Cerca

Affaire Bisignani, tutto il fango rafforza qualcuno: Tremonti e Alfano fuori dal tritacarne. E godono

Caso P4, i pettegolezzi travolgono il Pdl dove cresce la tensione: l neo-segretario ha sempre più peso. E Giulio può chiudere sulla riforma

Affaire Bisignani, tutto il fango rafforza qualcuno: Tremonti e Alfano fuori dal tritacarne. E godono
Il fronte è compatto, bipartisan: tutti, o quasi, sostengono che l'oceano di intercettazioni relative all'inchiesta sulla cosiddetta P4 e che hanno riempito pagine e pagine dei giornali siano puro pettegolezzo. Una vergogna senza alcuna rilevanza penale. La pensano così, oltre ai diretti interessati finiti nel fango, anche Antonio Di Pietro, Gianfranco Fini e Massimo D'Alema. Solo per pescare qualche nome dal mazzo.

La macchina del fango - Però, si sa, anche le chiacchiere hanno un peso. E se tutte queste intercettazioni sembrano mirare prevalentemente a destabilizzare il Pdl, piuttosto che arrivare a una condannza, l'obiettivo sembra alla portata. I ministri fanno quadrato, spiegano che al telefono "si può dire di tutto" e che "non è un problema". Così, per esempio, la pensa Fabrizio Cicchitto, apostrofato senza particolari carinerie dal ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini. Ma intanto la macchina del fango lavora. E, chi più chi meno, tutti hanno parlato con il faccendiere Luigi Bisignani. Tutti o quasi.

Tremonti e Alfano - Nel tritacarne, fino ad ora, non ci sono finiti Giulio Tremonti e Angelino Alfano. Il bersaglio grosso, come sempre, è il premier Silvio Berlusconi: chi è vicino a lui in questi giorni parla di un Cavaliere preoccupato dalle bordate che potrebbero abbattersi su di lui per le chiacchiere da bar che le procure stanno diffondendo senza alcun tipo di filtraggio. Così in questo scenario, Alfano, investito del ruolo di segretario politico del Pdl, si è limitato a dire che si tratta di intercettazioni "penalmente irrilevanti". Tremonti, da par suo, sull'affaire Bisignani mantiene il massimo riserbo.

Il neo-segretario - C'è insomma un'intera squadra di governo in difficoltà, sia per gli schizzi di fango dell'inchiesta del pm Woodcock, sia per le magagne politiche degli ultimi tempi. In questo mare magnum dei veleni cresce il clima da resa dei conti. E chi ne può trarre giovamento è chi dal pettegolezzo non è stato travolto: Alfano e Tremonti, appunto. Il primo, nel caso in cui la situazione dovesse degenerare (la campagna denigratoria contro il Pdl e il Cavaliere viaggia già a piè sospinto), potrebbe sfruttare la relativa debolezza dei quadri del partito - dei ministri di Liberamente in primis - per  chiudere la sua prossima segreteria a tutte le anime dissenzienti del partito.

Manovra a scatola chiusa - Il ministro dell'Economia, invece, è da tempo impegnato sul campo di battaglia della riforma fiscale, tirato per la giacchetta da tutti quelli - e sono tanti - che gli intimano di allargare i cordoni della borsa. Uno dei grandi rivali del 'divino Giulio' è il sottosegretario Gianni Letta, che nuota forse più di tutti nel frullatore giustizialista innescato dal caso P4. E se il potere di contrasto di Letta si assottiglia, c'è chi è pronto a giurare che il ministro dell'Economia non arretrerà di un passo: presenterà una manovra blindata e a scatola chiusa in Consiglio dei Ministri, assicurano fonti interne del Pdl. Vedremo. Ma, forse, il caso Bisignani pur minando la credibilità dell'intera classe politica, finisce col favorire qualcuno: Tremonti e Alfano?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    25 Giugno 2011 - 11:11

    Ieri ti ho risposto con un commento lungo 2000 caratteri .Non è stato pubblicato,pazienza.La considerazione che ho dei tuoi commenti,non valgono un nuovo commento.Se non capisci , arrangiati.

    Report

    Rispondi

  • curcal

    25 Giugno 2011 - 10:10

    Ho la vaga impressione che con la scusa della trasparenza a qualcuno piace quaz zare nel "pettegolume" forse abituato nell'ambiente di lavoro, della professione, del condominio, del bar, del circolo, dal tabaccaio, con il barista, il barbiere, la cameriera. E' convinto di bearsi alle notizie sottovoce che gli vengono ammannite e ritenendosi intoccabile nella sua irreprensibilità. Illuso. Siamo tutti uomini libe ri entro i limiti della legalità. Le intercettazioni che non hanno valore legale,sono ILLEGALI, illeciti e quindi devono essere perseguiti e condannati dalla società civi le.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    24 Giugno 2011 - 21:09

    Tiri le somme,ma in matematica sei un'asino.Prima dovresti capire (?) il concetto di Stato di diritto.C'è della gente che è stata fucilata per farci avere la libertà che noi abbiamo.In piena euforia giacobina, sembra che questo ti interessi poco.Subito dopo ,dovresti capire il ruolo della magistratura e i paletti che ha questo potere.Dopo ti dovresti soffermare sulle varie sentenze che dicono quando e come intercettare e le restrizioni sulla sua divulgazione.Quando avrai studiato e sopprattutto capito,vedrai che persino tu,capirai che le intercettazioni dein parlamentari,anche quelle indirette sono vietate.Figurarsi la loro pubblicazione.Inoltre ti sfugge come sia nata quest'inchiesta.All'origine c'è stata l'indagine sulla fuga di notizie dal Palazzo di Giustizia di Napoli.Cioè i magistrati permettevano ad atti sotto indagine di prendere il volo.Ti dice niente Trani?

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    24 Giugno 2011 - 20:08

    Allora CIANNOSECCO, ammette che la trasparenza non deve esserci. Solo che una cosa é l'intimità familiare, un'altra é la conduzione di un paese di cui noi siamo cittadini e partecipi in tutti i modi (tasche comprese). Se si nasconde vuol dire che c'é cosa che non é regolare e nuoce ai cittadini (ma non a chi nasconde) Il tutto sta nel comprendere cosa vuol dire uno Stato. Non é cosa nostra, né cosa mia: é cosa di tutti e tutti devono sapere, cieo' non si deve nascondere nulla.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog