Cerca

Manovra arriva al Quirinale. Inps, strada dell'emendamento

Polverone sul capitolo rivalutazione: può essere corretto in Parlamento. Lega spinge sulla 'taglia bollette': torna nel decreto

Manovra arriva al Quirinale. Inps, strada dell'emendamento
La manovra varata dal Consiglio dei Minsitri, il piano di austerity firmato da Giulio Tremonti, ha sollevato un polverone in particolare per quel che riguarda il capitolo pensioni. Così, ancor prima di essere pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, la maggioranza pensa ai primi emendamenti al testo: per quel che riguarda gli assegni pensionistici si è già creato un fronte abbastanza compatto per alleggerire la stretta, almeno su quelli che prevedono importi più bassi. Inoltre - la Lega Nord era in prima fila - è stata introdotta la norma 'taglia bollette', messa da Umberto Bossi nella lista delle priorità dal palco di Pontida. La manovra, nel frattempo, è arrivata a Giorgio Napolitano, che domenica aveva lamentato il fatto di non averla ancora visto. Il provvedimento è stato consegnato intorno alle 12.30 di lunedì: è composto da 39 articoli più due allegati, e contiene "disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria". Il ritardo della consegna è stata una nuova occasione sfruttata dalla sinistra per inacidire il dibattito politico. Il fatto aveva preoccupato il Capo dello Stato, che aveva più volte ribadito la necessità di giungere a soluzioni condivise sui temi fondamentali per il Paese.

Pensioni, il fronte del 'no' - La correzione degli interventi sulle pensioni, oltre che dai sindacati, ha ricevuto critiche anche dalle fila del Pdl. Domenica è stato il presidente del Senato, Renato Schifani, a chiederne una revisione. Al coro si è poi unito Giuliano Cazzola, vicepresidente del Pdl della Commissione lavoro della Camera ed esperto di materie previdenziali. "Sui tagli alla rivalutazione delle pensioni - ha dichiarato - sarà opportuno trovare soluzioni più equilibrate in sede di conversione del decreto. Basterebbe esonerare la fascia delle pensioni comprese tra tre e cinque volte il minimo mediante un intervento, a compensazione, sulle pensioni superiori".

Cosa prevede il taglio - La sforbiciata sulle pensioni prveede la rivalutazione al 100% dei primi 1.428 euro di pensione, al 45% della quota tra 1.428 euro e 2.380 euro (ossia tra tre e cinque volte il minimo) e nessuna rivalutazione per la quota di pensione che oltrepassa quella soglia. Secondo le prime stime, l'impatto di questo taglio così malvisto dagli italiani sarebbe minimo: si parla di 8 euro lordi annui su una pensione di 1.500 euro e di 60 euro lordi annui su una pensione mensile di 2mila euro. Ma il taglio, di fronte a una classe politica che non ha voluto togliersi nulla, ha scatenato proteste bipartisan. Tanto che, come dimostrano le dichiarazioni di Schifani e Cazzola, oltre ad alcune indiscrezioni provenienti da Palazzo Chigi, l'esecutivo è pronto a effettuare una retromarcia almeno per quel che riguarda le pensioni più basse. La strada più accreditata sarebbe quella suggerita dal presidente del Senato, ovvero quella di un emendamento in sede di conversione del decreto.

La 'taglia bollette' - Per quel che riguarda la norma 'taglia bollette', voluta fortissimamente dal Carroccio, in Consiglio dei Ministri era saltata per la ferma opposizione di Paolo Romani, ministro dello Sviluppo Economico, e di Stefania Prestigiacomo, titolare del dicastero dell'Ambiente. Secondo le stime, la norma - attraverso un taglio del 30% di tutti gli incentivi che vengono finanziati dalla polletta elettrica e del gas, compresi quelli per le energie rinnovabili - avrebbe comportato un risparmio per gli utenti di circa il 3%, con un beneficio complessivo per le famiglie italiane di circa un miliardo di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudio maestri

    01 Agosto 2011 - 20:08

    Cari amici giornalisti di destra, almeno voi dovreste avere il pudore di buttare sul tavolo in maniera forte e senza un giorno di sosta, la questione della tassazione delle pensioni inps frutto dei contributi versati per una vita, anche a favore dei meno fortunati,insisto: pensioni frutto di regolari versamenti contributivi, non quelle assurde frutto solo di schifosi privilegi! In Germania ed Inghilterra,per esempio,come anche da voi citato in un editoriale, tali pensioni sono esenti e pagate al netto! Vogliamo provarci ad aiutare questo esercito di persone oneste che hanno sgobbato tutta la vita? Gli amici pensionati in questo modo (visto il loro enorme numero) darebbero certamente una spinta ai tanto tartassati consumi etc.etc.etc...Ringrazio in anticipo per la Vs. attenzione e auguri Italia.

    Report

    Rispondi

  • tinverpier

    05 Luglio 2011 - 09:09

    tra le varie e vergognose misure l'eliminazione del regime dei minimi a chi ha più di 35 anni è una delle più schifose : chi ha 60 anni ed è alla vigilia o antivigilia delle pensione cosa farà ? l'opposizione, che non ho votato aveva chiesto giustamente un innalzamento a 35.000 € - arrivederci alle prossime elezioni giulio, umberto, silvio

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    04 Luglio 2011 - 17:05

    Restiamo fiduciosi... in attesa di un bell'intervento di acceso biasimo da parte del signor Presidente...sul bluff insabbiatore...dei vergognosi costi della politica e...degli inammissibili privilegi..annessi e connessi...Grazie tante...

    Report

    Rispondi

  • gigigi

    04 Luglio 2011 - 17:05

    Alla Lega, che e' riuscita per tre anni ad evitare lo scioglimento delle Province, in quanto ci ha piazzato tanti dei suoi nanozzi, vorrei dire che la manovra attuale fatta da quell'incapace del loro amico Tremonti, DEVE essere azzoppata! Se non ci riusciranno, devono far cadere il Governo, a tutti i costi! Questo Governo, che io ho sempre difeso a spada tratta, anche a rischio di fare a botte, adesso e' diventato insopportabile ed opprimente. Ne ho scoperto tutti i lati negativi, nel Capo e nella conduzione ministeriale singola e peggio di cosi non potevano essere. Perfino quelli della sinistra, al confronto, apparirebbero candidi! Se non lo faranno i leghisti, in Parlamento, si potrebbe verificare cio' che non si ricorda dai tempi di Masaniello.........Quindi, Lega, datti da fare e buttali giu'! Farai anche tu, migliore figura.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog