Cerca

Tutti tirano la giacca a Bossi: la Lega si sta per spaccare

Nel Carroccio volano gli stracci: Cerchio magico, maroniani e calderoliani in lotta per dettare la linea. E la base protesta / PANDINI

Tutti tirano la giacca a Bossi: la Lega si sta per spaccare
C’è la lettera per strappare la Lega Lombarda a Giancarlo Giorgetti e affidarla a Rosi Mauro. Però manca ancora la cosa più importante, ovvero la firma di Umberto Bossi. Questa è la situazione a ieri. Non è escluso che a tarda ora, durante un incontro a  Roma, il Senatur si sia convinto a siglare il documento. Sono ore febbrili nel Carroccio, all’indomani del raduno di Pontida, mentre questa sera  la segreteria provinciale di Varese ha convocato un direttivo straordinario per fare il punto della situazione. Parlamentari, sindaci e amministratori locali lombardi, al solo sentir parlare della cacciata di Giorgetti, diventano iene. Ieri si sono rivolti direttamente al Senatur, e molti hanno minacciato le dimissioni. Qualcuno si spinge più in là, ipotizzando una manifestazione di protesta in quel di Gemonio, davanti alla casa del ministro per le Riforme. Non ce l’hanno con lui - spiegano - ma con chi gioca a dividere la Lega.
Bossi è tra due fuochi. Da una parte il cerchio magico, ovvero il gruppo di dirigenti vicini a sua moglie, che tifa per la vicepresidente del Senato. Dall’altra i ministri Roberto Calderoli e Roberto Maroni che si sentono sotto attacco. Il primo è coordinatore delle segreterie: commissariare una regione (e per giunta la sua Lombardia!) è un siluro contro di lui. All’orizzonte si parla anche di Federico Bricolo, capogruppo al Senato, come aspirante timoniere in Veneto. Lui è un altro esponente del cerchio magico che si contrappone agli uomini di Flavio Tosi (maroniano doc), che però stanno vincendo i congressi provinciali.

Il titolare del Viminale, invece, è in forte ascesa (anche agli occhi dei militanti che lo vorrebbero addirittura premier) e Giorgetti è un suo fedelissimo. Attaccare il capo della Lega Lombarda è una dichiarazione di guerra a Bobo, che già a Pontida aveva annusato l’ostilità di qualche dirigente. Proprio Rosi Mauro, a pochi passi da lui, non è sembrata gradire l’intervento del ministro, invocato dalla folla e fatto avvicinare da Bossi in persona nonostante dovesse parlare solo il Senatur. E infatti proprio la vicepresidente del Senato, sul finire della kermesse, ha conquistato il microfono per pochi minuti creando come minimo un filo di stupore.
Torniamo alla lettera. Per farla siglare a Bossi non è bastata una riunione, ieri pomeriggio nel fortino di via Bellerio a Milano, che è seguita ad altre chiacchierate più o meno informali tra il leader e i suoi. La situazione è precipitata negli ultimi giorni, visto che la gestione Giorgetti è scaduta da un anno e non è stato ancora fissato alcun congresso. Qualche linguaccia immagina che il momento d’oro di Maroni abbia messo in fibrillazione i rivali interni. Sabato sera, a Cisano Bergamasco, nel ristorante-hotel “La Sosta”, Bossi ha messo a fuoco alcuni dettagli del comizio di Pontida e ha ascoltato il parere dei fedelissimi. Tra i presenti anche il capogruppo alla Camera Marco Reguzzoni (vicino alla Mauro) che poco dopo la mezzanotte ha abbandonato il locale per tornare a Varese e ripresentarsi a Pontida il giorno dopo, di buon’ora. Proprio sul pratone sono esplosi altri mal di pancia, e non solo perché alla vigilia s’è parlato di un possibile striscione anti-Giorgetti (invece ne è apparso uno contro il cerchio magico).

Bossi ha accusato: «Qualcuno s’è montato la testa», bacchettando «chi ha un incarico ma non lavora», però «da domani si cambia» ha chiuso il leader. Di sicuro, sia domenica sera che ieri, Maroni e Calderoli gli hanno parlato per convincerlo a non far fuori Giorgetti, che ieri pomeriggio non s’è fatto vedere nel quartier generale. Oggi tutti i dirigenti saranno a Roma. Lo scontro è apertissimo, tanto che come ritorsione alcuni parlamentari potrebbero mettere in discussione i due capigruppo. Prima, però, bisogna capire se Giorgetti resterà o no al suo posto. Chi ha solo certezze è la Padania: nell’edizione di oggi smentisce seccamente i contrasti interni. E dà la colpa ai «giornali nemici».

di Matteo Pandini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • c.camola

    26 Agosto 2011 - 11:11

    Bossi? Un nome che vuol dire Lega.Lega vuol dire lamento del Nord Italia.Il nord stanco di vedersi carpire i propri soldi per il sud ha assecondato questa iniziativa che si e' trasformata sempre piu' in un partito ancora molto ben voluto.Il nome Bossi e' uguale a Lega.Non credo che altri possano superarlo verrebbero sostituiti non dal Bossi ma dagli italiani del Nord.

    Report

    Rispondi

  • giuliab09

    21 Giugno 2011 - 15:03

    deve essere coerente e leale a Berlusconi, perchè è l'unica coalizione che può fare qualcosa di costruttivo per l'Italia! In tutti paesi in cui si è votato , nell'Europa, si è andati a destra , solo qui , si è andati dove ? boh! Non certo verso la sx istituzionale, sono andati con i poteri forti, opposti a Berlusconi, che pur di raggiungere i loro scopi ed i loro interessi andrebbero anche con il diavolo!Meno male che erano elezioni amministrative, e già ora ne vediamo i disastri, così qualche sconsiderato rifletterà e fra 2 anni saremo ancora compatti nel difenderci da questi qualunquisti incoscIenti!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • blu521

    21 Giugno 2011 - 14:02

    Se esistessero veramente,domenica si sarebbero diretti al palco per farsi restituire i soldi pagati per mantenere quei buffoni dal colore pisello

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    21 Giugno 2011 - 13:01

    La Lega era un partito fortemente innovatore, determinato.. rigoroso contro i privilegi della bassa politica e degli intrallazzi, il parassitismo,i magliari della la politica clientelare... dissipatrice con basi fondanti nel Sud e in Roma..Poi si è cominciato a tollerare, inciuciare... ad immedesimarsi...per finire al...ridicolo tragicomico del.. nepotismo del cerchio magico ..trotiano...E' vero che Grillo, Di pietro, Fini, Casini, tutti i beceri, irresponsabili postcomunisti...sono molto peggio,..ma di loro sapevamo bene, conoscevamo la lurida stoffa.. e quindi non ci sentiamo traditi...Lega svegliati!!..Torna alle belle origini barbariche...ma genuine, lucide.... oneste...!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog