Cerca

Bossi fa le piroette su Papa: così tiene Silvio sulle spine

Il Senatùr cambia idea in 48 ore: "In galera, no alle manette, sì agli arresti". Tosi. "Tatticismi". L'obiettivo è far pressioni sul premier

Bossi fa le piroette su Papa: così tiene Silvio sulle spine
Il balletto di Umberto Bossi su Alfonso Papa tiene sulle spine soprattutto Silvio Berlusconi. Venerdì, subito dopo la decisione della Giunta della Camera che aveva votato sì all'arresto del deputato Pdl coinvolto nell'inchiesta sulla P4, il leader della Lega si era lasciato andare ad un veemente "In galera". Sabato la piroetta: "Non va bene mettergli le manette prima". E domenica, altro giro di valzer: "La Lega vuole votare per il suo arresto, penso che la Lega voterà per il suo arresto anche se io qualche dubbio ce l'ho, sembra una sfida al Parlamento, bisogna stare attenti a fare cose sbagliate". Forse, come ha sottolineato il sindaco leghista di Verona Flavio Tosi, le parole di Bossi "sono tatticismi. Alla fine diremo sì all'arresto di Papa". Tatticismo per tenere sulla graticola non Papa, ma il premier. Ed è una strategia ad ampio respiro, perché le punzecchiature al Cavaliere sono tante. Il governo durerà fino al 2013? "Non sono un mago", risponde sibilino. E alle prossime elezioni? "Vedremo se andare da soli o se andare insieme al Pdl". Insomma, una strategia della tensione che si risolve anche a stretto giro politico. Per esempio, il Senatùr non nasconde le difficoltà dell'ultima settimana: "Faceva caldo, 40 gradi fuori, ma anche 40 gradi all'interno della politica: è stato molto caldo, anche se Tremonti è un amico stavolta ci siamo scontrati molte volte". Non cita Berlusconi, ma è proprio il Cav quello legato all'altro capo della corda, tesissima, tirata dal Carroccio. Bossi gioca al rialzo perché in ballo c'è una poltrona importante dal punto di vista simbolico, quella delle Politiche economiche. Un posto che vale anche il rischio rottura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcopcnn

    18 Luglio 2011 - 22:10

    Voglio provare a difendere Umberto. Non è che sia confuso od indeciso, è che ormai ha capito che se fa una dichiarazione contraria alle aspirazioni di Berlusconi, il giorno dopo si ritrova coperto di offerete dal medesimo che prova in ogni modo a convincerlo a votare secondo coscienza ( La coscienza PDL ovviamente !) Papa in galera ? E pronto Papi gli offre un ministero per Reguzzoni, tre ministeri al Nord. Il senato Federale, il pontificato Padano, la beatificazione di San Calderaoli da Bargamo, e chissà cos'altro (tanto paghiamo noi come per klo stipendio della Minetti ndr. dichiarazione esplicita dell'avvocato difensore della stessa al processo Rubi). Povero Umberto, non è facile resistere soprattutto quando ci si rende conto che giovani ( si fa per dire) rampanti come Maroni erodono alla base il potere del vecchio Leader (Si scrive così o Lader ? In inglese non sono forte).

    Report

    Rispondi

  • pustin67

    18 Luglio 2011 - 18:06

    Speriami che votino si all'arresto,forse è l'unico modo per risparmiare sui stipendi dei parlamentari. 10,100,980 come alfonso papa in GALERA.

    Report

    Rispondi

  • roro43

    18 Luglio 2011 - 17:05

    Girogirotondo, casca il mondo, casca la terra tutti giù per terraaa! Se i nostri onorevoli parlamentari (bla,bla,bla) non la smettono di giocare, non troveranno nemmeno la terra su cui appogiare i loro onorevoli sederi, ma un abisso nel quale purtroppo trascineranno anche noi.

    Report

    Rispondi

  • roro43

    18 Luglio 2011 - 17:05

    Girogirotondo, casca il mondo, casca la terra tutti giù per terraaa! Se i nostri onorevoli parlamentari (bla,bla,bla) non la smettono di giocare, non troveranno nemmeno la terra su cui appogiare i loro onorevoli sederi, ma un abisso nel quale purtroppo trascineranno anche noi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog