Cerca

Cicchitto e il voto su Papa: "Altro che segreto, non vale"

Il Pdl contesta le parole del democratico Franceschini: "Ha detto come avrebbero votato i deputati Pd. Questo sistema non va"

Cicchitto e il voto su Papa: "Altro che segreto, non vale"
"Il voto segreto su Papa non c'è stato". Il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, torna sulla baraonda di mercoledì a Montecitorio, prima, durante e dopo il voto sull'autorizzazione a procedere all'arresto del deputato pidiellino Alfonso Papa. Cicchitto punta il dito contro Dario Franceschini, numero due del Partito Democratico, che durante le dichiarazioni ha comunque detto che i deputati del Pd avrebbero reso palese il loro voto. "Parole - secondo Cicchitto - testimonianza evidente che non c'è stato voto segreto, e che ci sarebbero gli estremi per invalidare quella votazione". Poi però frena: "Pensiamo al futuro, tragedie come quella di ieri in questa aula avranno a ripetersi, in quest'aula deve esserci garanzia di un voto segreto non la parodia di un voto segreto". L'idea del capogruppo, e di tutto il Pdl, è che "senza una procedura che garantisca davvero la segretezza del voto ritireremo la nostra adesione a questo meccanismo di voto", che ora avviene con il sistema elettronico e con le impronte digitali.

"Camera libera" - Anche i reponsabili di Popolo e Territorio accusan: "Ieri abbiamo chiesto in maniera aperta di votare segretamente - ha ricordato il capogruppo Silvano Moffa -. Se c'è solo il dubbio che ci sia stato un minimo controllo del voto da parte di alcuni colleghi su altri, è un elemento di assoluta gravità rispetto al quale la presidenza deve garantire la segretezza del voto nella sua pienezza". "Una cosa - precisa Moffa riferendosi alle parole di Franceschini - è dire come si vota, un'altra è votare seguendo un ordine di scuderia. Il voto segreto deve essere il voto più libero in una Camera libera, e la presidenza deve garantirlo".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • caiogracco

    22 Luglio 2011 - 00:12

    Adesso sembra che il buon Cicchitto la consideri un obbligo (se ne impara una al giorno....)

    Report

    Rispondi

  • blu521

    21 Luglio 2011 - 13:01

    Avrebbe chiesto a Cicchitto come votare e poi avrebbe dichiarato l'esito del voto leggendo il pizzino di Cicchitto. Le regole più elementari della democrazia sono state violate. C'è materia sufficiente per invalidare la votazione. Cribbio

    Report

    Rispondi

blog