Cerca

Mannaia si abbatte sui redditi che superano i 90mila euro

Nel decreto dovrebbe esserci il "contributo di solidarietà". Chiamatela come volete, ma resta la patrimoniale: dal 5 al 10 per cento

Mannaia si abbatte sui redditi che superano i 90mila euro
Sul peso delle nuove misure non è trapelata nemmeno ieri nessuna cifra ufficiale, ma se il deficit dovrà scendere il prossimo anno dal 3,8% del 2011 fino all’1,5-1,7%, dal 2,7% attualmente previsto, e dovrà azzerarsi al 2013 quando invece era previsto un deficit al 2,2%, la manovra potrebbe valere solo per questa correzione fino a  30-35 miliardi di euro. Il decreto legge per la correzione dei conti pubblici sarà approvato forse già oggi in un consiglio dei ministri staordinario e rigorsamente a mercati chiusi. La convocazione potrebbe essere fissata per le 19 oppure spostata a domani mattina. Il cdm,  in ogni caso, non si riunirà oltre il 16  agosto.

Gli esperti del ministero dell’Economia lavorano senza sosta e stanno mettendo a punto un menù assai lungo. Obiettivo è anticipare il pareggio di bilancio al 2013 e far fronte alla nuova crisi. Si va dal rafforzamento di alcune norme che erano state inserite nella manovra di luglio all’accelerazione di pezzi di riforma, come quella fiscale e assistenziale. Ma si vagliano anche i drastici «suggerimenti» della Banca centrale europea che vanno dai licenziamenti più facili, con un intervento dunque sull’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. Mentre sembra da escludere il taglio degli stipendi degli statali.

La novità più clamorosa di ieri è senza dubbio il contributo di solidarietà che potrebbe interessare i redditi medio-alti. La stangata colpirebbe la quota di  redditi e  stipendi superiori a 90mila euro. Si parla di una tassa da applicare per due anni: ancora da decidere i dettagli così come il livello dell’aliquota che ballava, ieri sera, tra il 5% e il 10%. Nel primo caso vuol dire che su un reddito lordo di 100mila euro bisognerebbe versare nelle casse dello Stato 500 euro.  

Altro fronte interessante per il gettito è il giro di vite sulle rendite finanzairie. Un inasprimento tributario di cui si discute da anni e non di rado contestato quando palazzo Chigi era in mano a governi di centro-sinistra. La nuova tempesta sui mercati, l’euro trabballante e l’economia che ristagna costringono  il centro-destra a prendere in considerazione la mannaia delle tasse.  Quindi l’allineamento al 20%, esclusi Bot e titoli di Stato che resterebbero tassati al 12,5%, per le rendite derivanti dai  risparmi degli italiani: azioni, obbligazioni, fondi comuni d’investimento. Misura  già prevista nella delega, ma che potrebbe rientrare nel decreto e dunque essere immediata. Secondo alcune ipotesi, salirebbe dal 12,5% la tassazione dei guadagni su azioni e scenderebbe dal 27% quella sui epositi bancari.

C’è da dire che nel resto d’Europa la tassazione delle rendite finanziarie è mediamente più alta che in Italia, intorno al 20%. In alcuni paesi sono poi previste delle franchigie, con una tassazione più bassa dunque per importi minori, per tutelare i piccoli risparmiatori.  Il pacchetto fiscale dovrebbe essere accompagnato da un irrobustimento della lotta all’evasione. Si lavora, infatti, a nuove misure di contrasto:  obiettivo è rafforzare la tracciabilità dei pagamenti e inasprire le sanzioni per chi non rilascia fatture e scontrini. Sotto tiro commercianti e ristoranti.

 Capitolo pensioni. Messe in panchina le misure sugli assegni di vecchiaia (da portare a 67 anni), sembra più possibile un intervento su quelle di anzianità, con una sorta di riproposizione del cosiddetto scalone Maroni, un innalzamento dell’età minima a 60 o 62 anni. Si tratterebbe in sostanza di un blocco generalizzato delle anzianità. Possibile anticipo già al 2012, con una gradualità accelerata rispetto a quella già prevista nella manovra di luglio, per l’innalzamento dell’età pensionabile delle donne a 65 anni. Probabile anche l’anticipazione al prossimo anno della riforma che aggancia età pensionabile alle aspettative di vita. 
 Poco corposo sul piano delle somme ricavabili la stretta sui costi della politica. Secondo quanto riferito ieri dal ministro Tremonti, il giro di vite dovrebbe riguardare contemporaneamente gli stipendi e il numero delle poltrone dei politici. Una raffica di tagli «lineari» alla spesa pubblica statale - non ancora affinata - potrebbe far risparmiare qualche altro miliardo di euro.

Mentre dalla piena liberalizzazione dei servizi pubblici locali e dei servizi professionali dovrebbe arrivare una spinta all’economia e alla ripresa. Un intervento che verrebbe affiancato dalla riedizione delle  privatizzazioni su larga scala dei servizi locali. In ballo ci sono oltre 700 imprese oggi in mano a regioni, province e comuni: si tratta delle società che gestiscono trasporti, luce e gas con scarsa efficienza. Di qui l’idea di aprire l’azionariato ai privati. 

Poi c’è un capitolo dedicato al mondo del lavoro. Si parte dalle festività: l’ipotesi sul tavolo è quella di accorpare sulle domeniche le festività non religiose. Insomma, meno ferie. Assai discutibile il presunto input della Banca centrale europea: che avrebbe consigliato al governo di Silvio Berlusconi consiglierebbe di adottare un diritto a licenziare, compensato da meccanismi di assicurazione e di più facile collocamento sul mercato del lavoro.

È finita nel congelatore, come già accennato, la tassa patrimoniale. I risparmi degli italiani  verrano toccati solo sul versante dei rendimenti, ma non anche sullo stock investito. Al sicuro, per ora, anche le somme depositate sui conti correnti e depositi bancari. L’accantomento della cosiddetta «botta secca» sembra mettere al riparo anche le case e gli immobili. Tuttavia ancora  ieri a via Venti Settembre non erano state cestinate tutte le simulazioni su un eventuale inasprimento dell’Ici per le  seconde abitazioni e ville o l’anticipo dell’Imu (imposta municipale unica) prevista dalla riforma sul federalismo fiscale. Meglio tenere gli occhi aperti.

di Francesco De Dominicis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Monsereno

    21 Agosto 2011 - 17:05

    Siete Ridicoli. Con 100000 euro all'anno si pagano 285 Euro all'anno. Con 150000 Euro si pagano 1.710 Euro all'anno. A me hanno spostato la pensione dalla Finestra di 3 mesi a 12 mesi. Ci ho rimesso 9 mesi di pensione pari a 18.000 ( 18 Mila) euro e non guadagno 150 mila euro o piu' all'anno. E' ora che i ricchi paghino assieme agli evasori. Ripropongo il pagamento del 18% sui capitali gia' scudati (lo stato incasserebbe 19 Miliardi di Euro da evasori). Chi non paga spontaneamente tale contributo sara' passibile di multa pari a 3 volte il mancato pagamento e 3 anni di galera senza amnistia ne' condono. Pagherebbero tutti e subito e non e' ANTICOSTITUZIONALE, perche' il patto prevedeva la segretezza e questo e' un semplice CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA'.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    21 Agosto 2011 - 16:04

    Che fa l'articolista, prepara un sostegno a chi non vuole pagare oltre i 100.000 perché oltre i 90. la supertassa é ZERO ? Poco alla volta vengono fuori i redditi che non vogliono contribuire ad un disastro di cui forse non tutti sono esenti dalla cause. Ecco la Marcegaglia, la cui famiglia ha evaso per 6 milioni ed é finita nel filone di conti in Svizzera . Ecco Martino, ricco di famiglia ecc. ecc.. Segnatevi su un quaderno i 'contro': li vedremo in Tribunale per altre faccende di evasione, conti al'estero e affini. Mannaia pagare 1000 euro? lL giornaLISTA CORREGGA LA MIRA.l

    Report

    Rispondi

  • paperino1954

    16 Agosto 2011 - 11:11

    ahahahahhah, se c'era Bersani al governo poteva andare peggio, questo di tutti i commenti e' di sicuro il piu' idiota! ahahahahh meno male che Silvio c'e' eh?ahahahahhahahah........ idiota!

    Report

    Rispondi

  • sorjova

    14 Agosto 2011 - 11:11

    Visto che con questa crisi qualcuno doveva pagare penso sia giusta ,la scelta fatta di togliere un contributo a chi guadagna oltre i 90. mila euro o dovevano togliere a chi non supera i 16 mila euro???Come al solito si difende il proprio orticello e alti funzionari ,giornalisti,direttori già si stracciano le vesti.Le tasse sono sempre brutte e per tutti ma è giusto che chi più ha più paghi-Come uscire dalla crisi???Mettendo sotto accusa l'alta finanza mondiale e legiferare affinché queste persone non possano più nuocere per es.togliere ad essi e alle loro società dal 50% in su ogni qualvolta fanno alte azioni di borsa-

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog