Cerca

Grazie presidente Napolitano Ascolta Libero e giù la paga

Prima le repliche risentite, poi il capo di stato segue la nostra richiesta. Rinuncia agli aumenti di stipendio di fine mandato / BINCHER

Grazie presidente Napolitano Ascolta Libero e giù la paga
Il passo poteva essere più deciso, ma dopo aver sbuffato insieme al segretario generale del Quirinale, il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, si è arreso in pochi giorni alle richieste di Libero. Avevamo suggerito di iniziare a tagliare i costi della politica dal vertice vero del Paese, quel palazzo sul Colle che costa agli italiani 228 milioni di euro all'anno, il doppio esatto dell'Eliseo. Il Quirinale prima si era risentito, poi aveva replicato con una lettera  a Libero del suo più alto funzionario, il segretario generale Donato Marra, in cui si sosteneva che il bilancio dell'istituzione fosse assai poco tagliabile, essendo tutte spese obbligatorie. Infine ieri è capitolato, dopo che i senatori avevano già deciso di tagliare parte dei loro costi e appena prima che la Camera (lo farà fra lunedì e martedì) approvasse le sue riduzioni di spesa. Un gesto simbolico è arrivato dallo stesso Napolitano: come aveva segnalato solo Libero, il suo emolumento è stato l'unico stipendio politico non solo a non essere mai stato ridotto dal 2006 ad oggi, ma addirittura ad essere aumentato di circa 2mila euro lordi mensili ogni anno. Ora ammonta a 239.181 euro lordi, che netti fanno 136.397,81. Napolitano, irritato dalle sollecitazioni di Libero, alla fine ne ha riconosciuto parzialmente la fondatezza. Ieri ha annunciato che da qui a fine mandato chiederà al ministro dell’Economia di non corrispondergli gli aumenti previsti. Quindi sicuramente quelli del 2012 e dei primi mesi del 2013, quando scadrà il suo mandato.

Prima volta

Il comunicato del Quirinale fa riferimento anche all'anno in corso, ma la sola rinuncia in questo caso sembra tecnicamente più difficile. I primi sette mesi di stipendio dovrebbero essere già stati corrisposti a Napolitano, con il relativo aumento di 14mila euro lordi. La rinuncia a 2mila euro lordi in più potrebbe partire da agosto, oppure se Napolitano volesse, potrebbero essere restituiti anche i 14mila euro già percepiti. È la prima volta che un presidente della Repubblica rinuncia a qualcosa dell'emolumento personale, e la notizia è importante.
 
Colle e Finanziaria

Bisogna dire che durante il settennato di Napolitano i parlamentari prima si sono ridotti l'indennità del 10 per cento e poi hanno tagliato diaria e rimborso spese di segreteria di mille euro. Il presidente della Repubblica fa ora il suo primo passettino.
Nel comunicato diffuso ieri dal Quirinale si annuncia anche la restituzione al Tesoro di 15.048.000 euro nel triennio 2012-2015 sotto forma di risparmi.
Lo sforzo del Colle qui è praticamente nullo. Perché si tratta solo della applicazione anche al Quirinale delle norme contenute nella finanziaria sulle pensioni d'oro nel pubblico impiego: i contributi di solidarietà per le pensioni superiori ai 90mila e ai 150mila euro.
Insieme a quelli anche altri provvedimenti del governo sul congelamento degli stipendi pubblici. La vera notizia contenuta nel comunicato del Quirinale però non è tanto quella dell’applicazione di quelle norme previste dalla legge italiana, ma il suo esatto contrario.

Scelta regale
Pensavamo che fosse automatico, e invece oggi apprendiamo che sul Colle la legge italiana si applica solo quando lo decide il presidente della Repubblica, che si comporta così come un re. Solo da ieri infatti, grazie alla firma di Napolitano, anche i dipendenti del Quirinale sono sottoposti alle restrizioni sul pubblico impiego previste dal decreto legge 78 del 2010. Fu emanato il 31 maggio dell’anno scorso, in tutta Italia è in vigore da 14 mesi ormai. Sul regno separato del Colle per motu proprio del presidente della Repubblica è in vigore solo da ieri...

di Fosca Bincher

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    02 Agosto 2011 - 17:05

    dopo aver, però, rinunciato ai finanziamenti (5/7 milioni) pubblici, quindi anche tuoi, a questo giornale

    Report

    Rispondi

  • 1581935

    02 Agosto 2011 - 16:04

    Propongo che tutti i pensionati d'Italia facciano una colletta per rimediare a quanto Napolitano si è ridotto lo stipendio.Poverino, potrebbe non avere di che vivere almeno fino al 2013. Al buon cuore dei pensionati al minimo! Veda Lei dott. Belpietro di iniziare le sottoscrizioni!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    02 Agosto 2011 - 10:10

    Un ripassino alla Costituzione non le farebbe male: Costituzione - art 89 Nessun atto del Presidente della Repubblica è valido se non è controfirmato dai ministri proponenti, che ne assumono la responsabilità.Gli atti che hanno valore legislativo e gli altri indicati dalla legge sono controfirmati anche dal Presidente del Consiglio dei Ministri.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    02 Agosto 2011 - 10:10

    niente da dire? nella vignetta continua a non comparire qualcuno

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog