Cerca

I Responsabili cambiano nome: si chiamano Popolo e territorio

A sei mesi dalla nascita la 'stampella' del governo 'cambia pelle'. Moffa: "Oggi inizia una nuova fase e un nuovo profilo politico"

I Responsabili cambiano nome: si chiamano Popolo e territorio
"Iniziativa Responsabile cambia nome". Il partito nato con l'obiettivo di essere la stampella del governo dopo lo strappo di Gianfranco Fini e di Futuro e Libertà, a distanza di sei mesi dalla nascita, si chiamerà "Popolo e Territorio". Silvano Moffa, presentando il gruppo composto da 29 parlamentaria Montecitorio, ha spiegato: "Oggi inizia una nuova fase. Popolo e Territorio riunisce le varie entità che si sono accorpate con senso di responsabilità lo scorso 14 dicembre e le supera. Assume un nuovo profilo politico su tre aspetti su cui c'è convergenza e su cui dialogare con Pdl e Lega senza alcuna subalternità: famiglie, Pmi, e Costi della Politica. Popolo e Territorio - ha aggiunto Moffa - significa difendere il Mezzogiorno con la dignità di chi non si sente far parte del gruppo misto del Pdl".

Le priorità
- Per Moffa "i figli vanno visti come elemento di investimento, va rivista la logica dell'Isee in assonanza con il Forum delle famiglie". La 'terza gamba del centrodestra', il cui esponente più celebre è senza ombra di dubbio Domenico Scilipoti, ha insistito sui tagli alla politica: "La politica deve avere il coraggio di mettersi in discussione - ha proseguito Moffa -, deve tagliare gli stipendi dei manager e di chi è stato tanti anni in Parlamento, le pensioni d'oro dei grand commis di stato. Ma si deve anche discutere della possibilità di dismettere alcuni palazzi. Noi - ha puntualizzato - non ci stiamo a farci trascinare in una bufera dove tutto è bianco o nero". Popolo e Territorio ha annunciato infine di voler introdurre nel dibattito sulla finanziaria il "tema dei precari, del mondo bancario, di Equitalia".

Energie rinnovabili
- Quanto alle rinnovabili - si domanda infine Moffa - "perché non investire da subito? Proprio ora che l'Italia ha detto no al nucleare diviene paradossale ridurre gli incentivi e che ciò che prima era consentito non lo sia più ". Per ultimo l'annuncio di un incontro con i ministri Giulio Tremonti e Raffaele Fitto la prossima settimana per "rappresentare le nostre idee".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberovero

    07 Luglio 2011 - 16:04

    chiamarsi Popolo e Territorio per chi non ha nè popolo nè territorio. Sarebbe come chiamare Popolo delle Libertà un partito in cui il popolo degli iscritti e degli elttori non ha alcuna libertà di scegliere nè la linea politica nè la classe dirigente.

    Report

    Rispondi

  • italodemocratico

    07 Luglio 2011 - 13:01

    In fin dei conti, questo piccolo siculo, a forza di cambiare direzioni politiche e nomi, dovrebbe chiamarsi pinocchiato del partito fiabe.

    Report

    Rispondi

  • ITALYA LIBERA

    07 Luglio 2011 - 08:08

    I responsabili cambiano abito con il nuovo nome..ma nella sostanza rimangono lo stesso aimè..! la politca viene usata con un rinnovamento delle vetrine di un elegante negozio del centro peccato che i manichini sono sempre gli stessi...Mons Lucas Giacalone

    Report

    Rispondi

  • Noseda

    06 Luglio 2011 - 23:11

    Certo che quello che manca ad un gruppo politico non è certo un ideale, un programma, è il nome, che dica tutto e niente, ma per piacere...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog