Cerca

Sud in mano ai pm : tra Idv e Pd nasce il partito delle manette

De Magistris pronto a mollare Di Pietro per sostenere Ingroia a sindaco di Palermo contro Orlando. E' il governo delle toghe. / MAINIERO

Sud in mano ai pm : tra Idv e Pd nasce il partito delle manette
La sigla potrebbe essere Pm, che non è un nuovo Partito monarchico ma il Partito delle Manette (o dei Manettari), repubblicano, orientato decisamente a sinistra e con un re per ora incontrastato: Luigi De Magistris, che affoga nell'immondizia napoletana e che si è messo in testa di regalare all'Italia un nuovo bidone.
Andrà così, se il progetto dovesse realizzarsi: lui, Gigino, ex Pm, sindaco di Napoli. Michele Emiliano, già sostituto procuratore della Direzione Distrettuale Antimafia, sindaco di Bari. Antonio Ingroia, attuale procuratore aggiunto di Palermo, futuro sindaco del capoluogo siciliano. En plein: tre grandi città (anzi: tre capitali del Sud) e tre sindaci-sceriffi, tutti e tre esponenti di un nuovo movimento, il Pm, appunto. Applausi di Dario Fo, Franca Rame, Marco Travaglio e Serena Dandini. Benedice (e forse suggerisce anche) Michele Santoro. Permetteteci la battuta: Anno Zero della politica. Ma procediamo con ordine.

Di Luigi De Magistris e della sua elezione a Napoli sapete tutto: faceva il Pm, scatenò polemiche a non finire, lasciò la magistratura e divenne parlamentare europeo come indipendente nell'Italia dei Valori. Poi anche sindaco di Napoli. Stesso percorso, almeno per quanto riguarda il settore di provenienza, per Michele Emiliano: la procura, l'incontro con Giovanni Falcone e Rosario Livatino, la candidatura con il centrosinistra e l'elezione a sindaco di Bari, la seconda candidatura e la rielezione. Per entrambi, un problema non da poco: tutti e due non vanno d'accordo con i rispettivi partiti e, soprattutto, i rispettivi capi. De Magistris è in rotta di collisione con Antonio Di Pietro. Emiliano ha rapporti difficili con il Pd di Bersani. Il loro futuro politico è incerto. E allora ecco l'idea: mettiamoci insieme e affranchiamoci dall'Italia dei Valori e dal Partito Democratico. Qualcosa più di una semplice idea, visto che, secondo indiscrezioni, il contenitore giusto per accogliere le ambizioni dei due sindaci esisterebbe già e sarebbe anche pronto all'ospitalità. Si chiama (spiega Dagospia) Partito del Sud, è stato fondato nel 2007 dallo storico Antonio Ciano e avrebbe avuto abboccamenti con De Magistris ed Emiliano. Le trattative sarebbero condotte da Marco Esposito, responsabile per il Mezzogiorno dell'Italia dei Valori. Obiettivo: le amministrative della prossima primavera. E qui si inserisce Antonio Ingroia, magistrato antimafia lanciato in tv da Michele Santoro e approdato, sempre al fianco del giornalista, a “Tutti in piedi”, la recente festa bolognese della Fiom che, guarda caso, ha visto la partecipazione di Marco Travaglio, Dario Fo, Franca Rame e Serena Dandini.

Brevemente. Tutto nasce da un'idea abbastanza balzana: candidare a Palermo Leoluca Orlando, il vecchio e vecchissimo che avanza. Orlando, portavoce dell’Italia dei Valori, sindaco negli anni Ottanta con la Dc e negli anni Novanta con la Rete, vorrebbe fare il tris. Antonio Di Pietro non si oppone. Anzi: la candidatura gli piace, soprattutto in funzione anti Pd (che sogna un’alleanza, non gradita da Tonino, con il Terzo Polo e con Raffaele Lombardo). Guerriglia in corso. E De Magistris, assieme ad Emiliano, spariglia: il candidato giusto è Antonio Ingroia. Ingroia, che è stato al fianco di Gian Carlo Caselli e che si è occupato, tra l’altro, del caso Contrada, di Marcello Dell’Utri e anche di Massimo Ciancimino, figlio di Vito, ugola d’oro e testimone chiave rivelatosi poi alquanto inattendibile.
Disse Michele Santoro a Bologna, festa della Fiom: "Il mio futuro è in tv. Io penso a fare bene il mio lavoro e mi impegno a stimolare la coscienza della gente che mi ascolta. Poi, se io dovessi costruire un partito, l'architrave sarebbe quella che salirà sul palco: Travaglio, Ingroia, Dario Fo, Franca Rame, Serena Dandini e tanti altri. Solo con il mondo del giornalismo e la magistratura realmente indipendenti si può costruire una buona democrazia". Non citò De Magistris e neppure Emiliano. Che nel futuro Pm, Partito delle Manette, sia già in corso la guerra sotterranea per la leadership?

di Mattias Mainero

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • leuvian

    17 Luglio 2011 - 12:12

    @Cheguevaram.... : le cose stanno nel modo di come ognuno le legge. Se vinceva a Napoli il Centrodestra era il consenso plebiscitario ed il voto del popolo (come avete sempre detto) che va rispettato.Vince de Magistris a Scampìa col 66% ed invece è il voto camorristico che si sposta...strano modo di dare o togliere valore al voto popolare a proprio uso e consumo! Riguardo all'articolo, a parte alcune inesattezze e fantasie, e i soliti giudizi (partito delle manette), l'ipotesi non è poi così peregrina o inattuabile. Potrebbe succedere e allora sì che ci sarà da divertirsi!

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    11 Luglio 2011 - 13:01

    Acqua al mulino della secessione. Accenni di fronda nel piccolo cottolengo del lerciopiteco e in casa dei Democratici Sfigati? Acqua al mulino del centrodestra. Stracci e coltelli volano nell’ipotetico nuovo PM (macché Partito delle Manette! Con quel popò di “architrave” evocato dal guappo Mighelo’, fatto cioè di Travaglio, Ingroia, Fo, Rame, Dandini, è assai più appropriato Partito della M**da!) prima ancora, non dico del parto, ma addirittura del concepimento? Acqua al mulino del mio incuriosito divertimento. Anima cattiva

    Report

    Rispondi

  • Baronedel Carretto

    10 Luglio 2011 - 18:06

    Purtroppo all'italica gente piace il Mussolini di turno. Che sia fascista, comunista o nazista non importa basta che sia un duce. Questa dei magistrati in poltica, dopo aver fatto politica in magistratura, è un'aberrazione che richiede un'attenta vigilanza democratica da parte del popolo civile.

    Report

    Rispondi

  • cheguevaramerda

    10 Luglio 2011 - 14:02

    Insomma, ma a Napoli per chi ha votato la Camorra? Ma non era Lettieri l’uomo di Cosentino, e quindi della Camorra, capace di controllare pacchetti e pacconi di voti nei quartieri malfamati? Sapete chi ha vinto a Scampia? De Magistris, con il 66%. Eppure non se ne parla. La camorra non esiste più quando vince uno di sinistra. E attenzione che il prossimo anno si voterà a Palermo: scommettiamo che anche la mafia sparirà dalla Sicilia?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog