Cerca

Una manovra che pagheranno solo famiglie e imprese

Nel nuovo testo di 48 miliardi il peso delle imposte arriva al 60%. Dal tagli delle agevolazioni fiscali arrivano 22 miliardi

Una manovra che pagheranno solo famiglie e imprese
Il passaggio in Senato è stato così veloce da lasciare di stucco persino Giorgio Napolitano. «È un miracolo», ha detto il capo dello Stato commentando il voto lampo che ha spedito la manovra correttiva alla Camera, dove oggi arriverà l’approvazione definitiva (ieri notte il via libera in Commissione, senza cambiare una virgola al testo). Viene da chiedersi dov’erano gli speculatori negli ultimi cinquant’anni, visto il risultato straordinario che sono riusciti ad ottenere. Due giorni, 161 sì, 135 no, 3 astenuti e quella che una volta veniva chiamata la finanziaria ha completato il suo iter in un ramo del Parlamento. Forse non è mai accaduto nella storia della Repubblica. E forse non accadrà mai più.
L’entusiasmo per l’iter fulmineo del provvedimento lascia spazio a qualche perplessità sul piano dei contenuti. La manovra è stata sì rafforzata, come chiedevano Fmi, Bankitalia, Bruxelles e mercati, ma la sensazione è che nella foga l’equilibrio complessivo della manovra si sia spostato un po’ troppo sul lato delle entrate (arrivate a quota 60% sul totale degli interventi), come paventava il governatore Mario Draghi.
Proprio al neo presidente della Bce è dovuta la principale correzione arrivata in Senato. L’esigenza di dare maggiore concretezza ai 14,7 miliardi (sui 40 complessivi che devono essere recuperati nel biennio 2013-2014) affidati all’esercizio della delega fiscale ha spinto Giulio Tremonti ad inserire direttamente in manovra la cosiddetta clausola di salvaguardia, che altro non è che un colpo di accetta indiscriminato su tutte le 483 agevolazioni fiscali attualmente in vigore da cui arriveranno non più 14,7, ma 20 miliardi. Soldi che saranno ottenuti prevedendo che dal 2013, in mancanza della riforma fiscale, scatteranno tagli del 5% prima e del 10% poi (nel 2014) dei bonus a favore di famiglie e imprese.
Altri due miliardi e rotti di “rafforzamento” sono stati recuperati con altre misure (principalmente i balzelli sulla benzina: 1,7 miliardi) non meno pesanti per i contribuenti. Complessivamente, rispetto ad una correzione del deficit negli anni 2013-2014 che si prevedeva di 40 miliardi (compresa gli effetti della delega fiscale) si è arrivati, secondo le tabelle definitive “bollinate” dalla Ragioneria dello Stato, ad un impatto a regime di 47,9 miliardi di euro. Cifra che si ottiene sommando ai 25,3 miliardi già previsti dal decreto uscito dal Consiglio dei ministri i 22,6 miliardi spuntati fuori dagli emendamenti di Palazzo Madama. Totalmente fuorvianti, oltre che illegittimi sotto il profilo tecnico, sono i calcoli del valore cumulato negli anni, che ieri hanno fatto parlare di una manovra monstre arrivata addirittura a sfiorare gli 80 miliardi.
Quanto ai contenuti, le principali novità riguardano, tanto per cambiare, sacrifici e strette di cinghia.
Si parte con i ticket di 10 euro sulle ricette mediche e di 25 euro per gli interventi del pronto soccorso in codice bianco già da lunedì prossimo. Gli aumenti delle aliquote delle accise disposte il 28 giugno 2011 “temporaneamente” per fronteggiare l’emergenza immigrati conseguente alla guerra in Libia «restano confermate a decorrere dal primo gennaio 2012» e si avviano a diventare l’ennesima voce di una lunga lista che comprende, tanto per dirne una, il contributo per la guerra di Abissinia del 1935 che ancora paghiamo quando andiamo al distributore.
Sulle stock option, l’aliquota del 10% si applicherà a tutta la parte eccedente la parte fissa della retribuzione. Mentre per il conto titoli si è optato alla fine per una tassazione progressiva. L’imposta di bollo resterà di 34,2 euro per chi ha un portafoglio inferiore ai 50mila euro. Poi partono quattro scaglioni: tra i 50mila e i 150mila euro su cui a regime (dal 2013) graverà un bollo di 230 euro; tra 150mila e i 500mila si dovranno pagare 780 euro e per depositi superiori ai 500mila euro il superbollo arriverà a 1.100 euro.
Per quanto riguarda gli ammortamenti è stato tolto quello al 2% per le società diverse da quelle autostradali e trafori. Arriva invece un aumento dello 0,30% dell’Irap (dal 3,90 al 4,20) per i concessionari non autostradali, mentre per i concessionari autostradali e trafori scende dal 5 all’1% la deducibilità del fondo spese di ripristino.
Corposo il pacchetto pensioni. La quota che sarà indicizzata all’inflazione sale dal 45 al 70%  per gli assegni tra 1.400 e 2.400 euro lordi. Sotto sarà al 100%, sopra sarà azzerata. Si anticipa poi al primo gennaio 2013 l’aggancio delle pensioni all'aspettativa di vita, con un incremento di 3 mesi. Previsto infine un ontributo di solidarietà fino al 2014 per le cosiddette pensioni d’oro, cioè superiori ai 90mila euro annui. Il contributo ammonta al 5% per la parte eccedente i 90mila euro, e al 10% per la parte eccedente i 150mila euro.
La cosa più interessante della manovra è il cosiddetto forfettone, che prevede una tassazione al 5% per chi ha meno di 35 anni e decide di aprire un’attività. Sarà un caso, ma la misura non sembra avere la necessaria copertura.

di Sandro Iacometti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 1968marco

    17 Luglio 2011 - 23:11

    hai lavorato 15 giorni a questa finanziaria! bravo spero che leggi il mio post. sono un elettore di centro destra. non mi aspettavo da te una manovra di questo tipo (manovra che mi sarei aspettato eventualmente da una maggioranza di centro sinistra). non metteremo le mani nelle tasche degli italiani!. dove le hai messe? nel portafoglio dritte filate. sono un padre di famiglia con 2 figli, tra detrazioni in meno, accise sui carburanti bevute giù senza troppa pubblicità, balzelli vari ecc ecc è veramente dura tirare la cinghia. altro che riduzione delle tasse!. e ci hai pensato 15 giorni? se hai qualche amico in libero chiedigli la mia mail caro cav (sempre minuscolo) e scrivimi le motivazioni di questa tua riflessione di 15 giorni ben ponderata!. magari sono valide. Magari siamo come Italia (maiuscola) alla canna del gas. allora mi dicevi:"devi tirare fuori 500 euro e lo accettavo). ma da te (minuscoli) non me lo sarei aspettato un simile comportamento........ !

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    17 Luglio 2011 - 22:10

    A conti fatti non basterà. A nessuno sfugge che una misura che prevede l'introito di 5 miliardi (a titolo di esempio), alla fine ne incassa 3 se va bene. Poiché le misure adottate causano altri effetti indotti. Sempre a titolo di esempio, aumenterà l'evasione (e lì siamo demuniti di controlli), l'aumento delle accise indurrà a consumare meno benzina (finite le passeggiate in auto).Cioé meno accise. E così discorrendo. In economia un input puo' causare effetti contrari a quelli che si vogliono ottenere. Se l'effetto é di spremere il reddito dei ceti medi/medio bassi, é molto piu' facile che si ricorra a succedanei che sia il mancato consumo o altro. Si sono persi anni durante i quali occorreva pensare a mettersi al riparo da effetti negativi eventuali (a mio avviso prevedibili). Ma non é cosa di questo Premier che si é lanciato in promesse (per il consenso). Il Ponte, il nucleare, ecc....Vengono i brividi a pensare cosa ne sarebbe se avessimo iniziato. Intanto paghiamo diverse multe

    Report

    Rispondi

  • giggino1977

    15 Luglio 2011 - 19:07

    Io probabilmente non andrò a votare mai più, tu invece ti devi mettere a pecora per il resto dei tuoi giorni davanti a bersanov, ventola, tipiedro, il moschettiere travaglio, san toro, gad merdem, dalemalì, il santone saviano, il ladro debenedetti, er padella e tanti altri compagnucci di merende... Il tuo bucetto lesionato se la caverà giusto perchè camperai ancora per poco...

    Report

    Rispondi

  • giggino1977

    15 Luglio 2011 - 19:07

    La ciaccarella di tua sorella !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog