Cerca

Piano anti-crisi, il governo va "Mercoledì nuovo vertice"

Berlusconi allontana i timori di elezioni anticipate: "Alle urne nel 2012? Mai stata una ipotesi". Niente viaggio a San Pietroburgo dall'amico Putin, si lavora senza sosta. Il ministro Sacconi: "Tavolo con le parti sociali, abbiamo il sì di sindacati e imprese"

Piano anti-crisi, il governo va "Mercoledì nuovo vertice"
No alle elezioni anticipate al 2012 e nessun viaggio in Russia. Silvio Berlusconi smentisce categoricamente le indiscrezioni di stampa che lo davano dimissionario un anno prima della scadenza della legislatura. "Non si è assolutamente mai parlato di questo. E' una ipotesi che non c'e mai stata", ha detto lasciando Palazzo Grazioli. Il tema del giorno, naturalmente, è il piano anti-crisi annunciato venerdì con pareggio di bilancio anticipato al 2013. "Nessun cambiamento nei nostri programmi. Continuiamo l'attività senza interruzioni. Sarò già a Roma lunedì sera o martedì", annuncia il premier carico. Un ottimismo, misto a voglia di rivincita per le critiche ricevute, che ha portato anche alla reazione grintosa e determinata di venerdì a Palazzo Chigi, in cui ha ritrovato lo spirito battagliero contro i poteri forti d'Europa e anche un po' di voglia di scherzare con Tremonti e Letta.

Niente Russia - Per la prossima settimana è in programma la riunione del G7 dei ministri delle finanze, ancora da concordare per data e luogo. Ai giornalisti che gli
chiedono se non resta in Sardegna per festeggiare il compleanno della figlia Marina il 10 agosto, Berlusconi risponde: "Poi torno giù". Nessun commento sul declassamento del rating Usa da parte di Standard & Poor's che potrebbe avere effetti pesanti sui mercati internazionali (il premier allarga semplicemente le braccia), altra smentita sulla voce che lo voleva in partenza per la Russia per incontrare il premier e amico Vladimir Putin, magari per chiedergli di acquistare bond italiani per contenere lo strapotere della Germania: "Non c'è nessun viaggio in una località vicina a San Pietroburgo, non so come siano nate queste voci", taglia corto il Cavaliere. L'unica cosa certa, per ora, è la reazione dell'opposizione agli annunci delle riforme. "Anticipare la manovra senza modificarla è da irresponsabili", ha ripetuto il segretario democratico Pier Luigi Bersani. La sensazione, però, è che anche a sinistra sappiano di essere di fronte ad un bivio. Il governo s'è mosso, si tratta di scegliere tra le barricate e la collaborazione. E di dimostrare quanto la sinistra tenga all'Italia.

Mercoledì vertice - Che il governo non vada in ferie lo dimostra anche il vertice con le parti sociali annunciato dal ministro del Lavoro Maurizio Sacconi per mercoledì prossimo. "Il documento delle organizzazioni rappresentative delle imprese - afferma Sacconi in una nota - conferma la loro piena disponibilità al confronto sulla base dell'ulteriore iniziativa di ieri del Governo. Nello stesso modo si sono espressi i segretari del sindacato riformista. Per mercoledì pomeriggio - annuncia quindi il ministro - abbiamo riconvocato il tavolo negoziale con tutte le parti sociali. Così come Camera e Senato, come annunciato, garantiranno presto l'opportunità di un confronto con le opposizioni, a partire da quella che ha già anticipato una responsabile disponibilità. Ogni tema utile alla modernizzazione - e con essa alla maggiore stabilità e alla crescita dell'economia - sarà a questo punto esaminato senza pregiudizi o preclusioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    09 Agosto 2011 - 15:03

    qualcuno ha notato che la Russia komunista, la Russia dei kompagni, la Russia dell'ex direttore del KGB Putin, non ha di questi problemi? che sia stato meglio, dopo tutto, il komunismo?

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    09 Agosto 2011 - 15:03

    "una HO con un bicchiere" ....sanno almeno scrivere l'italiano meglio di te

    Report

    Rispondi

  • nicki

    07 Agosto 2011 - 08:08

    bisogna fare andare le aziende e il patrimonio del cavaliere innanzi tutto!!!!!???????

    Report

    Rispondi

  • Marco40

    07 Agosto 2011 - 07:07

    dato che la crisi non esiste,perche' il go0verno pensa ad un piano anti crisi.O,ci racconta delle Balle(tante),o,tante Balle ci vengono raccontate.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog