Cerca

Faida Lega a colpi di dossier Ora trema il Cerchio magico

Indagata l'assessore lombardo Monica Rizzi: raccoglieva dati illegali sui compagni di partito sgraditi per favorire Renzo Bossi

Faida Lega a colpi di dossier Ora trema il Cerchio magico
Una finta psicologa, una sensitiva che ama parlare  con gli alieni e un maresciallo dei finanzieri. Sono questi i tre protagonisti dell’inchiesta bresciana su Monica Rizzi, assessore regionale della Lega in Lombardia da ieri ufficialmente indagato per “trattamento illegale di dati”: un reato per il quale rischia fino a tre anni di reclusione.
Secondo la Procura di Brescia, che ieri mattina ha ordinato una perquisizione a casa e negli uffici della politica a Milano, la giovane leghista della Valcamonica  avrebbe prodotto una serie di dossier su alcuni colleghi di partito a lei sgraditi. E per aiutarla si sarebbe avvalsa della collaborazione di Adriana Sossi, cartomante spesso ospite delle reti Mediaset e proprietaria dell’agenzia investigativa bresciana Cagliostro. Un’agenzia che si appoggiava al principale indagato: Francesco Cerniglia, maresciallo della Guardia di Finanza pronto a violare l’archivio del ministero degli Interni per portare a termine le sue ricerche. Ora  rischia fino a otto anni di carcere.
Le indagini del maresciallo, secondo l’esposto alla base delle indagini, sarebbero servite anche per spianare la corsa al Pirellone di Renzo Bossi. La Rizzi, infatti, è considerata  parte integrante del cosiddetto “cerchio magico” leghista  e ha seguito la campagna elettorale del Trota nel 2010. Per la famiglia del Senatur si può parlare di una scelta poco felice. Subito dopo le elezioni Monica ha passato mesi a difendersi da accuse di vario genere. Tra le altre, anche quella relativa alla sua  laurea in psicologia infantile con tanto di master in Svizzera. Un titolo di studio che la Rizzi non ha mai avuto, ma che per anni ha utilizzato in pubblico, arrivando a inserirlo in documenti ufficiali e a presenziare a convegni sul tema.
Per la gran parte dei leghisti lombardi, già questi episodi sarebbero bastati per far dimettere la Rizzi dalla giunta. Umberto Bossi, tuttavia, ha scelto di difenderla fino all’ultimo. Anche a questo probabilmente è dovuto lo sfogo del capogruppo in Regione Stefano Galli, che ieri mattina ha salutato l’inizio delle perquisizioni esclamando «viva la Guardia di Finanza». Lo stesso discorso vale per Enio Moretti, ex consigliere e nemico giurato dell’indagata: «Se fosse vero quanto mi dicono, spero che la Rizzi vada ricoprirsi di pantano per la vergogna».
Entrambi i politici, secondo i magistrati, sarebbero  protagonisti dei dossier dell’assessore. E con loro ci sarebbe anche un terzo esponente lumbard del quale sarebbero state documentate alcune avventure extraconiugali. Nelle carte si trovava di tutto: le residenze dalla nascita in poi, patente, documenti di identità, multe, porto d’armi, tipo e matricola dell’arma e tutto il quadro penale, vecchi procedimenti etc. Documenti che un ex deputato leghista, Giulio Arrighini, aveva avuto modo di leggere, provvedendo poi a denunciare tutto.
La Rizzi, intanto, ha negato ogni addebito. Per prima cosa ha ribadito di non aver alcuna intenzione di dimettersi. Poi ha parlato di «un atto dovuto» sul suo conto. «Sono serena e, anzi, contenta che siano venuti a controllare», ha detto, «così chiariremo tutto».

di Lorenzo Mottola
Beatrice Raspa

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Veraleks

    28 Luglio 2011 - 08:08

    vedono tutto e prenderanno le loro decisioni nella cabina del voto.

    Report

    Rispondi

  • giorgio1954

    27 Luglio 2011 - 17:05

    Quale è la novita pensavate che la LEGA era diversa dagli altri? Sono tutti uguali DESTRA CENTRO SINISTRA sono politici fanno solo gli affari loro, del popolo Italiano o Lombardoveneto non interessa a nessuno . Non sapendo come fare per mandarli a casa tutti democraticamente Ho smesso di votare.

    Report

    Rispondi

  • Filippo52

    27 Luglio 2011 - 17:05

    che espressione, anch.io dico, ma e' possibile che devo pagare un elemento simile. Ecco il potere che vuole la ,Lega......andate avanti cosi' , adesso andiamo tutti in vacanza e poi??????????????????????????????

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    27 Luglio 2011 - 14:02

    Basta! Ed io con i miei soldi devo pagare quel cretinetti raffigurato in fotografia! Bastonate sulla schiena a tutta la Lega!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog