Cerca

La Gelmini si confida con 'Bisi': "Letta poco autorevole. E Cicchitto è un imbecille"

Carte P4, il ministro dell'Istruzione dura anche con Tremonti per colpa di un capo di gabinetto. E su Montezemolo: "C'è simpatia"

La Gelmini si confida con 'Bisi': "Letta poco autorevole. E Cicchitto è un imbecille"
Dalle carte dell'inchiesta napoletana sulla P4 emerge una sorta di 'filo diretto' tra Luigi Bisignani e il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini. L'8 ottobre Bisignani la chiama per parlare della lite con "Fortunato", il capo di gabinetto di Giulio Tremonti.

Bisignani: "Ti volevo solo dare un bacio, perché tra ieri che ti ha fatto arrabbiare Tremonti e mani su Vecchione, dico, fammi dare alla mia amica un bacio forte... Hai fatto bene a trattare a pesci in faccia Fortunato insomma sei stata proprio brava"
Gelmini: "Guarda ma non è finita Luigi, perché io non mi faccio trattare come Bondi, mi dispiace... Questo Fortunato è un cafone, maleducato e anche impreparato perché alla fine siccome non studia i dossier e non sa i tagli che ho fatto e i risparmi che ho fatto, lui si è permesso, dopo che io mi ero praticamente prostituita per costruirmi un rapporto con Tremonti, lui è andato a dirgli che io facevo la furba e stavo facendo emendamenti per moltiplicare e quindi figurati Tremonti no? È impazzito... Al che io gli ho detto: scusa siccome questa cosa la so perché c’era una persona amica quando le ha pronunciate... lui resta un capo di gabinetto, io sono il ministro, com’é che mi tratta come se fossi sua... non va bene e secondo me sbaglia anche Gianni
B: "Sì certo"
G: "Cioè, tu capisci al netto del "casino berlusconiano", però in qualsiasi organizzazione aziendale se una persona come Gianni Letta che è come l'amministratore delegato consente che un capufficio si comporti così, viene meno l'autorevolezza dell'amministratore delegato"

Lo stesso giorno, la Gelmini si lascia andare a confidenze anche sul ruolo di Luca Cordero di Montezemolo:
"Mi è molto simpatico e mi pare che si sia instaurato un rapporto, è nata una simpatia, un'intesa se vuoi. Ormai vuole fare politica, allora l'ho messo in guardia perché era molto critico sul berlusconismo di questi giorni. Insomma sulla Santanchè, Il Giornale, un po' le cose che diciamo tutti".

Il 21 ottobre, dopo un articolo del Giornale in cui si critica la fondazione Liberamente, la Gelmini sbotta: "E' una porcata". Poi chiede a Bisignani di "dare un retroscena tramite Dagospia per far capire chi è il mandante di questa cosa". Il ministro attacca pesantemente anche il capogruppo alla Camera del Pdl Fabrizio Cicchitto, a suo dire troppo vicino agli ex An.
Gelmini: "Ho affrontato un incontro con quaranta parlamentari impazziti che volevano la testa di Verdini e dei coordinatori e dei capigruppo... io ho detto è il momento della responsabilità, della coesione, dobbiamo stare uniti. La verità è che abbiamo siglato un patto di non belligeranza con gli ex An, stiamo puntellando Verdini nell'ottica di tenere unito il partito in un momento difficile, se però il giornale di partito scrive che siamo perdenti te lo faccio vedere io che non siamo perdenti. In tre minuti salta non Verdini ma quell'imbecille di Cicchitto... Anche ieri ha perso un'occasione per stare zitto, perché Frattini ha fatto un intervento serio, dialogante ma dicendo che bisogna tutelare Forza Italia perché comunque non è che ci sono gli ex An... allora questa gente qua che li prendiamo a calci in culo perché Frattini sta in piedi con Gasparri e La Russa? Perché Cicchitto sta in piedi con Gasparri e La Russa? Cioè il senso era questo, questo con livore ha evidenziato quello che è il suo disegno e siccome non ha le truppe si è venduto a questi di Alleanza Nazionale e in questo modo sta in piedi, ma voglio dire dovrebbe essermi grato per il lavoro che sto facendo..."



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    24 Giugno 2011 - 22:10

    Vuole essere adulto ma continua a scimmiottare chi è più grande di lui.

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    23 Giugno 2011 - 16:04

    per queste intercettazioni vorrei far notare che nei dialoghi di chi ha responsabilità di governo non c'è mai traccia di problemi che riguardano NOI cittadini DATORI DI LAVORO e LORO nostri DIPENDENTI. Gli utenti che mi hanno preceduto invece di scandalizzarsi del "gossip" dovrebbero riflettere su quetso, sempre che gli sia rimasto un minimo di coscienza civica.

    Report

    Rispondi

  • giuliab09

    23 Giugno 2011 - 15:03

    vogliono rubare il lavoro a Signorini, visto che stanno facendo diventare le procure , redazioni di gossip!!!

    Report

    Rispondi

  • ginko

    23 Giugno 2011 - 15:03

    Più che parlare di giustizia e metodi di indagine siamo in presenza di un apparato del gossip da pianerottolo di un palazzo popolare con tanto di comari e portiere linguacciuto e orecchiuto. E' vergognoso lo spreco di un miliardo di euro quando ci sono pensioni-elemosina e progetti fermi per mancanza di fondi. Estirpiamo questo cancro del gossip telefonico che fa dell' Italia lo zimbello del mondo civile e il giocattolo di certi pm.

    Report

    Rispondi

blog