15:03

    Se così fosse sarebbe vendetta per quell'uscita + rientrata di Maroni molti anni or sono; tale da vendicarsi e ripagarsi dell'umiliazione subita. I distinguo cominciano ad essere troppi e la causa di forza maggiore prende i connotati a volte del figliolo trota che in Tv dalla Bignardi incensa Bersani, la fa da capettino in Regione Lombardia ed odiosità sui generis per coloro che hanno cicatrici e stimmate da leghismo ante litteram....Al nuovo cinema Pontida debba alzarsi un giusto che rivendichi onore ed onere di seppellire i Cesari , non di lodarli......paradosso con timore che Pontida divenga sceneggiata Napoletana ....certezza che gli scalpi di tanti incauti portatori d'acqua del passato emergano dalle acque intorbidite del Po......

    Report

    Rispondi

  • spalella

    15 Giugno 2011 - 18:06

    Bossi ha il merito di aver smosso il pantano borbonico italiano, di aver costruito una forza decisiva per modernità e pragmatismo, MA un pò perchè COMANDA da oltre 20anni, un pò per la sfortunata malattia che ha subito, e un pò perchè quando ci si ingrandisce si deve DELEGARE, credo sia ora che apra alla democrazia INTERNA. Uomini capaci, e che si mostrano con onestà, la lega ne ha diversi e posizionati anche in posti amministrativi importanti ove stanno facendo pratica. E' ora di cambiare qualcosa.

    Report

    Rispondi

  • degrel0

    15 Giugno 2011 - 12:12

    Le sparate dei vari Calderoli,Maroni,Borghezio e altri frequentatori di osterie hanno stufato i veri padani,quelli che ragionano in modo pratico e non ne possono più dei ciarlatani che una ne pensano,cento ne dicono e non combinano niente.Bossi dice che non vota,Maroni vota Si,ognun per se e Dio per tutti.Ma andate in mona!

    Report

    Rispondi

  • Megas Alexandros

    15 Giugno 2011 - 11:11

    Innanzitutto mi chiedo cosa abbia in mente. Lo ritengo abbastanza intelligente per capire che senza un alleato di centrodestra la Lega sia fottuta. Con chi andrà a parlare di Federalismo??? Con Vendola o Bersani o Di Pietro o Casini??? Ma mi faccia il piacere. Se Maroni ha intenzione di combattere una battaglia tutta non pretenda di coinvolgere gli elettori leghisti. Innanzitutto ho davvero trovato RIDICOLO che Calderoli frignasse per la ennesima "sberla" della quale dovrebbe chieder conto proprio ai suoi colleghi come Maroni. Ma stiamo scherzando chi vogliono prendere per il sedere!!! Sono leghista e NON andrò a Pontida. La Lega è e vuole essere un partito legato al territorio, ad una parte in particolare del territorio. A meno che coltivi l'ambizione di riuscire a convincere tutto il nord- italia, suo bacino elettorale, cosa improbabile cosa crede di riuscire a fare senza un appoggio del centrodestra. Siamo certi cha abbia ancora il potenziale di condizionare i futuri Governi. Mah!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog