Cerca

Scoppia la pace di Pontida Cav: "Con Bossi fino al 2013"

Il premier risponde alle richieste avanzate dal pratone: "Martedì o mercoledì il programma alla Camera. Ci saranno alcune delle richieste del Senatùr. Oggi è arrivata la conferma sulla volontà di proseguire la Legislatura fino al termine"

Scoppia la pace di Pontida Cav: "Con Bossi fino al 2013"
"A Pontida si è verificato quello che Bossi mi aveva annunciato: l'assoluta conferma che la nostra alleanza non ha alternative e che c'è la volontà di proseguire la legislatura operando le scelte su cui c'è un accordo consolidato". Queste le prime parole di Silvio Berlusconi dopo l''adunata leghista dalla quale il Senatùr ha avanzato le sue richieste affinché prosegua il cammino della maggioranza. Il Cavaliere ha parlato al termine della visita all'ospedela Niguarda di Milano a Luca Barisonzi, l'alpino ferito in un attentato in Afghanistan lo scorso gennaio. Insomma, il governo andrà avanti fino al 2013 e, aggiunge il presidente del Consiglio, "io martedì e mercoledì andrò in Senato e alla Camera per illustrare un programma ormai definito che conterrà anche alcune delle richieste fatte da Bossi".

Calderoli: "Non serve un incontro" - "Non credo ci sia il bisogno di incontrare Berlusconi . Il nostro programma lo conosce  già". Ad affermarlo è il ministro della Semplificazione Roberto Calderoli che al termine della kermesse della Lega a Pontida torna a  commentare il cronoprogramma che il Carroccio intende sottoporre al governo per i prossimi mesi. "Abbiamo posto una serie di problemi sul tavolo - ha sottolineato Calderoli - e predisposto delle scadenze per i prossimi 180 giorni. Come andrà dipenderà dalle risposte che riceveremo, non tanto quelle verbali quanto quelle dei fatti. Adesso questo programma lo facciamo vedere e votare al popolo padano, poi lo porteremo a Berlusconi anche se - ha concluso - non credo ce ne sia bisogno perchè lo conosce già".

Cicchitto: "Ora il programma" - "Bossi ha riproposto la linea della Lega sull'esigenza della riforma fiscale, sul decentramento dello Stato in termini certamente rivolti alla sua gente, ma con un atteggiamento costruttivo nei confronti di Berlusconi e della maggioranza". Anche il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, ha inquadrato la situazione: dopo la debacle alle amministrative e ai referendum, la maggioranza deve effettuare una riflessione, ma il governo non verrà messo in discussione. "E' evidente - ha concluso Cicchtito - che Berlusconi dovrà definire nel suo prossimo discorso in Parlamento i termini presenti e futuri della politica di governo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Piranhaottavo

    20 Giugno 2011 - 08:08

    Come direbbe William Shakespeare Molto rumore per nulla ! Più che a Berlusconi, ha dato l’ultimatum a Tremonti dicendogli Basta con gli aiuti ai piccoli artigiani e commercianti ! La tecnica dello sciancato in camicia verde è cosa risaputa : Attirare l’attenzione dei Media per dire le solite baggianate di depistaggio ai suoi seguaci , per non dire niente ! Ma che tendono a realizzare solo l’acqua calda! Ci chiediamo soprattutto quale vantaggio ed Utile “ per la gente Leghista “ può apportare il trasferimento dei Ministeri se non quello di asciugare di più le casse del Tesoro già dissipate dalle tante elargizioni a beneficio Suo ( vedi posto fisso al Trota ) ed alla Moglie ( 8oo.ooo €uri per la sua scuola privata ) e a parenti ed amici di Cota assunti alla Regione Piemonte e C.ny ! L’uomo di Pontida ovvero lo sciancato che sbiascica tre parole su quattro , che bisogna attrezzarsi con i sottotitoli per intuire cosa vorrebbe dire , “ forse verrebbe capito meglio se usasse il linguaggio dei gesti “ da buon vaccaro con i suoi discorsi inconcludenti pieni di baggianate e male parole a parte i gesti del solito dito esposto alla maniera camionista !

    Report

    Rispondi

  • Jury Koval

    20 Giugno 2011 - 07:07

    Nella prima Repubblica, ma di regola in tutte le democrazie serie, le alleanze sono stipulate tra forze politiche, qui l'alleanza è stabilita tra due persone, Berlusconi e Bossi. Dal punto di vista strategico una vera fesseria, basta che venga fisicamente a mancare uno dei due perchè il castello crolli. I due hanno una certa etù e la vita è sempre piena di sorprese ed imprevisti. Una alleanza basata su fondamenta così fisicamente vecchie non è saggia,

    Report

    Rispondi

  • caron

    20 Giugno 2011 - 07:07

    E' importante il contenuto delle proposte più che la"pace". Vorrei che anche la sinistra avvesse le idee chiare della Lega.....

    Report

    Rispondi

  • angelo.ally

    20 Giugno 2011 - 07:07

    Bossi non molla berlusconi e rimane al governo ? Probabilmente c'è sono ancora qualche soldo in cassa..........

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog