Cerca

Casta: dopo dieci anni di tagli ci costa mezzo miliardo in più

Nel 2001 per mantenere il Parlamento pagavamo un miliardo, oggi 1,5. In pratica, tre Camere al posto di due / BECHIS

Casta: dopo dieci anni di tagli ci costa mezzo miliardo in più
Per dieci anni hanno finto tutti i governi di tagliare i costi della politica. E invece è accaduto l’esatto opposto. Tanto che se nel 2001 per mantenere Camera e Senato si spendeva poco più di un miliardo di euro, nel 2011 si spenderà un miliardo e mezzo. La differenza è di 469 milioni di euro, non una bazzecola. Perché quella cifra da sola riesce a mantenere una Camera in più, la terza. Mentre si prendevano in giro gli italiani dicendo che il Palazzo stringeva la cinghia, si è tolta dalle tasche dei contribuenti una cifra che sarebbe in grado di mantenere da sola due Senati francesi, giusto per fare un esempio europeo. Dieci anni fa la Camera costava 736 milioni di euro. Quest’anno il suo costo è di 993 milioni di euro. Con il Senato le spese pazze della politica sono perfino andate peggio, quasi raddoppiate: nel 2001 erano 320 milioni di euro, oggi sono 535 milioni di euro. Non c’è una sola voce di spesa che sia diminuita. Nemmeno quell’indennità parlamentare che è stata pure limata in questi anni. Perché nel decennio prima ha avuto gli scatti in avanti e poi quelli indietro, ma il risultato finale è che ancora più alta oggi di allora. Fra stipendi e rimborsi spese i parlamentari costavano nel 2001 quasi 225 milioni di euro. Oggi quella cifra è salita di una ventina abbondante di milioni a 245 milioni di euro. Percentualmente è meno del dieci per cento, e in dieci anni vuole dire meno dell’inflazione reale. Però se si somma la crescita clamorosa della spesa per altri benefit, come i trasporti e la ristorazione, il pacchetto del trattamento economico complessivo dei parlamentari è cresciuto assai più della rivalutazione monetaria prevista dall’Istat. Il conto del ristorante degli onorevoli è passato da 3,6 a 8 milioni di euro, ed è quindi più che raddoppiato. Quello dei trasporti aerei, in treno, autostradali e marittimi è quasi triplicato, passando da 8,9 a 20,9 milioni di euro. Cresciuti notevolmente anche i contributi dati nei due rami del Parlamento ai gruppi parlamentari, e anche questa voce ha un beneficio indiretto sulle tasche di deputati e senatori. Nel 2001 infatti erano trasferiti ai gruppi parlamentari 54,1 milioni di euro fra Camera e Senato. Dieci anni dopo quella somma è lievitata di 20,1 milioni di euro raggiungendo i 74 milioni. I gruppi erano allora 7 più quello misto, e oggi sono esattamente gli stessi: sette più il misto. Semplicemente si sono trasferiti più soldi a ciascuno di loro. Quei 74,3 milioni servono a pagare soprattutto gli stipendi del personale che collabora con i vari politici, ed è lì il vero beneficio. Ogni parlamentare riceve più di 4 mila euro al mese (la cifra è più alta in Senato che alla Camera) per rimborsare le spese di segreteria, compresa l’assunzione di uno o due assistenti parlamentari. Se le assunzioni le fa il gruppo parlamentare che è diventato più ricco, il singolo deputato o senatore quei soldi non li spende e se li mette in tasca come stipendio netto (non è tassato). Fa una bella differenza, e anche le sforbiciate formali che sia il governo di Romano Prodi che quello di Silvio Berlusconi hanno inserito nelle varie finanziarie non hanno limato così lo stipendio reale dei parlamentari che è continuato a crescere di fatto. Lo stesso effetto indiretto si comprende dando un’occhiata alle spese del personale dipendente di Camera e Senato. Anche qui sulla carta i segretari generali dei due organi costituzionali hanno varato nel decennio cure dimagranti, limitando all’osso concorsi e nuove assunzioni per tagliare anche così le spese della politica. Qualcosa però non deve avere funzionato, perché nel 2001 la spesa del personale della Camera era di 188 milioni di euro. Nel 2011 è diventata di 283 milioni di euro. In altra voce complementare il bilancio di Montecitorio registra la spesa per il personale esterno: era di 15,4 milioni di euro nel 2001, è diventata oggi di quasi 22 milioni di euro. Saranno aumentati gli stipendi, ma con un balzo simile è evidente che anche gli organici sono cresciuti. E non è andata diversamente in Senato: dieci anni fa il costo del personale dipendente era di 100 milioni di euro, oggi è di 145 milioni. Fra l’uno e l’altro palazzo i costi del personale dipendente sono cresciuti del 48,62%, vale a dire di 140 milioni di euro. Anche qui è evidente: la differenza è identica alla spesa di personale che oggi sostiene il Senato. Facendo finta di tagliare i costi della politica, paghiamo invece anche i dipendenti di una Camera in più, la terza.

Un miliardo e mezzo escluse le partite di giro (perché in realtà la spesa a palazzo è superiore). Che cosa abbiano tagliato, è davvero difficile da comprendere. Se avessero banalmente lasciato tutto come era nel 2001, solo rivalutando la spesa con l’inflazione, quel miliardo sarebbe oggi diventato un miliardo e 267 milioni di euro. E invece è cresciuto di altri 250 milioni che non trovano alcuna ragione ufficiale.

di Franco Bechis

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianruz

    18 Luglio 2011 - 13:01

    Ci hanno tolto la voglia di lavorare, in quanto ogni giorno ogni ora ogni minuto della giornata, vedi, leggi, senti, che i ns amministratori della ns. cosa pubblica ad ogni livello non stanno amministrando il denaro di tutti gli onesti contribuenti ma stanno amministrando i loro vizi e la loro tasca e ora che il ns. Presidente della Repubblica dica basta ed a voce alta altrimenti gli Italiani prima o dopo si stancheranno (quanto prima penso).

    Report

    Rispondi

  • nuvola grigia

    18 Luglio 2011 - 09:09

    Ammiro la capacità di questo quotidiano, pur essendo filogovernativo, ammette che i governi Berlusconi( 9 anni degli ultimi 10) ci hanno preso allegramente in giro!!!! adesso anche le tasse sono aumentate, e il presidente del consiglio si comporta come se fosse all'opposizione!!!!

    Report

    Rispondi

  • giannistecca

    18 Luglio 2011 - 08:08

    Di Pietro, che non ho mai sopportato per la sua irruenza verbale, difficile anche da comprendere, sta prendendo l'iniziativa per una manifestazione anti casta con tre obiettivi precisi: dimezzamento delle camere, abolizione dei vitalizi, riduzione drastica dei costi della politica. Mi spiace sia proprio lui a prendere questa iniziativa anche perché prevedo una massiccia partecipazione di elettori italiani di tutti i colori politici, bianchi, neri, rossi, verdi e arancioni. Se così sarà sia il Pdl con la Lega sia il Pd avranno perso un'occasione d'oro: Di Pietro, per dirla calcisticamente, ha rubato loro la palla e sta correndo verso la rete per fare goal. E se questi enunciati saranno anche il prossimo programma di Di Pietro alle elezioni, magari supportato dai vari Grillo & C., per il Pdl, la Lega e il Pd la vedo proprio nera. Io, che non ho votato mai più a sinistra della DC, se questo sarà il programma, voterò per Di Pietro, turandomi magari il naso, ma voterò per lui.

    Report

    Rispondi

  • nuvola grigia

    18 Luglio 2011 - 06:06

    Avete il coraggio di dire che i governi degli ultimi 10 anni ( 9 anni di governi Berlusconi) ci hanno ingannato!!!!! promettendo tagli alla politica!!!! invece ci hanno aumentato le tasse.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog