Cerca

Italo disperato: torna colomba per volare verso il governo

L'ultima mossa di Fini. Con un'intervista di Bocchino tende la mano al governo e spiega: "Non dobbiamo più litigare con Berlusconi"

Italo disperato: torna colomba per volare verso il governo
Gianfranco Fini tende la mano a Silvio Berlusconi. E lo fa attraverso un’intervista di Italo Bocchino al Corriere. In cui il numero due di Futuro e Libertà accantona la richiesta di dimissioni del premier (che Fli chiede ininterrottamente da mesi) e si dice disponibile a dare una mano al governo di fronte all’emergenza della crisi economica. «Non è il caso di litigare ora col Cavaliere», dice Bocchino. Una svolta moderata che però dentro Fli non viene presa benissimo. Con i falchi che si sentono traditi proprio da uno di loro: Bocchino, infatti, è sempre stato tra i più duri oppositori del Cavaliere, in prima linea a spingere per l’uscita dei finiani dal Pdl e per la costituzione di gruppi autonomi.

Ma basta leggere il comunicato di giornata di Carmelo Briguglio per capire come i falchi non accettino cambi di posizione. «Fli non farà mai parte di un governo guidato da Berlusconi. Punto e basta. Per noi tutti è pregiudiziale e implicito a qualunque riflessione. Altra cosa è poi valutare i provvedimenti che il governo metterà in campo di fronte all’emergenza economica», afferma Briguglio. Dunque se Bocchino lascia intravedere all’orizzonte «una ricomposizione del centrodestra», Briguglio torna a escluderlo «almeno fino a quando al timone c’è il Cavaliere». Su questo fronte ci sono anche Fabio Granata, Flavia Perina e Chiara Moroni. Mentre i moderati di Fli, ancora rammaricati per l’addio di Adolfo Urso, sono possibilisti. E pur ritenendo il Terzo polo una valida opzione di alternativa in questo delicato passaggio politico, sono consapevoli che il loro posto nella politica nostrana è nel centrodestra.

Ma la mossa di Fini è anche strategica. Nelle ultime due settimane, infatti, lo smarcamento al centro di Pier Ferdinando Casini stava imprigionando Fini in un anti-berlusconismo di maniera che in questo momento, di fronte alla crisi economica, rischiava di apparire del tutto fuori luogo. Inoltre Fli negli ultimi tempi ha un forte problema di linea: non è chiaro quali sono gli obbiettivi a medio e lungo termine. Se poi ci mettiamo i sondaggi sempre più bassi e le ultime fuoriuscite di parlamentari, è evidente che il partito finiano sta vivendo il suo momento più difficile.

Così, tendere la mano al premier può servire a Fini per rientrare al centro dei giochi, evitando di farsi dettare l’agenda dal leader dell’Udc.  «Il problema in questo momento non è più Berlusconi, ma è salvare l’Italia», osserva il capogruppo di Futuro e Libertà alla Camera Benedetto Della Vedova. Che aggiunge: «Ora non è più tempo di chiedere in continuazione le dimissioni del premier (su cui noi non abbiamo cambiato idea), ma è meglio confrontarci col governo sulle misure da prendere per aiutare il Paese. Su questo siamo in piena sintonia con Casini».

di Gianluca Roselli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cossalu

    29 Ottobre 2011 - 18:06

    Se dovesse succedere, non ci penserei due volte a non votare, forse é meglio stare a casa.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    10 Agosto 2011 - 19:07

    Vuole volare verso il governo ? Beh spariamogli al volo come al piccione, NO ?

    Report

    Rispondi

  • vitali vanna

    10 Agosto 2011 - 11:11

    Non lo voglio, figuriamoci che quando lo vedo in tv e lo sento sputare sentenze in modo logorroico e violento,diciamolo,giro. Se rientra nel PDL,come ho scritto su Forzasilvio.it,io straccio la tessera

    Report

    Rispondi

  • Franco Giunta

    10 Agosto 2011 - 09:09

    Lasciamoli andare alla deriva ... non sono più affidabili ... Non riprendeteli in casa ... neanche nel sottoscala .. hanno la casa a Montecarlo, non basta ???? Il PDL non guadagnerebbe neanche un voto con loro ....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog