Cerca

Il bunga bunga dei dipietristi: denunce per ricatti sessuali

Lo scandalo a luci rosse coinvole gli onorevoli Pedica e Zazzera (Idv). Tra sesso e politica, chiedevano favori erotici per un lavoro

Il bunga bunga dei dipietristi: denunce per ricatti sessuali
Il bunga bunga è bipartisan. Scandali a luci rosse non arroventano solo le cadreghe di una parte del Parlamento o del premier Silvio Berlusconi, ma anche quelle dell'altro lato dell'arco politico. E, paradosso mica da ridere, proprio dalla parte dei più irriducibili bacchettoni della politica italiana, gli uomini di Antonio Di Pietro. E' Riccardo Bocca sull'Espresso.it a raccontare il sexygate che fa tremare l'Italia dei Valori, a partire da una denuncia presentata il 14 giugno alla Procura di Bari da Michele Cagnazzo, esperto di criminalità organizzata ed ex responsabile per l'Idv dell'Osservatorio pugliese sulla legalità.

La storia - La vicenda intreccia sesso e politica, promesse di lavoro in cambio di favori erotici, poltrone politiche per una monet
a a luci rosse. Tutto parte dalle confessioni di una donna, la trentunenne C. M., che Cagnazzo conosce nell'aprile 2010 negli uffici baresi dell'Idv. Un incontro dai risvolti inediti, e che lo porteranno ad autosospendersi dalla carica che aveva nel partito e a sporgere denuncia. La donna infatti, poco dopo, confiderà a Caganazzo di "essere stata vittima di insistenti avances e ricatti da parte del senatore della Repubblica Stefano Pedica e del deputato Pierfelice Zazzera" (43 anni, all'epoca dei fatti parlamentare Idv e coordinatore regionale del partito in Puglia, ndr), entrambi uomini di Antonio di Pietro.


Gli incontri - M. conosce i due nell'ambiente politico: simpatizzante dell'Idv partecipa spesso a dibattiti e conferenze. Entrambi la notano e ci provano "con insistenti inviti e richieste di appuntamenti al di fuori dell'ordinaria attività politica". Lei, accetta gli inviti, a detta di Cagnazzo per capire "se ci fossero opportunità di lavoro". E Zazzera, fiutando, "lo stato di necessità (...) continuò a tempestarla di telefonate e sms con ripetuti inviti a incontri clandestini", che effettivamente si svolsero in una camera d'albergo tarantina "dal maggio all'ottobre 2009". In cambio "di favori sessuali", Zazzera prometteva "un posto di lavoro presso l'ufficio legislativo del Parlamento ". E M. stava al ricatto "proprio perché versava in gravi difficoltà". Tra i due va avanti di questo passo, finché Zazzera le dice che "se avesse voluto guadagnare definitivamente il ruolo, avrebbe dovuto dedicare le medesime attenzioni sessuali al senatore Pedica" che poi "avrebbe messo la buona parola". Si giunge così nel dicembre 2009 all'incontro con Pedica, in un hotel di Brindisi, in cui "il senatore disse che per avere determinati benefici, avrebbe dovuto avere rapporti sessuali con lui". Lei, accetta ancora. Poi, un altro appuntamento a gennaio 2010.  Finché, "constatando che nulla si muoveva sul fronte del lavoro, M. interruppe i rapporti anche telefonici con i due".

La candidatura nell' Idv -
In seguito, però, M. scoprì "con somma sorpresa, di risultare tra i candidati alle elezioni regionali 2010 per la Puglia, nella lista Idv, pur non avendo mai proposto né tantomento accettato la propria candidatura". A questo punto, lei si sarebbe rivolta a un legale.

Stefano Pedica - 53 anni. Nasce democristiano, poi passa all'Udr di Francesco Cossiga e poi nel Movimento cristiano democratici europei del partito dipietrista. Definito il braccio destro di Antonio di Pietro, è noto alle cronache anche per la vicenda dell'auto blu, che utilizzava in orario di servizio e anche fuori orario per spostamenti personali. Non solo, Pedica collezionava valanghe di multe che poi l'allora ministro delle Infrastrutture Di Pierto chiedeva di far archiviare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Nello OPRANDI

    25 Giugno 2011 - 16:04

    C'è chi sparla del bunga bunga,altri del Bingo bongo;ma...sotto sotto che c'è?Se siete uomini con la U maiuscola,dovreste saperlo che cosa si nasconde(non troppo)sotto.Voi...cosa fareste se una ve la facesse Vedere?Sssshhhht!So già la Risposta;Esattamente come Tutti Loro...........Allora?

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    17 Giugno 2011 - 14:02

    Difatti Gentilissima,la digestione esula dal cibo e dipende dalla fisiologia dell'organismo.Per il resto la stima e la grandissima consderazione che ho verso la coppia più bella del forum, mi impedisce di pensar male o fraintendere una frase.La prossima volta che viene presa dallo scrupolo ,troviamoci a tavola,luogo ideale per il duello tra gentiluomini.Per la delega ricevuta a suo tempo ,invio un grosso e sincero bacione.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    17 Giugno 2011 - 14:02

    Spero per te che Berlusconi non inizi una campagna contro i proctologi.Già ti vedo raccogliere le firme per un nuovo referendumcon la maglietta , no alla privatizzazione dello sfintere,deve restare pubblico.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    17 Giugno 2011 - 14:02

    Il problema nasce tutto da lì, chi sbaglia deve pagare.Se i magistrati, non solo non pagano,ma usano la loro funzione,chi per costruirsi una vita politica,oppure per far fuori uno che gli stà sulle balle,allora tutti si sentono autorizzati a fare i furbi.Bada bene , non si tratta di criminalizzare una categoria,ma se tu assisti ad un'ingiustizia e non parli,ne diventi complice.Riguardo a Falcone, deve impressionarti il fatto,che i suoi peggior nemici,oltre la mafia,lo sono stati certi suoi colleghi, come da lui stesso scritto e dichiarato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog