Cerca

Cav ricattato per una poltrona: Indagati Sica e Cosentino

Secondo Il 'Fatto' la Procura di Napoli sta lavorando su un presunto concorso in estorsione e minacce a corpo dello Stato

Cav ricattato per una poltrona: Indagati Sica e Cosentino
Silvio Berlusconi fu ricattato, e su questa ipotesi - stando a quanto riporta Il Fatto quotidiano - starebbe indagando la Procura di Napoli. Nel mirino dei pm c'è  Ernesto Sica, il politico campano (attuale sindaco di Pontecagnano, in provincia di Salerno) che fece da mediatore nell' 'acquisto' di alcuni senatori che portarono alla caduta del governo Prodi. E proprio in seguito a un presunto ricatto esercitato verso il Cavaliere, il Sindaco di provincia sarebbe stato nominato assessore nella giunta Caldoro. Insieme a lui risulta indagato anche il coordinatore PdL campano, Nicola Cosentino: ai  due sono contestati i reati di concorso in estorsione e minacce a corpo dello Stato. 

Il ricatto -
Secondo l'accusa, nel 2007 Sica aveva mediato la compravendita di alcuni senatori per far cadere il governo Prodi. Per questa vicenda c'è già stata un'inchiesta (il premier fu prosciolto), ma il silenzio di Sica sarebbe stato ripagato con una nomina da assessore all'Avvocatura nella giunta di Stefano Caldoro (vittima tra l'altro  di un dossier con false notizie diffamatorie per osteggiare la sua candidatura ai vertici della Regione).  L'indagine, in corso dall'ottobre scorso e condotta dal pm Alessandro Milita costituisce una costola dell'inchiesta sulla P3, in cui pure risultano indagati Sica e Cosentino per la vicenda Caldoro. In questo caso, l'accusa è di "diffamazione e la violenza privata". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • toni resetti

    11 Agosto 2011 - 22:10

    già sacrissi dell'immenso E. Sica, nuovo enfante prodige della politica (?) campana e nazionale, all'epoca del falso "dossier-Caldoro". Non parlai bene del suddetto politico picentino (i citt. di Pontecagnano si chiamano Picentini) però, adesso... che lo si incolpi di ricatto al Mr. B mi sembra un tantino esagerato. Credo che il "dossier Caldoro" (che, per inciso, prevedeva la costruzione di false prove per "incolpare" il mesto Governatore di frequentazioni trans/omo/sexual- confermando alcuni boatos che circolano in TUTTO e SU MOLTI esponenti del PDL salernitano) sia nato come spesso avviene per il ns eroe, dopo una abbondante bevuta durante il solito pranzone. Avrà chiamato al telefono Cosentino (che non conosco essendo egli di Casal di Principe) e avranno organizzato uno scherzetto da preti avinazzati. Così, per farsi 4 risate. Ma che Sica riesca a ricattare Mr.B., NON ci credo... secondo me il ns. pupillo NON è in grado di ricattare neppure la sua (abbondante) ombra.

    Report

    Rispondi

  • nevenko

    11 Agosto 2011 - 18:06

    si interessasse a cose più serie e cosi pure il Fatto Quotidiano.Indagare ad es. sui milioni di euro dati in campania per opere mai compiute,spazzatura compresa.Ma ci vuole il pelo per indagare in queste cose,pelo e attributi che nessuno ha.Più comodo spettegolare.

    Report

    Rispondi

  • nevenko

    11 Agosto 2011 - 18:06

    si interessasse a cose più serie e cosi pure il Fatto Quotidiano.Indagare ad es. sui milioni di euro dati in campania per opere mai compiute,spazzatura compresa.Ma ci vuole il pelo per indagare in queste cose,pelo e attributi che nessuno ha.Più comodo spettegolare.

    Report

    Rispondi

  • liberounpardepall

    11 Agosto 2011 - 18:06

    è capire PERCHE' il premier è risultato ricattabile da questi tizi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog