Cerca

La Casta fiuta la figuraccia: sette giorni in meno di ferie

Dopo le polemiche, rinviato pellegrinaggio in Terra Santa. Camera riapre 6 settembre. Fini: "Aula pronta anche e Ferragosto"

La Casta fiuta la figuraccia: sette giorni in meno di ferie
Dopo le polemiche, la retromarcia di Montecitorio. Sì, i deputati della Camera danno un taglio alle ferie, ma senza strafare. La conferenza dei capigruppo ha deciso di anticipare di una settimana la ripresa dei lavori dopo la pausa estiva. Repentino cambio di programma, quindi, (il calendario era stato approvato appena lunedì): le commissioni inizieranno a lavorare dal 29 agosto (invece che il 5 settembre), mentre l'aula dal 6 settembre (invece che il 12).  I deputati, inoltre, potranno essere richiamati dalle vacanze in ogni momento, nel caso in cui il governo dovesse approvare provvedimenti urgenti, data la problematicità della situazione politica e finanziaria. Rinviato a data da destinare il famoso pellegrinaggio della casta in Terra Santa.

La Russa: "Ad agosto ministri in allerta"  -  "Anche se in effetti oggi non abbiamo smaltito tutto, tutto a me non risulta che ci sia l'ipotesi di un altro Consiglio dei ministri ad agosto - ha detto il ministro della Difesa, Ignazio La Russa - so che ad agosto i ministri sono tutti allertati vista la situazione politica. Non perchè qualcuno li abbia precettati, ma tutti autonomamente hanno deciso di rendersi reperibili, andando in luoghi da cui si può tornare in meno di un’ora di volo". "Da quello che so - ha concluso il titolare della Difesa - nessuno di noi va in vacanza fuori dalla zona euro".

Fini: "Pronto a lavorare anche a Ferragosto" -  Immediato, il balzo sul carro degli indignati da parte dell'agile presidente della Camera Gianfranco Fini. "Quando si commette un errore - ha spiegato il leader di Fli in conferenza - , è sempre meglio tornare sui propri passi invece che perseverare". Ecco quindi che Fini, anche se non dà un taglio ai suoi rimborsi spese, è pronto a darlo alle ferie dei deputati. Tant'è che il presidente della Camersa si è detto "pronto a una convocazione ad horas della Camera in qualsiasi momento, anche a Ferragosto". Anche perché lui, l'agognata abbronzatura, l'ha già conquistatata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • onorio1904

    04 Agosto 2011 - 21:09

    poveracci mi fanno pena, io invece non ho di quei problemi perchè con 1000 euro al mese non vai da nessuna parte. io ho sempre lavorato nel privato e fortunatamente in mezzo alla gente che contava, su di una cosa tutti gli imprenditori erano concordi - quando sbagli paghi sempre di tasca tua-. evidentemente i ns. politici sono convinti di aver operato sempre e solo per il bene degli italiani. è ovvio che poveretti si sentiranno frustrati perchè non potranno godersi appieno le ferie.

    Report

    Rispondi

  • Dream

    04 Agosto 2011 - 16:04

    ...e facce nuove!! ( ma non li vedi quii sinistri? ocheggiano, credono di essere in Campidoglio, ma neanche li sfiora, che siamo tutti (quasi tutti) nel catrame!! e sono convinti che il problema è Berlusconi, perche' l'ha detto Bersani(booono) Di Pietro (a ri.boooono) Bocchino? ( a ri-ri-boooono) a capo del Governo loro? Ohhhhh!! le borse volerebbero come angeli a quattro ali!!

    Report

    Rispondi

  • roaldr

    04 Agosto 2011 - 11:11

    Non sono d'accordo, questi non hanno ancora fiutato niente, a parte la polverina bianca che va tanto di moda. Il loro ostinato consociativismo SOLO nel difendere i propri ODIOSI privilegi, ci porterà dritti dritti a rivolte sociali simili a quelle che interessano i Paesi arabi.Posso anche fissare una scadenza: quando non sarà più possibile rinnovare la cassa integrazione, e centinaia di migliaia di persone si ritroveranno più disperate di quanto non siano già.......

    Report

    Rispondi

  • nlevis

    04 Agosto 2011 - 10:10

    Votare solo due schieramenti: uno di destra, moderato ed uno di sinistra, moderato! L'anarchia è la peggior cosa che possa succedere alla società: senza un governo le nazioni sarebbero un far west , ma noi di partiti e di papponi ne abbiamo veramente troppi.!!!!! Se è vero che ogni paese ha i politici che si merita,o meglio che si sceglie, vediamo di meritarci meno ladri e i intrallazzatori con relativi apparati, associazioni e quant'altro. Non sarà la questione "morale" a ripulire il Paese, non saranno i magistrati e neppure una nuova tangentopoli: l'uomo è ladro se ne ha l'opportunità, ma almeno limitiamo i danni. Pochi politici = pochi intrallazzi, poche clientele da mantenere, e forse controlli più facili e veloci.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog