Cerca

Napolitano punzecchia Silvio "Dopo Alfano? Non pronti"

Il presidente: "Governo non mi ha dato nomi, hanno altri problemi". Sulle toghe: "Inamissibili gli attacchi alla magistratura"

Napolitano punzecchia Silvio "Dopo Alfano? Non pronti"
Quando avremo il nuovo ministro della Giustizia? "Io non ho visto nessuna lista di nomi. So solo che una lista di 12 candidati è arrivata ai giornali. Io non ho dato nessun avallo per rinviare la nomina a settembre. Ho detto che sono pronto in qualsiasi momento. Mi sembra che non siano pronti loro, che abbiano altri problemi. L'unica cosa che ho raccomandato è di evitare l'effetto domino che si creerebbe prendendo qualcuno dal governo per nominarlo Guardasigilli. Sarebbe meglio prendere dal Parlamento". Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano prima usa l'arma dell'ironia quindi bacchetta Silvio Berlusconi e il governo, incalzando sul dopo-Alfano. E a poco serve la replica a distanza del premier, che annuncia il nuovo ministro della Giustizia "assolutamente nella settimana prossima". L'impressione e che tra Quirinale e Palazzo Chigi i nervi non siano così distesi.

Punzecchiature - Giustizia, politica, economia: Napolitano pungola su tutto. Innanzitutto, arriva un altro appello alla coesione. "Se serve ancora? Non so chi potrebbe negarlo". La manovra approvata in tempi-record, dunque non basta e quella prova non è stata "risolutiva", anche se come segnale "ha avuto un valore e un peso". Quindi un commento indirizzato a prima vista ai pm (bacchettati giovedì), anche se l'ammonimento è per altri: i magistrati, ha puntualizzato Napolitano devono tenere comportamenti che "non offuschino la credibilità ed il prestigio" delle toghe, per scongiurare un "fuorviante conflitto tra politica e magistratura", visto che gli attacchi a quest'ultima sono "inammissibili".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • guidoboc

    23 Luglio 2011 - 12:12

    Logorroico.

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    23 Luglio 2011 - 11:11

    Egregio presidente invece di continuare a guardare e criticare il governo si limiti a firmare le leggi che le vengono passate, ma soprattutto dedichi tutto il suo tempo a sistemare la giustizia che ormai è diventata la barzelletta del mondo, ha forse dimenticato che il vero compito oltre a firmare le leggi e fare la bella statuina è quella di Presidente del CSM, un CSM corrotto e colluso, se non se ne è accorto si metta gli occhiali. Sentendolo ultimamente mi viene in mente un altro suo compare che preso con le mani nella marmellata disse IO NON CI STO. Si sta preparando anche lei a dire io non ci sto? SI DEVE SOLO VERGOGNARE. DIA L'ESEMPIO DIMEZZI TUTTO IL QUIRINALE COMPRESA LA SUA PENSIONE OLTRE A STIPENDIO PRIVILEGI E VITALIZI. e FACCIA IL PRESIDENTE SUPER PARTES CHE RICHIEDE LA COSTITUZIONE TANTO AMATA DA LEI QUANDO LE FA COMODO.

    Report

    Rispondi

  • charlie4848nero

    23 Luglio 2011 - 09:09

    napolitano si deve solo vergognare è stato eletto con l'elezione truffa del 2006 che stia zitto,con tutti i soldi che prende immeritatamente deve stare solo zitto,ci risparmi gli ultimi anni che li rimangono da vivere ,vada in pensione anticipata e lasci,sia lo stipendio e la pensione a che ne ha bisogno , x colpa di gente come questa e bersani/dipietro e soci gli italiani non stimano piu la politica e non vanno a votare ,bella la vita napolitano vero? a criticare come le commari/meggere pagati da noi , gente cosi nel mondo normale starebbe sotto i ponti a chiedere la carita , vergognatevi tutti

    Report

    Rispondi

  • honhil

    23 Luglio 2011 - 08:08

    Da custode della Costituzione a comare inacidita del pianerottolo condominiale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog