Cerca

Governo sotto 2 volte in aula. Rabbia Cav: "Irresponsabili"

Esecutivo battuto sulla legge Comunitaria. Maggioranza in fibrillazione per le troppe assenze. Telefonata di fuoco di Berlusconi

Governo sotto 2 volte in aula. Rabbia Cav: "Irresponsabili"
L'Aula della Camera ha respinto la proposta di stralcio di 12 articoli della legge Comunitria, avanzata in apertura di seduta dal governo. La bocciatura e' scattata, secondo il Regolamento di Montecitorio, perché la votazione si é conclusa a parità di voti. Il governo è stato bocciato piu' volte, e a pesare è stato sopratutto il no all’intero articolo uno (con 270 no, 262 sì e un astenuto). Dall’opposizione si e' gridato "dimissioni, dimissioni". La legge e' quella con cui ogni anno il Parlamento italiano deve adattare le normative statali alle direttive dell’Unione Europea prodotte nei dodici mesi precedenti: regolamenti di diverso tipo, ma anche sentenze della Corte di giustizia europea.

La furia del premier - Maggioranza in fibrillazione per le assenze in Aula che hanno determinato il ko del governo sulla legge Comunitaria. Nella sala del governo di Montecitorio si e' tenuta una riunione, per cercare di capire il da farsi, con capigruppo e vicecapigruppo di Pdl e Lega ed altri esponenti della coalizione. Chi era presente alla riunione riferisce che c'è stato anche un contatto telefonico con Silvio Berlusconi, infuriato per le assenze.

"Gli irresponsabili"
- Il premier avebbe sostenuto che le assenze di oggi sono inaccettabili e avrebbe invitato i presenti a stringere i ranghi. I deputati non possono mancare alle votazioni, è l'invito del premier. Molti deputati, sia del Pdl sia della Lega, hanno puntato il dito su ministri e sottosegretari assenti in Aula. Irritati soprattutto i leghisti. "La verita' - ha sottolineato un esponente Pdl - è che oggi si e' manifestato il quarto partito. Oltre Pdl, Lega e Responsabili, ci sono gli irresponsabili...".

Rinvio dell'esame - L'esame della legge Comunitaria viene rinviato su richiesta del relatore, Mario Pescante, che alla ripresa dei lavori in Aula chiede di rinviare ad altra seduta anche in vista di un incontro con il presidente della camera, Fini.

Due ipotesi di lavoro -
La maggioranza sta lavorando ora su due ipotesi per salvare la Comunitaria 2010, dopo la bocciatura dell'articolo 1 con la delega al governo per l'attuazione di 40 direttive europee. La prima possibilità è ricorrere al 'lodo ddl anticorruzione': quando al Senato, a metà maggio, l'Aula votò contro il primo articolo, le norme si recuperarono in parte in un emendamento grazie però a un accordo con l'opposizione. Anche per la Comunitaria, la via sarebbe percorribile solo con un'intesa bipartisan. La seconda idea, a quanto si è appreso, è spacchettare le deleghe inserendole nei singoli articoli ancora da votare

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberovero

    30 Giugno 2011 - 20:08

    la maggioranza non c'è. I responsabili sono tali solo se c'è in gioco la poltrona sulla quale sono comodamente seduti. A loro non interessano i problemi del Paese ma dedicarsi allo sport preferito da PDL e Lega: il tirare a campare.

    Report

    Rispondi

  • Landlord

    30 Giugno 2011 - 08:08

    Ragioniamo: sono nostri rappresentanti, hanno obblighi e doveri, (oltre a grandi vantaggi) lavorano due giorni e mezzo la settimana,(quando lo fanno) della maggioranza di loro non conosciamo neppure il cognome. Un pò di regole: 40 ore lavorative settimana, un permesso vale come ferie, si timbra il cartellino. Brunetta si indigna con gli statali che escono a fare la spesa in orario di lavoro, anche i nostri politici sono statali e quindi nella media.

    Report

    Rispondi

  • ubik

    30 Giugno 2011 - 08:08

    bacino... :)

    Report

    Rispondi

  • ITALYA LIBERA

    30 Giugno 2011 - 07:07

    Che delusione Presidente questa manovra fiscale apagare siamo sempre noi ossia i cittadini che lavorano è una vera vergogna noi di Italia Libera abbiamo dato sempre fiducia alla sua Persona ma vediamo che anche lei è rimasto solo..il paese secondo noi è veramente allo sbando forse sarebbe meglio andare a votare e chi sa magari anche la sinistra potrebbe avere le idee più chiare...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog