Cerca

"Bossi e Giulio mi han fregato" Sospetti: c'è un patto segreto?

Berlusconi: il ministro dell'Economia ha un patto segreto con il Senatùr. Per questo non hanno toccato le pensioni...

"Bossi e Giulio mi han fregato" Sospetti: c'è un patto segreto?
Di quei due non si fida affatto. Quei due - è il fastidiosissimo sospetto di Silvio Berlusconi - «mi hanno fregato». La coppia in questione è nota. Trattasi di Giulio Tremonti e Umberto Bossi. Saranno insieme in Cadore nei prossimi giorni: il 18 agosto è il compleanno del ministro dell’Economia e a lui piace festeggiarlo in compagnia del Senatur e del collega Calderoli. Domanda: ma Giulio non aveva litigato con i leghisti? Acqua passata, pare. Bossi non era stato tenero con il superministro («Fumoso» nel suo intervento alla Camera e «non convincente» sul taglio alle pensioni di anzianità). Ma tutto questo succedeva giovedì. Poi Tremonti ha avuto un vis-à-vis con i padani e tutto si è accomodato. Adesso Giulio e Umberto, dopo settimane di tensioni, sono di nuovo pappa e ciccia. Ma come può essere possibile? Il sospetto del presidente del Consiglio è questo qui: che Tremonti, pur di ricostituire l’asse con la Lega Nord (adesso come adesso lo sponsor Lumbard gli è vitale per la permanenza a via XX Settembre), ha modificato il decreto legge approvato venerdì secondo i desideri del Carroccio. Uno in particolare: salvare le pensioni di anzianità dei lavoratori del Nord. Non solo: Giulio avrebbe “dimenticato” di comunicare le novità inserite all’ultimo momento nella manovra. Ed erano aspetti non secondari. Esempio: ancora venerdì sera Silvio era convinto che il contributo di solidarietà avesse durata biennale e l’ha detto anche in conferenza stampa. Sabato l’amara scoperta: l’eurotassa durerà tre anni e partirà da subito.

La lampadina si accende: dunque la rigidità di Tremonti nel difendere quel testo serviva per blindare il patto segreto con Bossi? Berlusconi ne ha chiesto conto al diretto interessato (sabato hanno pranzato insieme) ed era parecchio fuori dai gangheri. Poi, «per carità di Patria», l’entourage ha fatto circolare la notizia dell’armistizio raggiunto e Silvio è partito, destinazione Sardegna, per fare un po’ sbollire la rabbia: «Ma non finisce qui», è la promessa. La minaccia. Il premier ha incassato il plauso della Banca centrale europea (e quello di Nicolas Sarkozy, sentito al telefono nel pomeriggio) per l’incisività e i tempi di reazione del governo italiano. E domani attende notizie positive pure da Piazza Affari. Ma la sfida intergovernativa (Berlusconi e i ministri azzurri da un lato, Tremonti e la Lega dall’altro) è appena cominciata: «Prepariamo gli emendamenti», il compito per le vacanze lasciato ai suoi, «in Parlamento daremo una sterzata a questa manovra», perché così com’è uscita dalla penna del ministro dell’Economia è «indigeribile».

Nel frattempo il Cavaliere prova a godersi l’ultimo scampolo di vacanza, cercando di non pensarci. A Villa Certosa non ci sono più le figlie del premier (Marina, Eleonora e Barbara stanno proseguendo altrove le rispettive ferie), sicché Silvio trascorrerà il Ferragosto con un po’ di amici invitati nella sua sterminata tenuta di Porto Rotondo. A fine settimana il premier rientrerà a Milano per il trofeo Berlusconi, poi si ricomincia con la politica. Già intorno al 25 agosto dovrebbe essere fissato un nuovo consiglio dei ministri. 

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    16 Agosto 2011 - 10:10

    Leggetelo alla latina; governo WC. Coeso con chi?Con Gli Indesiderabili, Gli Irresposabili, La Lega ti Frega, Il Sud sta Miccicando ecc.. MA VA LA' E Ghedini che fa? Trama nell'ombra o é al solea prendere la tintarella per renderlo meno pauroso?

    Report

    Rispondi

  • cicciobellissimo

    16 Agosto 2011 - 00:12

    ecco adesso anche bossi, che ha perso per stare dietro berlusconi la metà del suo elettorato,è colpevole di qualcosa fatto contro berlusconi, è sempre colpa di qualcun'altro,mahhh bohhh

    Report

    Rispondi

  • doblone

    15 Agosto 2011 - 17:05

    I parlamentari dopo cinque anni vanno in pensione,dovrebbero portare la pensione di quelli che vanno dopo 41 anni, a 45 anni; chi lavora 3 giorni la settimana per 30mila euro mensili elimina le festività infrasettimanali a chi guadagna mille euro al mese. Ma il termine ONESTA' per voi che significato ha?

    Report

    Rispondi

  • lucia elena

    15 Agosto 2011 - 16:04

    che state faccendo?Attenti a non tradire berlusconi. Correte il rischio di fare le fine dei fini e bocchino. E tu caro Tremonti di chi e cosa hai paura? Per fare bene i conti dovresti andare per la strada del futuro benessere e non del suo affossamento.Con tasse e sopratasse non si va da nessuna parte,anzi si retrocede-E' ciò che volete? Bossi smetta di fare della politica ERRATA Smetta di voler fare il dominatore delle cause perse (vedi province) smetta a voler imporre i suoi principi fasulli-Vedi un po che cosa stai facendo con il federalismo.Lo stai affossando. Datevi una calmata e fate i ragionieri e non i cantastorie.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog