Cerca

Pd e Idv di nuovo sulla terra: opposizione divisa su tutto

Sinistra divergente su agenda e strategie. Bersani chiede le dimissioni di Berlusconi, Di Pietro no: "Maggioranza dei trenta denari, lasciamola al suo destino". Legge elettorale: il primo vuole l'accordo col Pdl, Tonino è scettico

Pd e Idv di nuovo sulla terra: opposizione divisa su tutto
Fatta l'opposizione, ora bisogna fare la coalizione. E qui iniziano i disastri. Perché incassati i successi alle amministrative e intascati pure i meriti per la vittoria dei 4 sì al referendum, Pd e Idv sono costretti a sedersi ad un tavolo, guardarsi di nuovo negli occhi e parlarsi. E lì, dopo settimane di slogan e manifestazioni in piazza, quando i toni diventano più pacati, capiscono di non parlare la stessa lingua. Sono due i temi emblematici: l'atteggiamento da tenere col governo Berlusconi e la riforma elettorale.

"Dimissioni!". Anzi no - Nel primo caso, Pier Luigi Bersani si è fatto prendere dall'euforia referendaria e ha subito gridato, a urne calde, "Dimissioni!". Antonio Di Pietro lo ha gelato: "Non oggi, non adesso". Tonino, l'indomani, spiega perché: "Con questa maggioranza dei trenta denari una mozione di sfiducia finirebbe per rilegittimare un governo delegittimato che va lasciato al proprio destino". Al di là delle insinuazioni sul centrodestra ("Una cosa è la maggioranza reale, altro è la maggioranza comprata in Parlamento") l'ex magistrato ha ben in mente, più del segretario democratico, cosa significherebbe far cadere un governo senza avere alternative. Perché, ad oggi, in parlamento avere un'altra maggioranza appare difficile. E fuori dall'Aula l'ipotesi è ancora più astrusa. Anche per questo, sono partiti in giornata i "tavoli tematici" tra Italia dei Valori e Partito democratico per "costruire un programma per l'alternativa". Alla buon'ora: i due partiti sono all'opposizione da tre anni e ancora non si vedono punti di contatto significativi né sulla strategia né sull'agenda. L'Idv sarà rappresentata da Maurizio Zipponi per il lavoro, Luigi Li Gotti per la Giustizia, Massimo Donadi per le riforme istituzionali. "Noi ci proponiamo come il motore dell'alternativa all'insegna di una politica moderata", ha spiegato Di Pietro. Ufficialmente, col Pd è tornata la pace ("Prendo atto del chiarimento di Bersani" sulla questione dimissioni, ha spiegato Di Pietro) ma c'è un altro problema. Quello della riforma elettorale.

Balletto sulla riforma - In questo caso, le direzioni di Pd e Idv sono divergenti. Lunedì il senatore democratico Nicola La Torre ha ribadito: "Le legge elettorali si fanno in Parlamento, non si fanno i governi per fare le leggi elettorali", chiudendo dunque ad un'eventuale sfiducia pilotata a Berlusconi per una grande coalizione. Più facile, piuttosto, trovare un accordo con il Pdl e tagliare fuori le estreme. Ma Di Pietro è scettico: "Fino a quando questo governo Berlusconi sarà in carica non credo che si potrà fare una riforma elettorale". Per Tonino, "il centrodestra ha proposto la riforma elettorale più come scusa per non andare a votare che per vera volontà di cambiamento". "Temo - ha concluso che sia solo una furbata per giustificare il solito 'tirare a campare' travestito questa volta da governo tecnico per evitare le urne".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mario modern

    15 Giugno 2011 - 09:09

    egregio direttore, è ora di finirla di ospitare le menzogne dei compagni. dovete de moderare i commenti! solo i moderati possono commentare. i moderati sono la stragrande maggiornza delpaese e sono ancora tutti con Silvio. fatevene una ragione altrimenti Silvio farà di sicuro le lezioni anticipate come vuole lei, Direttore, e farà un mazzo tanto ai compagni portando una massa enorme di parlamentari alle camere, grazie soprattutto alla terza gamba dei responsabili, espressione verace dei sentimenti popolari. forza Silvio.

    Report

    Rispondi

  • eddvedd

    15 Giugno 2011 - 09:09

    Ma se nel PDL c'è il putiferio!!!! Silvio B. contro Tremonti, Bossi contro Silvio B., la Santanchè sputtana Silvio B. con Briatore dicendo che i Bunga Bunga continuano a tutta forza... Il PDL è ormai al capolinea, Silvio B. scende al 29% l'opposizione sale al 42.5%. E voi parlate di opposizione confusa??

    Report

    Rispondi

  • paolino2

    15 Giugno 2011 - 08:08

    mi preoccurerei ASSAI DI PIU' di guardare in casa vostra, che ne avete attualmente da gurdare! Hahahahaahahaaaaaa!|!!!

    Report

    Rispondi

  • blu521

    15 Giugno 2011 - 07:07

    Volete mettere l'armonia tra pdl e lega? Perdono su tutto! Questi altri non sono daccordo su niente,ma vincono tutto! A loro non potrebbe mai venire in mente un partito dell'amore

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog