Cerca

Processo lungo, sì dal Senato Solo sceneggiate a sinistra

A Palazzo Madama 160 voti a favore, 139 contro. L'opposizione urla. Prima da ministro per Palma. Il Csm: "Contro l'Europa"

Processo lungo, sì dal Senato Solo sceneggiate a sinistra
Il Senato dà la fiducia al governo sul ddl del cosiddetto "processo lungo": 160 sì, 139 no. Un'altra mattinata di durissimo scontro, con la sinistra che agita ancora una volta lo spettro del regime. Per la prima volta in aula di Francesco Nitto Palma da ministro della Giustizia, insomma, non ci poteva essere circostanza più calda. Anche perché ci si era arrivati con una escalation di tensione. Giovedì la decisione del governo di apporre la fiducia sul provvedimento, questa mattina la richiesta del presidente dell'Associazione nazionale magistrati Luca Palamara che dalle pagine del Corriere della Sera parlava di "banco di prova della volontà di avere un approccio coerente in favore dell'efficienza della giustizia". Insomma, anche l'Anm chiedeva lo stop al ddl allunga processi. E Michele Vietti, vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, aggiunge: "E' una misura che va obiettivamente nella direzione opposta rispetto all'impegno per diminuire la durata dei processi sul quale il Csm è impegnato in modo prioritario, anche per tenere il passo con l’Europa".

Cosa cambia - Il ddl prevede l'inapplicabilità del rito abbreviato per quei delitti che prevedono tra le pene l'ergastolo. La pate più contestata della norma è quella che consente alle difese di presentare lunghe liste di testimoni, che secondo i critici potrebbero essere potenzialmente infinite causando quindi l'ingolfamento del processo. Soprattutto, non vengono considerate più come prova definitiva in un processo le sentenze passate in giudicato in altri processi. Le sentenze, dunque, non sono più prove. Soprattutto quest'ultimo passaggio potrebbe avere riflessi sui processi milanesi di Silvio Berlusconi, il vero nodo del contendere per la sinistra, che ha parlato di legge ad personam.

Aula calda - Più che confronto nel merito, però, a Palazzo Madama è stata una sarabanda di accuse. "Il corpo della politica è invasa dalle metastasi per colpa vostra, siete causa dell'antipolitica. Affondate nella sfiducia del popolo italiano, sarete ricordati come la pagina più buia della Repubblica", incalza l'Idv per bocca di Luigi Li Gotti. "Credo che quando sfilerete sotto quel banco per dire il vostro sì, sentirete sul collo il piede del padrone, dentro di voi qualcosa ribollirà", s'accalora il presidente dei senatori Pd Anna Finocchiaro. "Sarebbe il tempo - aggiunge - dei 'liberi e forti' e non dubito che molti di voi sarebbero in grado di esserlo e di esprimere la loro natura di liberi e forti e di dare oggi all'Italia la prova che questo governo è capace di badare ad altro che a un premier braccato che si chiude nelle sue stanze". "Non accettiamo lezioni di moralità da chi non ha titolo per impartirne - risponde per tono il capogruppo del Pdl Maurizio Gasparri -. Se un regime c'è lo si vada a cercare a Sesto San Giovanni dove di padre in figlio i sindaci alimentano un sistema di illegalità che riguarda la vostra storia". Dal processo lungo ai processi e basta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    01 Agosto 2011 - 16:04

    Hai visto cosa ti succede a leggere quel giornalucolo di me@@da del Falso Quotidiano?Ti sei bruciato l'unico neurone che avevi.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    01 Agosto 2011 - 16:04

    Come i bambini,pur di non fare il compito,si farebbero amazzare.Studia,magari impari cose che di solito non vedi neanche.

    Report

    Rispondi

  • noncisiamo

    31 Luglio 2011 - 14:02

    no ti prego il complotto delle toghe non lo tiriamo fuori ciano, non ci credono neanche più i bambini prima di andare a dormire. insulti, smentisci tuttu e poi cadi sul tema del complotto, dello strapotere delle toghe. sono punti a favore dei tuoi interlocutori ciao caro

    Report

    Rispondi

  • mardur1972

    31 Luglio 2011 - 01:01

    A cianno' Famiglia cristiana non e' di sinistra.... e daglie' con le minchiate alla boffo'.... Gay? chi ti ha dato del gay? del c... si pero'

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog