Cerca

L'idea: in pensione a 67 anni. Bossi non ci sta e alza la voce

Il governo vuole alzare l'età pensionabile e allineare le donne agli uomini. Sotto tiro anche la reversibilità: servono 20-25 mld

L'idea: in pensione a 67 anni. Bossi non ci sta e alza la voce
Innalzamento dell’età  a 65 anni per la pensione d’anzianità e, contemporaneamente, spostamento a 67 anni per la pensione di vecchiaia. Solo ipotesi sul tavolo, che saranno affinate e forse corrette nei prossimi giorni. Di sicuro, però, la previdenza sembra diventato il comparto preso più di mira dal governo di Silvio Berlusconi per tenere a galla i conti pubblici.

La manovra sul pareggio di bilancio da 48 miliardi di euro - visti gli effetti della crisi finanziaria internazionale -  va anticipata di un anno, dal 2014 al 2013. Operazione tutt’altro che semplice, come invece ha cercato di spiegare il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, venerdì scorso. Si tratta di prendere 20-25 miliardi di euro previsti per il 2014 e distribuirli  nel biennio precedente. Anzi. La fetta più consistente potrebbe essere spalmata nei prossimi dodici mesi. Primo tassello, come accennato, le pensioni. I tecnici del Tesoro e di Palazzo Chigi ieri hanno messo a punto alcune simulazioni. Che riguardano, in particolare, la stretta sulle donne con la riforma dei requisiti e l’allineamento a quelli degli uomini: tutti in pensione a 65 anni? È una possibilità. Oggi il governo potrebbe scoprire le carte (almeno in parte) nel corso del vertice con le parti sociali. Il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, ieri sera ha allontanato queste ipotesi. Contrario anche il leader della Lega Umberto Bossi: «I lavoratori non si toccano».

Sotto tiro, in ogni caso, restano anche le  reversibilità: valgono  38 miliardi di euro e qualcosa può essere tagliato. In ballo, poi,   l’anticipo dal 2013 al 2012 della riforma che aggancia l’età pensionabile alle aspettative di vita. Il menù è ricco e un’altra misura allo studio prevede  l’allineamento della contribuzione tra   dipendenti e  collaboratori: chi oggi paga contributi pari al 26%   potrebbe vedere salire la quota da versare all’Inps  al 33%. Certo il blitz è assai complicato da far digerire. La cifra in ballo, però, ha scatenato l’appetito dell’esecutivo: in cassa  arriverebbero   tra i 2 e i 2,5 miliardi di euro l’anno.

Frattanto, si è allargato il cosiddetto partito della patrimoniale ed è spuntata l’ipotesi di una tassazione delle rendite finanziarie al 20% con l’esclusione dei bot. Le famiglie non sono più disposte a far parte della fetta più consistente del risanamento. Dicono un netto no ad altri tagli, sono preoccupati per le misure  che sta mettendo a punto il governo. Vedrebbero con piacere l’introduzione della «botta secca» e delle tasse sulle rendite finanziarie.  Sulla stessa linea la Cgil. Il sindacato della Camusso ha anticipato le richieste al governo: nel dossier c’è la patrimoniale. Una doppia sponda per l’esecutivo. Finora  Berlusconi ha sempre escluso l’introduzione di stangate fiscali sui patrimoni immobiliari e sui risparmi. Il Cav, però, adesso sa che non ci sarà una protesta clamorosa.

di Francesco De Dominicis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piffi

    08 Settembre 2011 - 17:05

    la mia proposta è quella di andare....................................in pensione a 90 anni vuoi mettere ??? il risparmio per l'INPS!!! così possiamo dare la pensione agli extra comunitari che vengono in italia per ricongiunsersi con i loro cari. (senza aver versato nessun contributo).che godono dell'indennita' di disoccupazione, che godono dei diritti di alloggi gratis , asili gratis, ospedali gratis e magari come è successo oggi , godono anche di invalidità civile al 100% con assegno di accompagno mensile , NON AVENDO NESSUN DIRITTO !!! QUESTA E' L'ITALIA!!!! (ho denunciato il caso , vediamo l'esito)

    Report

    Rispondi

  • modoetianus

    12 Agosto 2011 - 16:04

    Sono d'accordissimo con Bossi, non ha senso alzare l'età pensionabile a 67 anni soprattutto per che ha più di 40 anni di servizio mentre ci sono ancora milioni di ex statali e parastatali che godono di una pensione percepita dopo 15 anni di lavoro. Cominciamo a decurtare queste, che tra l'altro sono immeritate anzi rubate. Se non si possono togliere facciamo in modo che non vengano adeguate al costo delola vita. Questi ladroni hanno gia avuto molto di più di quello che hanno versato, rubandolo a quelli che hanno pagato per 40 e più anni e che ora, siccome la loro pensione è alta ma pagata e meritata, vengono penalizzati sia per il mancato adeguamento sia perchè chi è vicino alla pensione se la vede allontanare. Se questa è giustizia allora il centro destra è uguale alla sinistra estrema. E' ora che il Cav. si svegli, altrimenti alle prossime elezioni lo massacrano e fanno bene. Basta parole ora bisogna fare.

    Report

    Rispondi

  • c.camola

    12 Agosto 2011 - 10:10

    Per un dipendente con lavoro usurante e' da escludere;per un impiegato in amministrazione sarebbe troppo pesante.per un lavoratore e' insopportabile. Solo pre chi lavora in proprio la soporterebbe ma per pochissimo.Credo che Bossi abbia ceramente ragione.

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    11 Agosto 2011 - 05:05

    Adesso in pensione tutti a 67 anni....Ma queste idee vengono loro dopo avere bevuto qualche ombra in piu'?E i giovani quando entreranno nel mercato del lavoro?Ma ci sono o ci fanno?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog