Cerca

Manovra, l'ok dalla Camera. Cav: "Ora l'Italia è più forte"

Testo approvato (316 sì, 284 no) dopo la fiducia. Berlusconi in aula: "Meno tasse, non è il momento. Latitante? Ho lavorato"

Manovra, l'ok dalla Camera. Cav: "Ora l'Italia è più forte"
Via libera definitiva della Camera alla manovra economica. Il sì di Montecitorio è arrivato con 314 voti a favore, 280 contrari e due astenuti. Le discussioni e le operazioni di voto si sono concluse intorno alle 18, dopo che nel primo pomeriggio l'Aula aveva confermato la fiducia al governo Berlusconi. In questo caso, i sì sono stati 316, 284 i no, 2 gli astenuti. Venerdì c'era stato l'ok del Senato. Presente in Aula anche il premier Silvio Berlusconi, che da giorni aveva attuato una strategia di grande riservatezza stretto tra guai giudiziari (il risarcimento milionario a De Benedetti), la crisi dei mercati e la tenuta del governo. Stringato il suo commento a caldo all'approvazione della manovra: "Ora l'Italia è più forte". E intanto la Casta se la ride: confermati tutti i punti della discordia rivelati da Franco Bechis su Libero. Per gli onorevoli portafogli più gonfi, mentre per famiglie e imprese si stringe la cinghia.

Il ritorno - A proposito del suo silenzio, Berlusconi si difende: "Non sono stato affatto assente o latitante. Mi vogliono dipingere così, ma io invece in questi giorni ho studiato tutte le carte, ho lavorato per il bene degli italiani: mi piacerebbe tanto dare loro quello che ho promesso, un alleggerimento della pressione fiscale, ma il momento è difficile e adesso non è possibile". Subito dopo il voto in Aula, il Cavaliere ha incontrato in un vertice ristretto il ministro dell'Economia Giulio Tremonti e il leader della Lega Umberto Bossi. A margine delle operazioni di voto, il premier ha inoltre incontrato deputati e ministri nella sala del governo a Montecitorio.

L'indiscrezione
- Per Berlusconi, comunque, non sono stati solo giorni di lavoro. Tornato a Montecitorio, avrebbe rivelato ai colleghi di aver avuto un piccolo incidente domestico nella notte tra giovedì e venerdì. Il premier sarebbe scivolato in bagno procurandosi una leggera ferita alla testa. "Stanotte sono scivolato, c'era qualcosa di viscido per terra, e ho battuto la testa. Ho un dolore alla mascella e questa sera rientro a Milano per fare un controllo, forse una tac, e comunque per farmi controllare da Zangrillo". Il Cavaliere avrebbe anche mimato il dolore al volto, immortalato da alcune riprese tv. 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Macho23

    08 Settembre 2011 - 10:10

    tutti a dire sono deluso da berlusconi...avete tolto i paraocchi. è sempre stato così.

    Report

    Rispondi

  • gangisalvo38

    19 Luglio 2011 - 17:05

    adesso siete felici ke l'italia è più forte, ke le banke continuano a fare gli affari loro, ma avete pensato agli italiani? ke saranno quelli ke votano alla prossime elezioni?

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    17 Luglio 2011 - 18:06

    Non ho capito se lei si include o se ne esclude. Certo non è che abbia tutto i torti!

    Report

    Rispondi

  • mab

    16 Luglio 2011 - 16:04

    Inutile fare l'elenco delle vergognose e insensate misure che ancora una volta rivelano quante mezze calzette mandano avanti questo disastrato paese. Ma ovviamente gli imbecilli più grandi siamo noi, incapaci di reazioni adeguate contro i vampiri inutili,deleteri e senza vergogna.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog