Cerca

Brunetta, nozze precarie: sul web l'"Italia peggiore" prepara la festa al ministro:"Boicottiamo matrimonio"

La generazione dei "fannulloni" prepara l'assalto al matrimonio del ministro, previsto per sabato in costiera Amalfitana: "Diventiamo il loro incubo", "assediamo le loro feste" . Renato è avvisato: ora anche le sue nozze sono precarie / VIDEO

Brunetta, nozze precarie: sul web l'"Italia peggiore" prepara la festa al ministro:"Boicottiamo matrimonio"
La guerra tra i precari e il ministro Renato Brunetta non si placa, nemmeno in prossimità delle nozze. Lui si sposa? Bene, "noi gli assediamo la festa". E' quello che sta accadendo in rete nelle ultime ore. E' stata creata un'apposita pagina Facebook in cui viene raccolta ed esplode la rabbia di quell'"Italia peggiore" di cui aveva parlato il ministro della Pubblica amministrazione. I "fannulloni" sono sul piede di guerra e si dicono prontissimi a guastare la festa al ministro, che sposerà Titti Giovannoni domenica a Ravello, sulla Costiera Amalfitana.

Il matrinomio -  Così come era accaduto quando si sposò il ministro Mara Carfagna, la cerimonia sarà un vero e proprio summit
 a cui prenderanno parte tutte le principali cariche dello Stato. I potenti siederanno ai tavoli, e col calice in mano saranno pronti a brindare. Peccato che per le legioni del web non siano altro che "un'accozzaglia di ministracci, faccendieri e portaborse". Gli anti-Brunetta lo dicono chiaro e tondo: domenica il governo, riunito sulla Costiera Amalfitana, "si troverà di fronte a una generazione indignata". I 'potenti', allora, saranno seduti ai tavoli col calice in mano pronti a brindare: "un'accozzaglia di ministracci, faccendieri, portaborse" - si legge su internet - che si ritroveranno però difronte una generazione indignata. Uomo avvisato, mezzo salvato: Brunetta farà bene a difendere la sua cerimonia.

L'invito a nozze - Tutto è cominciato sul social network Facebook. Qualcuno ha fondato un gruppo e ha invitato precari, dipendenti pubblici e indignati a partecipare a un presidio in piazza Vescovado. "Assediamo con i nostri corpi e la nostra voce le loro feste. Diventiamo il loro incubo", si può leggere online. Ed è una cascata di adesioni. Ma quello citato non è il solo gruppo. Infatti ne sono stati fondati diversi: si va da quello che ipotizza la protesta con lancio di pomodoro a quello che invocaa una sfilata con i sacchetti della monnezza.  Queste le particolari declinazioni scelte per "l'invito a nozze di una generazione indignata". Ma la rivolta monta anche su Twitter
 monta la rivolta: "Assedio al matrimonio di Brunetta: un simpatico modo per passare il sabato", ha 'cinguettato' un utente. Il bersaglio è fin troppo semplice da individuare: un ministro che con una intera generazione, da sempre, ci ha fatto a cazzotti, a suon di "fannulloni" e "cialtroni", fino ad arrivare a qul "voi siete l'Italia peggiore" e "andate a lavorare ai magazzini generali". Frasi che avevano un contesto, questo è vero, ma troppo 'dure' per poter sperare che non finissero nel mirino di tantissimi giovani. Le espressioni, inoltre, da Brunetta non sono mai state rinnegate. Così il popolo del web, compatto, ha pensato di rendere pan per focaccia: "Precarizziamogli le nozze". Titti e Renato si preparino.
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberovero

    08 Luglio 2011 - 12:12

    Un ministro della Repubblica che definisce "Italia peggiore" i precari e che viene definito "cretino" da un suo autorevole collega, non va boicottato, ma ignorato. Parafrasando un'espressione comparativa del Premier, potremmo dire che è più alto che intelligente. Che festeggi le sue nozze senza alcun boicottaggio, qualsiasi disturbo gli arrecherebbe solo piacere, quel piacere che prova chi ha bisogno di sentirsi importante perchè sa di non esserlo. Non dategli questa soddisfazione.

    Report

    Rispondi

  • skybest

    08 Luglio 2011 - 09:09

    Non credo sia simpatico nè tantomeno efficace questo previsto piano dei <bischeri> ai quali non interessano assolutamente nè la TAV, nè il piano energetico nè le sorti di questa povera italia che ha dato loro i natali. Questi miliziani dell'opposizione pensano solo a creare rabbia e confusione per poter poi nuotare beati nella cacca che spandono a piene mani. Una mala azione contro due persone che si sposano è una vigliaccata enorme e quindi io vorrei proporre alla Lega, che sembra abbia ancora gli attributi giusti, ed al PDL, che di attributi ne ha molti e buoni ma li usa poco, di formare una Task Force per creare un cordone di sicurezza al fine di salvaguardare il sacrosanto diritto del Ministro Brunetta e della sua promessa sposa ai quali faccio, insieme alla mia famiglia, i più sentiti auguri.

    Report

    Rispondi

  • verratti

    07 Luglio 2011 - 20:08

    Sig. Brunetta,chi semina vento raccoglie tempesta,ti conviene rimandare tutto e sposarti in segreto. Almeno una volta dai retta a un fannullone in pensione che dopo aver girato tutte le scuole della Lombardia si è dovuto accontentare di una pensione inferiore a chi in parlamento è stato un solo giorno,e non ha neanche lavorato. Vergognati di ciò che hai detto, e lo hai detto a chi ti paga il lauto stipendio da Ministro del caiser,devi imparare prima l'educazione e poi tutto il resto, se ne sei capace.E poi,ti abbiamo visto doemire beato in un'assemblea dove si discutevano i problemi del nostro Paese,allora chi sono i fannulloni???

    Report

    Rispondi

  • cioccolataio

    07 Luglio 2011 - 18:06

    la definizione corretta di Brunetta è stata data da Tremonti. Io solo aggiungerei: "e pure presupponente e antipatico!". Ciò detto, non vale proprio la pena di difendere gente così: al limite meglio difendere Scilipoti, che almeno pensa solo a se stesso e non è ministro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog