Cerca

Angelino, Bobo e Pier Ferdi: avanza la 'generazione 2013'

Ricambio politico. Tutti contenti per la nomina di Alfano: il centro è più vicino. E pure a Maroni piace il neo-segretario

Angelino, Bobo e Pier Ferdi: avanza la 'generazione 2013'
«L’elezione di Alfano è una buona mossa, al neosegretario rivolgiamo  i migliori auguri di buon lavoro riconoscendo le sue qualità personali e certi che grazie a lui cambieranno in meglio i rapporti tra il Pdl e le altre forze politiche». Parola di Italo Bocchino, falco un po’ bolso ma pur sempre il più agguerrito collaboratore di Gianfranco Fini. Più entusiaste sono invece le colombe finiane, ovvero Andrea Ronchi («La prospettiva della costruzione   del Ppe in Italia per riprendere lo spirito riformatore e di libertà   del 1994 credo sia la strada giusta verso la quale incamminarsi») e Adolfo Urso  («Spero  che tutti facciano un passo in questa direzione per   tornare a ragionare insieme come rinnovare e ricomporre il centrodestra, migliorare il bipolarismo e rafforzare il percorso   riformatore»).
 
E al centro che dicono? «Auguriamo buon lavoro ad Alfano, sperando che dia un contributo serio a un corretto rapporto tra i   partiti di maggioranza e opposizione in un momento di grande   difficoltà per l’Italia». «Sono emozionato», diceva ieri il Cavaliere all’Auditorium di Roma. «Non abbiamo bisogno né di lasciti né di eredità», gli rispondeva l’incoronato. Inutile girarci intorno: ieri abbiamo assistito a un vero e proprio passaggio di consegne. E il Guardasigilli uscente è partito subito deciso contro le liste «Coca cola» stile Polverini e con un programma politico di lungo respiro. «Il compito che abbiamo è quello di dare tranquillità al Paese, di dire ai cittadini che è in mani sicure. Il popolo dei moderati è ancora lì, pronto a tornare con noi. Serve una costituente popolare». Ma non c’è fretta «perché questa è una proposta non un telequiz».

La strada sembra dunque segnata: non è ancora il momento di decidere chi sarà il candidato premier alle elezioni del 2013 (con questa manovra è difficile pensare a elezioni anticipate), ma c’è quasi una certezza: sta nascendo un fronte ampio, che va dalla Destra all’Udc, che è pronto a tornare nella ristrutturata Casa delle Libertà. Con facce seminuove (per Fini non ci sarà posto fra i protagonisti, ha già perso la sua battaglia) e con un potenziale di elettori tale da impedire alla sinistra sempre più schiacciata su Vendola di arrivare a Palazzo Chigi. Forse è per questo che anche Di Pietro gioca a fare il moderato, salvo cadere in tentazione davanti ai No Tav: sa che dopo Berlusconi il centrodestra sarà paradossalmente più forte di prima, almeno sulla carta, sui numeri.

Certo, il percorso è lungo - Silvio ovviamente non ha la minima intenzione di mollare - ma, come ha detto lo stesso Alfano, non c’è bisogno di risposte immediate. Di tempo per discutere ce n’è. E stavolta sulla strada del nuovo centrodestra c’è anche la Lega, ormai da protagonista. Non è un mistero che Roberto Maroni sia vicino al nuovo segretario del Pdl. E non è escluso che la rivoluzione leggera che sta ridisegnando il partito del Cavaliere possa contagiare anche l’ormai ex monolite padano.
Alfano e Maroni possono rappresentare le calamite di un nuovo centrodestra, più dialogante con la sinistra, meno estremista, più concreto. Restano comunque le incognite: la prima è legata a Berlusconi e Bossi, ancora troppo legati al loro ruolo di leader. La seconda è rappresentata dalle correnti dentro il Pdl: se qualcuno approfitterà della debolezza del premier farà inevitabilmente il gioco della sinistra.

Alla fine è anche una questione anagrafica: Alfano può contare  sui quarantenni (Brambilla, Gelmini, Frattini), così come  Maroni (Tosi, Cota, Zaia, Boni). Ma anche gli over 50 (Formigoni, La Russa, Calderoli e Casini)  sono pronti a rimettersi in gioco. Ecco, con la nomina di Alfano è iniziata la scalata dei post Cav. Le primarie di Libero sono state solo il primo assaggio.

di Giuliano Zulin

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • graym

    03 Luglio 2011 - 13:01

    Calderoli 1956, Gasparri 1956, Galan 1956, Frattini: 1957, Urso 1957, Alemanno 1958, Vendola 1958. Bersani 1951 Fini 1952 Micicche 1954 Rutelli 1954, Sarkozy 1955, Maroni 1955 Casini 1955. Cacciari 1944, Formigoni 1947, Tremonti 1947, La Russa 1947, Bonino 1948, Scajola 1948 D’ Alema, 1949, Fassino, 1949, Di Pietro 1950, Lombardo 1950. Napolitano 1925 Pannella 1930 Berlusconi 1936, Amato1938, Prodi 1939 Matteoli 1940, Cicchitto, 1940

    Report

    Rispondi

  • giuliab09

    02 Luglio 2011 - 22:10

    non hanno capito che , in questo momento, la gente è veramente esasperata dai luoghi comuni della politica, non si accorgono che molti di noi vogliono provvedimenti concreti e giusti, non sopportano più di essere spettatori dei loro giochetti ...Tutto il loro lavoro d'accordo, potrà presto essere reso vano dalla nostra insofferenza ed indifferenza...

    Report

    Rispondi

blog