Cerca

Pensioni a reduci del '15-'18 Due milioni. Ma sono morti

Stanziati fondi 2012 per i soldati della prima guerra mondiale. 1,8 milioni di euro. Ma l'ultimo è deceduto nel 2008 / GIORGIUTTI

Pensioni a reduci del '15-'18 Due milioni. Ma sono morti
Debiti di guerra. La Germania ha estinto i suoi solo nell'ottobre 2010, quando chiuse definitivamente i conti con le clausole della pace punitiva siglata nel 1919 a Versailles. In Italia paghiamo ancora le pensioni ai reduci di quel conflitto, i sopravvissuti all' "inutile strage". Parliamo della Grande Guerra, quella del '14-'18, la prima a esser definita "mondiale". Ci entrammo nel 1915 e dopo la fine dei combattimenti  l'Italia  ha giustamente garantito un assegno ai reduci. Oggi, novantadue  anni dopo, si scopre che quegli assegni continuano ad essere regolarmente versati.
Per il 2012, infatti,  lo Stato ha stanziato più di 1 milione e 800 mila euro (1.807.599 per la precisione) sotto la voce "assegno annuo vitalizio ai combattenti della guerra 1914-18 e delle guerre precedenti, insigniti dell’ordine di Vittorio Veneto nonché alle “portatrici”   della Carnia e zone limitrofe".
A parte il ben strano  riferimento alle "guerre precedenti" (la guerra contro i turchi del 1911? Tripoli bel suol d'amore?), è poco comprensibile anche il riferimento ai soldati della  Grande Guerra.  Infatti proprio tre anni fa, nel 2008, fu pubblicata la notizia della morte dell’ultimo reduce italiano di quel conflitto, Delfino Borroni, classe 1898.  Arruolato diciannovenne nei bersaglieri, combattente  sull'altopiano di Asiago e sul Pasubio,  fatto prigioniero a Caporetto, morì alla bella età di centodieci anni. Non basta: l'ultimo sopravvissuto  in assoluto del primo conflitto mondiale, il britannico Claude Choules, arruolato appena quindicenne nella Royal Navy, si è spento, anche lui all’età di centodieci anni, lo scorso maggio.
le portatrici carniche
Rimarrebbero le "portatrici" carniche:  donne dalla tempra d'acciaio, che lungo il fronte friulano, caricate di pesanti gerle, portavano in prima linea rifornimenti e munizioni. Ma una portatrice che avesse avuto, poniamo, quattordici anni nel 1918, sarebbe oggi ultracentenaria. Nel dicembre del 1997, l'allora presidente della Repubblica, Oscar Luigi Scalfaro,  le menzionava nel suo messaggio agli italiani di fine anno: "Faccio un balzo a Timau, alle Alpi Carniche", diceva: "Là abbiamo ricordato le  "portatrici carniche". Erano lì, quelle che sono rimaste, più che novantenni. Ho portato la Croce di Cavaliere a ciascuna". Da allora, però, sono passati quattordici anni.   
E allora a chi vanno quegli assegni?  Forse ai familiari di quei soldati? A una prima lettura non sembrerebbe, visto che per  altre voci di spesa -  per esempio quelle relative agli "assegni vitalizi a favore dei perseguitati politici e razziali" (40 milioni e 500 mila euro nel 2012) e agli "assegni vitalizi a favore degli ex deportati nei campi di sterminio nazista" (21 milioni e 200 mila euro) -   si precisa espressamente: "e dei loro familiari superstiti".
Sempre in tema di spese di guerra, ci sono altre voci "sospette", tra  i fondi  messi  in bilancio per il prossimo anno. 922.236 euro, per esempio, se ne vanno a coprire "contributi trentennali in annualità, in semestralità o in rate costanti ai proprietari che provvedono alla ricostruzione ed alla riparazione dei loro fabbricati distrutti o danneggiati dalla guerra per destinarli alle persone rimaste senza tetto, nonché contributi ai proprietari stessi nelle annualità di ammortamento dei mutui contratti».
Qui, naturalmente,  la guerra in questione  potrebbe essere benissimo  la seconda. Ma è comunque notevole   che, a sessantasei anni dalla sua conclusione, lo Stato italiano paghi  ancora le spese di ricostruzione.
nuove commissioni
Infine,  oltre 17 milioni di euro (17.543.813) finanzieranno alcune spese mediche, che si riferiscono,  forse,  anche ai conflitti più recenti (Afghanistan, Iraq, eccetera). Tra   queste, si citano "spese per le convenzioni con medici civili generici e specialistici per integrare la composizione delle commissioni mediche di verifica e della commissione medica superiore ai fini degli accertamenti sanitari in materia di pensioni di guerra", eccetera.
 Chissà se, così rinfoltite,   le commissioni  troveranno anche il tempo di  sciogliere il mistero sulle pensioni ai reduci del  '18...

di Alessandro Giorgiutti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bellissimo

    27 Luglio 2011 - 09:09

    Se stanziano ancora pensioni per la guerra 15/18 figuriamoci dove andremo a finire con l'ultima guerra ;penso all'anno 3000.

    Report

    Rispondi

  • Daniele.Cardella

    26 Luglio 2011 - 19:07

    Forse è il caso di controllare questi assegni e vedere con dei filmati chi li ritira.La guardia di finanza che nacque sotto i sabaudi dovrebbe essere incaricata di fare dei controlli.... E poi perchè devono andare dei soldini ai familiari dei deportati ? Noi italiani siamo indebbitati fino alla gola.Diversamente rischiamo di annegare come la Grecia mi piace ricordarlo ai nostri politici che sono magnanimi con i nostri soldi.Non si preoccupano per niente se vengono spesi,decentemente.Dovete ridurre le uscite.L'imperativo:RISPARMIARE !

    Report

    Rispondi

  • vin43

    26 Luglio 2011 - 19:07

    Siamo al solito. Sono i “drittoni” che intascano quei soldi. Se ormai sono tutti morti, chi fa sparire ca 80 milioni di euro tra rivoli e sottorivoli? Il giornalista Alessandro Giorgiutti che ha iniziato a scrivere questa nuova pagina deve, secondo me, approfondire e indicare altri “drittoni” dopo i nostri deputati. Gli auguro un grande successo.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    26 Luglio 2011 - 18:06

    E' così difficile controllare?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog