Cerca

"Non si può girare lo sguardo e tacere sprechi e ruberie"

"Anche se tacessimo, l'avversione per la Casta non smetterebbe. Purtroppo di farabutti a destra ce ne sono molti." / BELPIETRO

"Non si può girare lo sguardo e tacere sprechi e ruberie"
Cara Maria Giovanna, ti voglio innanzitutto tranquillizzare. Non mi sono innamorato delle manette e non ho nessuna intenzione di trasformare Libero in una specie di Fatto del centrodestra.  A differenza del quotidiano diretto da Antonio Padellaro, il nostro non ha grande confidenza con le Procure, dalle quali in genere riceve un trattamento che non viene usato neppure con i peggiori criminali. Dunque non c’è pericolo che il virus forcaiolo ci contagi: è più facile che Marco Travaglio diventi il portavoce di Berlusconi che noi i gazzettieri di Di Pietro.
Però, cara Maria Giovanna, non essere giustizialisti non significa essere fessi o ingenui. Né equivale a non vedere ciò che accade dentro il Palazzo. Tu dici che il Cavaliere ha enormi responsabilità nell'aver scoperto  e promosso certi personaggi, abdicando al dovere delle riforme liberali che aveva promesso agli elettori. Probabilmente hai ragione e il premier avrà modo di meditare su ciò che non ha funzionato nei suoi governi e nelle sue maggioranze. Ma bisogna riconoscere che è anche molto facile addossare ogni responsabilità a lui, addebitandogli gli errori di una rivoluzione mancata.
Se le cose non sono andate nel verso giusto è anche colpa di un certo numero di gaglioffi che hanno badato più ai loro interessi che a quelli del Paese. E purtroppo tra i farabutti ce ne sono anche parecchi che indossano la casacca del centrodestra, un dato di fatto che è impossibile contestare.
Tu dici che bisogna stare attenti con i toni, altrimenti c'è il rischio che si ripeta il periodo infame che tra il 1992 e il 1994 spazzò via un'intera classe politica moderata, aprendo la strada a chi militava in un partito sconfitto dalla storia che come i camaleonti aveva cambiato colore nella speranza di mimetizzarsi. Vero. Il rischio è concreto, perché l’esasperazione tra gli italiani è forte, in particolare tra quelli che non amano la sinistra. Non c’è pericolo che gli elettori di Berlusconi e Bossi scelgano di mettere la crocetta sul partito di Bersani o su quello di Vendola:  sono delusi, ma non scemi. Però, in caso si andasse alle urne, c’è la possibilità che facciano come a Milano quando, dovendo scegliere tra la Moratti e Pisapia, hanno preferito rimanere a casa, regalando il comune a Rifondazione comunista.
Mi par di capire che tu, proprio perché intravedi una tale insidia, pur invitandoci a trovare i mascalzoncelli che ruotano intorno al mondo della politica e con questa ingrassano, ci suggerisci moderazione, preoccupata che non si butti via con l'acqua sporca anche il bambino. Il tuo terrore è che si rifacciano gli errori di quasi vent'anni fa, quando, sulla spinta del grande cambiamento, si liquidò la Prima Repubblica per fondarne una Seconda che si rivelò peggiore della precedente. Condivido il tuo tormento. I presupposti sui quali si vorrebbe edificare l’edificio della Terza sono tutt’altro che solidi e così si  rischia che faccia la stessa fine delle altre due. Il che sarebbe un colpo mortale per il nostro Paese, già provato dalle clientele e dagli sprechi e ora anche dalla crisi economica.
Ma al tempo stesso, cara Maria Giovanna, non si può star fermi, né tanto meno zitti, evitando di raccontare quanto non funziona. Non possiamo tenerci le ruberie e neppure continuare a scialare. Imbavagliarci non servirebbe a niente, perché non è chiudendo gli occhi che si sistemano i conti. Molti parlamentari in questi giorni ci accusano di farci portavoce  di movimenti anti politici che ce l'hanno con i partiti. Qualcuno addirittura sostiene che noi aizzeremmo la folla, denigrando le istituzioni e i loro rappresentanti e per questo minaccia di farcela pagare. Ma anche se noi tacessimo, l'avversione per la Casta non verrebbe meno. Non siamo noi a dar voce alla protesta, ma è la protesta che tracima sulle pagine dei giornali.  Qualche anno fa, un libro di due giornalisti del Corriere della Sera scalò le classifiche descrivendo i privilegi dei parlamentari. Non c'era nulla di inedito nel pamphlet, ma notizie che nel tempo erano state riportate qua e là da tutti i giornali, a cominciare dal nostro. Tuttavia aver raccolto in un volume tutte le facilitazioni di cui godono gli onorevoli fece clamore. Da allora l’onda anti-Casta non è mai scemata, ma anzi è cresciuta. Soprattutto ora che i legislatori hanno dato il via a una manovra che non risparmia nessuno, tranne loro. Far finta di niente e nascondere nelle ultime pagine questi fatti non servirebbe a nulla. Certo non fermerebbe l’irritazione dei cittadini comuni. Per quella c'è un solo rimedio: ridurre le spese della Casta. Cara Maria Giovanna, so che molti amici del centrodestra questo consiglio non lo intendono, ma purtroppo è l’unica via che resta per evitare ciò che tu prospetti.  Su dunque, onorevoli, datevi un taglio.

di Maurizio Belpietro


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    25 Luglio 2011 - 18:06

    decreto legisl. 30 aprile 1992 n. 285... "Nuovo codice della strada" - TITOLO V - NORME DI COMPORTAMENTO - Art. 142. Limiti di velocità. 1. Ai fini della sicurezza della circolazione e della tutela della vita umana la velocità massima non può superare i 130 km/h per le autostrade, i 110 km/h per le strade extraurbane principali, i 90 km/h per le strade extraurbane secondarie e per le strade extraurbane locali, ... Maldestro, maldestro, maldestro!!!!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    25 Luglio 2011 - 18:06

    "20 ottobre 1984. Quel giorno, il governo Craxi varò il famigerato "decreto Berlusconi", che salvò Canale 5, Rete 4 e Italia 1. Per capire cosa accadde, bisogna tornare ad un martedì di 23 anni fa. E' il 16 ottobre 1984. Alle 20 e 20 in Piemonte, Lazio e Abruzzo, sugli schermi Fininvest appare la scritta: "Per ordine del pretore è vietata la trasmissione in questa città dei programmi di Canale5, Rete4 e Italia1, regolarmente in onda nel resto d'Italia". Poi il buio catodico. Ad oscurare il video sono i "pretori" Casalbore di Torino, Bettiol di Roma e Trifuoggi di Pescara. Le tre toghe hanno ordinato il black-out televisivo nelle regioni di loro competenza. Il motivo è semplice: la Fininvest trasmette su scala nazionale e la legge non lo consente. Le antenne private, fino alla legge Mammì del '90, non potranno superare l'ambito locale. Berlusconi se ne infischia e trasmette da Bolzano a Palermo... E' illegale"

    Report

    Rispondi

  • parigiocara

    25 Luglio 2011 - 17:05

    da tre anni a questa parte c'è un gran pubblicizzare intorno alla figura del "conciliatore giudiziario"; negli ambienti forensi e giudiziari se ne sussurra, ma i media non hanno minimamente toccato la questione: la Corte Costituzionale dovrà decidere sulla legittimità dell'istituto, ma anche se venisse bocciata, con quello che sono costati i corsi e il gran numero di persone che vi ha partecipato, i promotori saranno diventati milionari. non è possibile sapere chi ne sono gli organizzatori ??? non è possibile scoperchiare anche questa pentola ????

    Report

    Rispondi

  • jack1

    25 Luglio 2011 - 11:11

    ovunque sei spari delle minchiate a cui non arriverebbe neanche un bambimo diversamente abile ... per tua informazione Craxi non ha regalato nessuna televisione a Berlusconi , ha solo evitato che il monopolista dell'epoca (sai chi era??)facesse le carte false per distruggere mediaset ....smetti di leggere Repubblica per poi venire su Libero (naturalmente versione Gratis) a ripetere le loro cagate.. Ma ci fai o ci sei ????

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog