Cerca

Così Silvio si tira fuori dai guai: sgambetto all'ing. De Benedetti

Lodo Mondadori, una norma contenuta in manovra fa slittare i maxi-risarcimenti a dopo la sentenza della Cassazione

Così Silvio si tira fuori dai guai: sgambetto all'ing. De Benedetti
"Se i giudici mi condannano rischio di pagare 2.500 miliardi di vecchie lire a Carlo De Benedetti. Dove li trovo tutti questi soldi?". Parole di Silvio Berlusconi che hanno già fatto storia. Un vero incubo, per il Cavaliere, quello di dover staccare un simile assegno per uno dei suoi rivali storici, per la tessera numero uno del Partito Democratico. Il caso ovviamente è quello del Lodo Mondadori, su cui si attende al decisione in appello dei pm di Milano su Fininvest.

Lo sgambetto - Quale che sia l'importo che il premier dovrebbe versare a CdB in caso di condanna, all'interno della manovra presentata al quirinale c'è un paragrafetto con il quale il Cav si protegge e si tira fuori dai guai. Una legge che darà respiro alle casse di Fininvest e contro la quale ha già cominciato a scagliarsi l'opposizione: con la nuova regola si alza la soglia sopra la quale il giudice può decidere la sospensione del pagamento fino alla condanna definitiva, che passa da 10 a 20 milioni di euro. Ma viene soprattutto tolta anche la discrezionalità dei giudici, a cui verrà imposta la sospensione del pagamento fino alla sentenza della Cassazione.

Premier in difesa - Inutile negare che ne tragga beneficio Berlusconi: tra due settimane arriverà la sentenza d'appello sul Lodo Mondadori, sulla guerra di Segrate degli anni '80, in cui è contrapposto all'ingegnere editore di Repubblica. Nel frattempo, i periti del tribunale hanno già ridotto l'ammontare del teorico danno a 500 milioni. Considerata la scarsa fiducia del Cavaliere nei confronti del tribunale di Milano - e considerato l'accanimento con cui le toghe meneghine cercano di colpirolo - il premier ha comunque deciso di mettersi al riparo: se anche perdesse l'appello non dovrà pagare sull'unghia. Si dovrà attendere la decisione della Cassazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • parigiro

    10 Luglio 2011 - 12:12

    Qualcuno sano di mente pensava forse che dopo la corazzata dell'impreditore svizzero passa le sue giornate a leccare i magistrati questi signori avrebbero emesso una sentenza al di sopra delle parti ma via.... a prop ho comprato un appartamento un po di tempo fa il proprietario era in trattativa con un altro acquirente che traccheggiava io sono arrivato ho messo una cifra sul piatto e ho concluso rischio anche io ??? Roberto Parigi

    Report

    Rispondi

  • ulisse di bartolomei

    08 Luglio 2011 - 11:11

    Se Bernard Madoff è l'autore della truffa senza eguali nella storia, Carlo De Benedetti può diventarlo della rapina più grande e più furba della storia. Il suo correligionario Yankee ha dovuto gabellare migliaia di risparmiatori, ma al buon "carlo" è bastato il momento politico adatto e uno dei sempiterni magistrati in cerca di visibilità (e vendetta etnica) per guadagnare tanto con poco da un singolo "pollo". Se tutto evolgerà in discapito del Cavaliere, Carlo De Benedetti verrà segnalato nel guinness dei primati come il capitano d'industria più incapace ma distruttore di risorse più abile della storia. Un primato difficile da battere, ma con una magistratura snaturata come quella attuale in Italia, non si può mai sapere.

    Report

    Rispondi

  • gangisalvo38

    07 Luglio 2011 - 17:05

    qualcuno ha dimenticato la truffa alle poste con la fornitura dei compiuter obsoleti , tecnicamente superati e si blocavano spesso, ki ha pagato x i disservizi? ora spera di fare il botto e scomparire in qualke isola sconosciuta, spero ke non gli diano dei soldi e di pagare le tasse come tutti altri.

    Report

    Rispondi

  • darkstar

    06 Luglio 2011 - 15:03

    La veritá alla fine. De Benedetti é il grande padrone dietro alla sinistra, il responsabile della guerra messa in atto contro Berlusconi per impadronirsi del paese. Dopo anni nell'ombra ecco che mostra la faccia, per intascare una somma enorme dal suo avversario politico, come i suoi amici giudici hanno decretato. Sicuramente, in attesa della cassazione scapperá all'estero con il malloppo, mi pare giusto, per una somma del genere aspettare il giudizio finale

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog