Cerca

Sacrifici sì, ma non per tutti: tagli a pensioni. E alla casta?

Nei giorni bui della speculazione cresce l'astio contro la politica. Mercoledì l'incontro tra governo e parti sociali: si va verso un'ulteriore stretta sulla previdenza, ma il Palazzo non vuole abolire le Province, i doppi incarichi o tagliare i parlamentari

Sacrifici sì, ma non per tutti: tagli a pensioni. E alla casta?
Il momento è drammatico. A tener banco, come succede ormai da più di due anni a questa parte, è l'economia. La politica per far fronte alla crisi del debito e alla speculazione vuole tagliare le spese e raggiungere il nobile - e imprescindibile - obiettivo del pareggio di bilancio (per l'Italia, una vera e propria rivoluzione). L'asticella, dopo essere stata fissata con la manovra, è stata subito spostata più in alto: lo storico traguardo dovrà essere raggiunto già nel 2013, un anno in anticipo rispetto a quanto previsto dal pacchetto di provvedimenti recentemente varato dal nostro esecutivo.

Nel mirino le pensioni - Mercoledì è stato fissato un nuovo incontro tra il governo Berlusconi e le parti sociali, e c'è grande attesa per scoprire quali carte verranno messe in tavola. Il capitolo di spesa sul quale, plausibilmente, più si andrà a incidere è quello delle pensioni. Lo spettro degli interventi allo studio in materia previdenziale è però ampio, e secondo quanti si è appreso - a fronte della nuova crisi - i tecnici dell'esecutivo starebbero pensando di recuperare molte delle drastiche misure che erano state messe a punto per la manovra di luglio, e successivamente ammorbidite. Nel dettaglio, il governo potrebbe agire sul blocco delle pensioni di anzianità per 12 o 18 mesi, e potrebbe anche anticipare - già nel 2012 - le norme di allungamento dell'età pensionabile per le donne. Nel mirino ci dovrebbero finire anche le pensioni di invalidità, le indennità di accompagnamento, la reversibiluità e i doppioni tra detrazioni fiscali e misure assistenziali.

La casta non taglia - Misure dure, probabilmente necessarie. Il problema, però, sorge poiché in questo momento difficile la fiducia che i cittadini nutrono nella classe politica è sempre più esile. A contribuire in modo decisivo a questa 'disaffezione' pesa più che mai il fatto che la tanto chiacchierata 'casta' -  a fronte delle misure di austerità - persiste nel non volersi infliggere i tagli e i sacrifici che, al contrario, dovranno sopportare tutti i cittadini 'normali'. Certo, non sarà l'adeguamento dello stipendio di un parlamentare, l'abolizione dei doppi incarichi o la sforbiciata ad auto e aerei blu a far respirare il bilancio dello Stato. Ma se la politica chiede - pescando nelle tasche dei cittadini e tagliando la previdenza - deve anche dare. A maggior ragione in un momento come questo.

Astio contro la politica - La difficile congiuntura economica, così, fa montare l'astio della gente nei confronti della casta. Come ricordano Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera, "è in gioco la loro credibilità", quella dei politici. Il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, rispondendo a un lettore sottolinea: "Un esemplare cambio di passo è non solo possibile, ma indispensabile. E a ognuno di noi - prosegue - spetta una parte della fatica e del sacrificio. A chi fa politica, cioè a chi si è impegnato a servire il bene comune, ne tocca di più e non di meno. Ai nostri eletti rappresentanti non vanno indirizzati insulti e minacce, bensì una richiesta ragionevole e pressante a fare ciò che devono, a dimostrarci che si fanno carico per primi delle difficoltà del Paese".

I costi della politica - Anche Libero, da tempo, ha avanzato le sue richieste ai rappresentati del mondo politico. Prima fra tutte quella di abolire le Province, una battaglia nella quale il nostro quotidiano è in prima linea da sempre. Ma contestualmente al taglio degli enti inutili, dovrebbe essere adottata un'intera costellazione di provvedimenti dalla decisiva importanza simbolica, quali rendere trasparenti i costi della politica, abolire i doppi incarichi e dimezzare lo spropositato numero dei parlamentari italiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nlevis

    11 Agosto 2011 - 09:09

    Gli italiani onesti non comprendono più perchè dovrebbero farne di ulteriori. Quella che viene chiamata Casta, di qualsiasi tipo o colore sia a qualsiasi congregazione o struttura appartenga deve essere "potata": tagliare i rami secchi ed improduttivi serve a salvare la "pianta". Sfrondare in modo democratico e moderato, ma ferreo è necessario far capire che i privilegi e le protezioni devono finire. Non è vero che tagliando i costi della politica e delle strutture inutili o parallele si recupera ben poco, che sarebbe solo un buon esempio : incomincino a risparmiare centinaia di miliardi di euro l'anno riducendosi del 70%, compreso il Presidente della Repubblica ed i sindacati, poi verifichiamo se servono ancora manovre aggiutive. Blocchino le Borse: da profano penso che gestite così siano solo un grande casinò dove il banco vince sempre: purtroppo però non si conosce il Banco e quali obiettivi abbia. I soldi non si devono guadagnare con il gioco ma con il lavoro.

    Report

    Rispondi

  • nick1990

    10 Agosto 2011 - 20:08

    Hanno mangiato quando erano in politica, con solo una ligeslatura gli tocca anche una pensione in + quello al di fuori. TORNATE TUTTI A CASA

    Report

    Rispondi

  • Filippo52

    10 Agosto 2011 - 19:07

    evidente, sono i sindacati....che schifo, ma vi rendete conto , che anche loro sono manovrati da questi depravati politici.......non c'e' altro da dire

    Report

    Rispondi

  • AUREA

    10 Agosto 2011 - 11:11

    ANDIAMO A PRENDERLI A ROMA COI FORCONI!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog