Cerca

Missioni all'estero, Castelli: "Voto no a rifinanziamento"

Senato, altra grana leghista. Il viceministro della Difesa strappa: "Pronto a dimissioni". La decisione slitta a martedì prossimo

Missioni all'estero, Castelli: "Voto no a rifinanziamento"
Il Senato rinvia la propria decisione sul rifinanziamento delle missioni internazionali e scoppia di nuovo la polemica nella maggioranza tra Pdl e Lega dopo lo strappo su Alfonso Papa. Il motivo scatenante del rinvio del voto a martedì prossimo, infatti, è il clamoroso distinguo del viceministro della Difesa, il leghista Roberto Castelli, che nella serata di mercoledì aveva anticipato: "Voterò no al dl missioni, è una decisione personale di cui ho discusso con Boss". Giovedì Castelli ha spiegato: "Fui presente in Serbia durante i bombardamenti voluti dal Governo D'Alema, con Ministro dell'Interno l'attuale Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Toccai con mano l'effetto delle bombe 'intelligenti' e l'incredulità e lo sgomento del popolo serbo, donne, uomini e bambini in tutto e per tutto uguali a noi, che non riuscivano a capacitarsi del perché una nazione considerata amica come l'Italia li stesse bombardando. Lo stesso accade oggi in Libia".

Pronto a lasciare - Una decisione di coscienza, dunque, che non lo sottrae alle responsabilità. "Sono disposto a dimettermi - ha assicurato Castelli - qualora il premier e il segretario del mio partito ritenessero che questa mia posizione sia incompatibile con la carica di governo". Lo è per l'opposizione, che chiede a gran voce che il viceministro lasci in quanto in aperto contrasto su un tema portante della politica estera italiana. La maggioranza, per ora, prende tempo e accoglie la proposta del senatore Pd Vannino Chiti sul rinvio: "C'è la volontà di varare il decreto con rapidità - ha detto il capogruppo Pdl Maurizio Gasparri - ma anche con l'approfondimento necessario". Il centrodestra rigetta invece ogni speculazione politica "dell'opposizione su inesistenti divisioni nella maggioranza. Allora si voti pure oggi, per la maggioranza non ci sono problemi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog