Cerca

"Voto o governo transizione" Bersani rispolvera Monti?

Il Pd vuole cacciare Berlusconi e apre ad un esecutivo tecnico "per cambiare la legge eleggorale". Le ipotesi per Palazzo Chigi

"Voto o governo transizione" Bersani rispolvera Monti?
Per Giulio Tremonti il peggio deve ancora arrivare. La manovra è su un piano inclinato, con il Colle che preme per una sua rapida approvazione e la Lega che ha annunciato la fiducia. I mercati hanno ben accolto lo spirito anti-crisi in Parlamento. E allora, dove sono i problemi? Semplicemente, incassata una parziale vittoria, per il ministro dell'Economia torneranno d'attualità gli screzi con il premier Silvio Berlusconi. Alcuni ministri vicini al Cavaliere hanno rivelato come "il rapporto fiduciario" tra Giulio e il presidente del Consiglio si sia rotto. All'orizzonte c'è il rimpastino che vedrà il cambio obbligato del ministro della Giustizia: via Angelino Alfano, neo-segretario del Pdl, in arrivo c'è Franco Frattini con conseguente vuoto lasciato alla Farnesina. C'è chi dice, scrive Francesco Verderami sul Corriere della Sera di mercoledì 13 luglio, che Silvio potrebbe offrire proprio a Tremonti il posto al Ministero degli Esteri, a mo' di contentino e per non creare troppi scossoni nella maggioranza.

Terremoto - In ogni caso, si tratterebbe non più di un rimpasto, ma, precisa Verderami, di una "autentica rifondazione dell'esecutivo". Di certo, Tremonti è sempre più debole, nonostante il sì alla manovra. Il caos di Piazza Affari ha dimostrato che il titolare di via XX settembre non è più lo scudo per l'Italia di fronte alle tempeste finanziarie internazionali, e il fatto che lo stesso Berlusconi si sia consultato su una sua eventuale sostituzione con le istituzioni internazionali (capo dell'Eurogruppo Juncker in testa) ne è una conferma. Per placare ripercussioni negative e speculazioni, il Cav avrebbe rassicurato tutti: se va via Tremonti, a sostituirlo sarà un economista stimatissimo a livello europeo. Il nome di Mario Monti, a questo punto, risulta scontato. Non riesce a dissipare le nubi la battuta del ministro, che all'assemblea dell'Abi annunciando l'approvazione della manovra, rivela: "Mi hanno consigliato di citare Tito Livio: Hic manebimus optime". Come dire: io non mi muovo di qua. Sarà vero?

Dopo Silvio - Ma non trema solo Tremonti. A manovra approvata, l'opposizione spera di convincere sotto l'ombrellone parte del centrodestra a far cadere la testa dello stesso premier. Il dopo-Berlusconi, scrive Barbara Romano su Libero in edicola mercoledì 13 luglio, potrebbe essere rappresentato non da Pisanu e l'onnipresente Monti: stando a fonti pidielline di Montecitorio, il futuro ha il volto del neosegretario di partito Angelino Alfano. Insomma, l'obiettivo sbandierato da più parti (Pisanu, Pier Ferdinando Casini) è quello di un governo di larghe intese con Pd, Udc, Fli, Lega e 'antagonisti' all'interno del Pdl. Non a caso, il segretario democratico Pier Luigi Bersani rilancia nuovamente la pazza idea: "Dopo la Manovra bisogna aprire una fase politica nuova per far riprendere il cammino al Paese. Per noi la strada maestra sono le elezioni ma noi siamo pronti a considerare, anche se non sembrano probabili gli spazi, una fase di transizione per cambiare la legge elettorale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    15 Luglio 2011 - 15:03

    Siamo sempre al solito teatrino, come i buffoni dello spettacolo i quali almeno lo dicono apertamente che vogliono solo farci ridere..... da elettore di Dx il prof Monti mi andrebbe bene senz'altro.... ma tutta la cacca che gli si affiancherebbe nel possibile ipotetico governo, come con prodi o come anche oggi, non vanifica e SPUTTANA qualsiasi competenza e qualsiasi fama ? e Monti, che mi sembra abbia già rifiutato altre volte, ci cascherebbe ?

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    14 Luglio 2011 - 21:09

    On.le Bersani, più insistui nel tuo folle desiderio onorico di voler mandare a casa Berlusconi e questi più riesce a insediarsi. Signor Bersani,Lei dovrebbe conoscere la Costituzione più degli altri e mi meraviglio che continua a dire bestialità, non nella sostanza ma nelle forme Costituzionali. Finchè il Governo ha la maggioranza, continua a governate e Lei, dovrebbe continuare a fare ciò che fino a oggi non ha fatto "l'opposizione". Il suo sogno potrebbe diventare reaaltà soltanto se riesce a formare una maggioranza di alternativa ma rappresentando tutti i partiti che saranno con Lei daccordo e un serio programma che possa essere appetibile all'elettorato altrimenti, Lei continuerrà soltanto a dire baggianate. I votanti, dopo ciò che avete fatto contro l'ultimo governo Prodi, non vi ha ancora perdonato che a causa vostra sono stati costretti a digerirsi il Berlusca ed ora, prima di riprovarci vogliono serie garanzie. Ha capito....? Saluti affettuosi.

    Report

    Rispondi

  • aiachiaffa

    14 Luglio 2011 - 17:05

    Per favore cambia disco! sono quattro anni che dici sempre la stessa cosa. Ti rendi conto che sei ripetitivo e nessuno ormai ti ascolta più!!

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    14 Luglio 2011 - 12:12

    L'attuale Governo dovrebbe dimettersi proprio perchè non è più l'espressione della maggioranza voluta e votata dagli italiani. Dovrebbe dimettersi perchè per varare la manovra finanziaria ha bisogno dell'apporto o dell'astensione dell'opposizione. Qualora questo Governo, non più figlio delle elezioni ma del ribaltone dello scorso dicembre, fosse autosufficiente non staremmo qui a parlare di opposizione che non deve fare la guerra. La guerra se la stanno facendo da soli il PDL e la Lega a danno di noi italiani. Prima finisce questa agonia e meglio è.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog