Cerca

Sforbiciata a 50mila poltrone: così la casta prova a limitarsi

Ridotti i budget dei ministeri, ma la misura più importante è la volontà di sopprimere 36 Province e i piccoli Comuni. Ma la Lega?

Sforbiciata a 50mila poltrone: così la casta prova a limitarsi
Dubitare è obbligatorio, ma sperare (almeno questo) è lecito e non costa nulla. Dentro la colossale manovra biennale da 45 miliardi di euro annunciata ieri dal governo non ci sono solo le nuove tasse che faranno aumentare la pressione fiscale e piangere il ceto medio, ma anche riduzioni della spesa pubblica e del budget della classe politica. Si poteva - e si doveva - fare di più, ma intanto si prende quello che arriva, si ringrazia perché i soldi previsti come tagli alle spese potevano essere cercati tramite ulteriori entrate fiscali e si spera, appunto, che governo e Parlamento la cura dimagrante al bilancio pubblico, dopo averla scritta sulla carta, riescano davvero a metterla in pratica. Sarebbe una piacevole novità.

Il progetto, così come lo hanno concordato Silvio Berlusconi e Giulio Tremonti, prevede che nel biennio 2012-2013 si recuperino 8,5 miliardi dai tagli ai ministeri, cioè dal fondo cassa dello Stato centrale. Cifra analoga, 9,5 miliardi, dovrebbero fruttare i tagli dei trasferimenti alle Regioni e agli enti locali. L’efficacia della prima voce, la riduzione del budget dello Stato centrale, dipende da cosa accade dopo. A organizzazione invariata, se cioè non si riducono e razionalizzano i centri di spesa, il rischio di non riuscire a combinare nulla è concreto. Ma se si tagliano enti inutili, si accorpano uffici e funzioni e si riduce il personale, lo spazio per risparmiare sulla spesa corrente si crea. Simili operazioni, però, producono malcontento: nessun settore della burocrazia accetta di farsi tagliare o assorbire da un altro, a meno che il cambio non sia vantaggioso per gli interessati (e cioè oneroso per le casse dello Stato). Domanda: il governo, e anche il Parlamento, hanno la forza e la volontà politica di potare la pianta della pubblica amministrazione, riducendo il numero dei dipendenti e scontentando la dirigenza? Il dubbio che una simile rivoluzione sia nelle corde della nostra classe politica è molto forte. E il fatto che le elezioni siano già all’orizzonte - entro il 2013 si vota – rende l’adozione di decisioni così impopolari ancora più difficile.

Quanto ai tagli agli enti locali, la storia recente e le reazioni manifestate ieri dai diretti interessati fanno intuire il probabile esito della vicenda. Regioni, Province e Comuni avranno infatti la forte tentazione di compensare la riduzione dei trasferimenti, in tutto o in parte, azionando le leve fiscali a loro disposizione. Cioè aumentando le addizionali Irpef e i balzelli, non prima di averne data la colpa al governo cattivo. E questo accadrebbe in totale coerenza con i principi del federalismo, che si basa proprio sull’autonomia fiscale degli enti periferici. Impedire un simile esito spetterebbe agli amministratori locali, alla loro capacità di ridurre le spese. Ma la qualità di cui sono fatti costoro non pare migliore di quella di chi siede in Parlamento o al governo.

Ecco perché, di tutti i tagli annunciati ieri, quello più importante non è la riduzione di qualche budget, ma la soppressione nuda e cruda di un congruo numero di Comuni e Province. Il progetto esaminato a palazzo Chigi prevede di abolire le Province sotto i 300.000 abitanti, che sono 36, e fondere con altri i 1.500 Comuni che hanno meno di mille cittadini. Allo stesso tempo sarebbe ridotto il numero dei componenti dei Consigli regionali. In tutto, secondo le stime circolate ieri tra i ministri, scomparirebbero oltre 50mila poltrone. Al di là dei risparmi che questo comporterebbe, sarebbe il primo segnale che la classe politica italiana ha compreso che si è allargata troppo e che i contribuenti non possono più permettersi tante bocche da sfamare.

Certo, le cose da fare sarebbero molte di più: le Province, ad esempio, non dovrebbero essere ridotte, ma abolite, come si era impegnato a fare il Pdl. Ma sarebbe già un miracolo realizzare quanto promesso ieri. Tanto da far dubitare che governo e Parlamento possano riuscire nell’impresa. La Lega, che si è sempre schierata in difesa delle Province, è disposta ad accettare il colpo di mannaia sui propri feudi? I parlamentari approveranno davvero la riduzione del numero dei consiglieri regionali, incarico con il quale parecchi di loro pensavano di garantirsi una pensione dorata? Saranno capaci, senatori e deputati nei cui collegi si trovano i piccoli comuni da abolire, di resistere alle pressioni degli elettori? Dalle risposte che arriveranno a queste domande si capirà se la classe politica italiana ha compreso che è venuto il momento di fare sul serio. O se è davvero così inadeguata come spesso dà motivo di credere.

di Fausto Carioti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • picos67

    24 Agosto 2011 - 09:09

    mi cheido da contribuente se il ristorante della camera o del senato fanno come tutti noi , obbligatoriamente gli studi di settore perche vorrei vedere come fanno ad essere congrui visto che a me l ufficio delle entrate mi hanno calcolato 1 braciola di maiale 70grammi, una buistecca alla fiorentina 200 grammi noi paghiamo le sanzioni perche' sencondo i loro criteri evadiamo loro invece fanno piu' schifo rubano a noi ma noi italiani ci meritiamo loro perche' brontoliamo ma non facciamo mai nulla dobbiamo prendere ii bastoni e ribellarci

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    13 Agosto 2011 - 14:02

    al ristorante del parlamento il vino rosso toscano del 1995 è passato da 3,50 € la bottiglia a 1,75 € ................ e poi dicono che la politica non riduce i costi!

    Report

    Rispondi

  • Gian61

    13 Agosto 2011 - 13:01

    Io non mi fido più dei numeri che vengono comunicati. Se province vicine nell'elenco delle province da eliminare( leggi Gorizia e Trieste ) si uniscono , formeranno una nuova provincia. Vedi anche le altre situazioni. Saranno allora 35 le province eliminate ?? Se il conteggio dei 54.000 politici in meno è fatto in questo modo, è evidente che qualcuno parla di numeri, ma non sa fare il suo lavoro. Io non mi fido. SI DEVONO ELIMINARE TUTTE LE PROVINCE.

    Report

    Rispondi

  • misspina

    13 Agosto 2011 - 13:01

    non abbiamo un re , ma il quirinale ci costa piu di una reggia. perche' dobbiamo avere camera e senato? perche i nostri governanti hanno quasi tutto cio' che occore per vivere GRATIS ? perche' alcune regioni sono a statuto speciale? le provincie andrebbero dimezzate anziche' di continuo ne fanno di nuove( bisogna imparare quelle nuove quando si spedisce una lettera). ho sentito in TV che a roma mentre sfrecciavano le auto blu, direzione palazzo ghigi, per andare a prepararci il piatto buono x ferragosto, i turisti che si trovavano in via del corso hanno SPUTATO ai nostri governanti, chissa se erano stranieri ? comunque un grande grazie, sono piu inteliggenti di noi italiani che accettiamo tutto dalla CASTA

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog