Cerca

Tremonti pensa positivo: almeno ora è intoccabile

Giulio incassa i complimenti della Merkel: nel giorno nero delle Borse il ministro è più saldo. Domani sarà una giornata decisiva

Tremonti pensa positivo: almeno ora è intoccabile
Il lunedì da incubo di Piazza Affari, con la Borsa milanese che chiude in picchiata a -3,96% e lo spread Bpt-Bund alla quota record di 290 punti, rende più saldo Giulio Tremonti e più debole la sua manovra. Una contraddizione? Sì, eppure queste ore convulse regalano al ministro dell'Economia il più classico del bicchiere mezzo pieno. Giulio incassa i complimenti del cancelliere tedesco Angela Merkel e del suo ministro Schaeuble ("La manovra va nella direzione giusta") e quindi, in qualche modo, esce rafforzato nella sua posizione di elemento insostituibile. Anche perché, con una crisi così forte, cambiare il vertice di via XX settembre sarebbe una follia. Però, da Berlino è arrivata anche una indicazione precisa: fare presto, mandare un segnale immediato ai mercati. Non è la Germania a chiederlo, ma l'Europa. E infatti nei Palazzi è tutto un susseguirsi di inviti all'unità nazionale.

L'agenda di martedì - L'input, dunque, sarà approvare la manovra in fretta. Il rischio, però, è che per trovare convergenze anche con l'opposizione la si modifichi in peggio. Tassa sui depositi titoli, pensioni, tetto dell’1% per le concessioni e  patto di stabilità interno per i Comuni sono i punti che potrebbero essere emendati. Lo stesso Angelino Alfano aveva annunciato la scorsa settimana: "Interverremo con chiarezza sulle pensioni e sul fondo titoli". Per non parlare della Lega che da tempo ha annunciato una propria lista di modifiche. Tremonti, per ora, non ha molto tempo per pensarci e recriminare. Martedì in Senato è in programma una riunione tra ministro e rappresentanti della maggioranza per mettere a punto l'iter della maanovra. Ad annunciarlo è stato il relatore del disegno di legge, Gilberto Pichetto Fratin. In mattinata, però, Tremonti è atteso a Bruxelles per illustrare i suoi provvedimenti. All'incontro a Palazzo Madama dovrebbero partecipare i rappresentanti della maggioranza delle commissioni Bilancio dei due rami del parlamento e capigruppo della Lega e del Pdl.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giusebono

    16 Luglio 2011 - 17:05

    Se il 90% DELLE IMPRESE è sempre bloccato da Equitalia, vorrei sapere come sarà possibile un minimo di sviluppo,siamo a crescita zero, e Tremonti continua a dire che è molto soddisfatto. lo venga a dire a noi piccole imprese. mi convinco sempre di più che , qualsiasi moglie di un cassentegrato saprebbe tenere i bilanci in regole, e saprebbe dove tagliare gli sprechi, iniziando dall'afitto della casa romana,andando a dormire in hotel a 4 stelle a 200 euro a notte, 800 euro a settimana e x 4 settimane 3200 mensili con un risparmio di 5300 euro rispetto agli 8500 che pagava il ministro o chi per lui. Giuseppe Bonomo

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    13 Luglio 2011 - 11:11

    Berlusconi : "Nostre banche solide, stiamo uniti". A Tremonti (...Italia chiamò) perchè sospinga "l'aquilone" Italia e prenda il giusto vento. Siamo dunque all'urgenza della Manovra finanziaria che dovrebbe vedere (novelle coorti di "romana" memoria) i "diversi" partiti istituzionali...almeno non frapporre ostacoli al momento di grande delicatezza. Questa manovra fattasi urgente per i recenti attacchi dei mercati finanziari all'Italia (anello debole) che ha visto perdere la nostra Borsa di un - 15 % in tre giorni e che allo stesso tempo è riuscita a dare una scossa a questo lento momento politico e parlamentare. Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    13 Luglio 2011 - 10:10

    Manovra che si spera venga ritoccata con riguardo particolare agli sprechi ed ai costi della politica, che man mano se ne parla, diventa sempre più un argomento da rapportare al "resto dell'Europa" (forse, più che per un recupero finanziario per una questione di ammodernamento ed allineamento del Paese). Parimenti, auspicando che il preventivato differenziale del 20 + 20 miliardi degli anni 2013/14 venga ridistribuito con maggior equità.Il rischio Grecia,Irlanda,Portogallo dev'essere allontanato. Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • valter29

    12 Luglio 2011 - 11:11

    Sembra che nessuno si accorga che esiste una crisi mondiale e che Tremonti non sembra essere quello stupido che molti ritengono che sia. Poichè ha sempre ricevuto i complimenti di altri statisti e organi internazionali vuol dire che se non altro è in buona compagnia. Perciò i casi son due: o ai più alti livelli finanziari e di bilancio mondiali ci sono degli imbecilli oppure gli imbecilli sono coloro che lo denigrano costantemente senza, tra l'altro, senza proporre nulla di meglio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog