Cerca

Tremonti-Pdl, l'ultimo litigio Partito: "Patrimoniale mai"

Silvio e tutti i suoi sono contrari al prelievo sui beni mobili e immobili proposto dal ministro. "No" anche di Lega e Confindustria

Tremonti-Pdl, l'ultimo litigio Partito: "Patrimoniale mai"
Se c’è uno che riesce ancora a tenere unito tutto il Pdl non è Silvio Berlusconi ma Giulio Tremonti, con la sua ipotesi di introdurre una tassa patrimoniale. Lo spettro del prelievo straordinario sui beni mobili e immobili aleggiava ieri sul duplice vertice del Pdl. Quello ufficioso tenutosi nel pomeriggio nello studio del presidente del gruppo parlamentare alla Camera, Fabrizio Cicchitto, tra Angelino Alfano e i capigruppo. E quello convocato ufficialmente dal segretario nazionale in serata a via dell’Umiltà, con il gotha del partito. Ma la patrimoniale incombeva anche sul confronto tra il governo e le parti sociali, riuniti alle 17 a Palazzo Chigi, finché non l’ha fatta precipitare sul tavolo Susanna Camusso. Paradosso di mezza estate vuole che sia proprio la leader della Cgil a fare da sponda al ministro nel momento in cui costui torna nel centro del mirino del Pdl. L’assist è arrivato alle 17.47, quando la numero uno del sindacato di Corso d’Italia ha chiesto formalmente la patrimoniale, assieme alle tasse sui profitti delle banche. Con buona pace della leader di Confindustria Emma Marcegaglia, che scalpitava per poter dire il suo no rotondo alla patrimoniale, che è riuscita a pronunciare circa un’ora dopo.

La patrimoniale resta comunque una soluzione estrema. E non solo perché incontra il veto di quasi tutte le parti sociali, in testa industrie e banche. Ma perché è contrario l’intero Pdl. Anche se molti big preferiscono non pronunciarsi sull’argomento per non fomentare la maretta interna. Qualcuno, invece, decide di metterci la faccia, anche nel governo. Tipo il ministro per le Politiche agricole, Saverio Romano, che al Tg2 bolla la patrimoniale come «una tassa odiosa», e il titolare dell’Attuazione del programma, Gianfranco Rotondi, che esclude l’idea della tassazione straordinaria dei patrimoni, giudicando «inopportuno che i parlamentari della maggioranza commentino con dichiarazioni ipotesi mai poste dal governo». Ma anche il vicecapogruppo del Pdl alla Camera, Osvaldo Napoli, presidente dell’Anci, si scaglia contro il «non senso» della patrimoniale: «È un getto d’acqua che non riempie mai la vasca perché si è perso il tappo». Contrarissimo alla patrimoniale pure il governatore della Lombardia, Roberto Formigoni: «È una mossa sbagliata, da scongiurare», dichiara a Libero. Ma guarda la situazione con realismo: «Tutto dipende dall’entità della manovra». La sua ricetta è: «Privatizzare tutto il privatizzabile e ridurre la spesa tagliando tutto il tagliabile. Ma se non dovesse bastare, temo che diventi inevitabile andare a toccare il patrimonio e la spesa previdenziale». Il deputato del Pdl Giorgio Stracquadanio, fondatore del Predellino.it, arriva addirittura a minacciare di non votare a favore del governo, nemmeno se verrà messa la fiducia, «se le misure per il pareggio di bilancio nel 2013 comprenderanno la patrimoniale e più tasse sul risparmio».
 
Anche il vertice del Pdl, che si è riunito a via dell’Umiltà alle 19.10, appena chiuso il tavolo esecutivo-parti sociali, era imperniato sulla crisi economica e sul colpo di reni che si intende dare. Da Alfano a Matteoli, passando per la Gelmini e Brunetta, ciascuno ha snocciolato la sua formula. Si è parlato molto di tagli alle pensioni, liberalizzazioni e privatizzazione delle municipalizzate. Ma nessuno ha osato affrontare di petto il tema a cui tutti pensavano: la patrimoniale. Anche perché, contrariamente alle previsioni, era presente il suo sponsor, Tremonti, che è rimasto al quartier generale del Pdl sino alle 20, per poi involarsi con Alfano e Matteoli a Palazzo Grazioli, dove nel frattempo era arrivato il leader leghista Umberto Bossi. Ma l’uscita dal tunnel economico-finanziario nemmeno si vede all’orizzonte. Anche il summit pidiellino, come l’incontro del governo con industrie e sindacati, si è concluso con un nulla di fatto.

di Barbara Romano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maurnarg

    02 Ottobre 2011 - 14:02

    L'unica vera patrimoniale che andrebbe messa subito è l'ICI per la casa. Averla tolta ( errore anche del centrosinistra che aveva cominciato) è stato un errore madornale. Di fatto i Comuni hanno aumentato le tasse per recuperarla, incidendo fiscalmente molto di più del necessario per recuperare anche il gettito dell'ICI delle seconde case divenute miracolosamente tutte prime case degli altri componenti famigliari. Si è creata enorme ingiustizia sociale tra chi aveva 50mq e chi ville da 1000mq e soprattutto tra chi invece pagava l'affitto e non ne ha tratto nessun vantaggio se non i maggiori oneri impositivi dei Comuni.

    Report

    Rispondi

  • corto lirazza

    11 Agosto 2011 - 14:02

    grazie per l'informazione. Ma per caso non ha dimenticato le tessere telefoniche ed eventuali altri bonus, il costo dell'alloggio per i graditi ospiti, ed il costo delle numerose motovedette che fanno la spola continuamente fra italia ed africa? Comunque mi bastavano già i dati che ci ha gentilmente fornito per rovinarmi la giornata...

    Report

    Rispondi

  • aldo55

    11 Agosto 2011 - 11:11

    Cara Elisa, forse a Lei sfugge qualcosa. La patrimoniale che silviuccio non vuole andrebbe a toccare anche i patrimoni (appunto) e le rendite dei pezzi da 90 che per questo sono contrari. Meglio invece far pagare sempre e solo ai poveri disgraziati con 1200/1500 euro al mese di stipendio con moglie figli a carico, tagliare le pensioni di reversibilità, tagliare i bonus alle famigle, le agevolazioni agli invalidi ecc. L'altra sera un noto esponente del pdl, di cui mi sfugge il nome, alla tv ha candidamente affermato che una eventuale patrimoniale avrebbe "intristito" i capitalisti delle grandi rendite che si sarebbero così sentiti più poveri e avrebbero investito di meno. Mi tolga una curiosità: Lei è una di questi?

    Report

    Rispondi

  • ggmax73

    11 Agosto 2011 - 11:11

    Ha ragione il Silvietto! No alla Patrimoniale sui grandi patrimoni! Bisogna tagliare le pensioni, gli asili, i fondi alla lotta all'AIDS, aumentare le tasse alle aziende, gli aiuti ai non autosufficienti!! Sono solo dei parassiti!! Devono andare a lavorare!! Come fanno i politici che si fanno un mazzo dalla mattina alla sera per 4 lire!! Poi, lasciamo perdere che è il più ricco d'Italia o quasi....queste sono solo ilazioni da comunisti!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog