Cerca

Il premier studia la strategia per eliminare la 'supertassa'

Il Cavaliere: "Non importa come, mi basta toglierla". Via il prelievo sui redditi: tagli alla Casta, via Province, aumento dell'Iva

Il premier studia la strategia per eliminare la 'supertassa'
Silvio Berlusconi detta l'ordine ai suoi: "Togliete la supertassa, non importa come ma fatelo". Il premier tenta di trovare la quadra sulla difficile manovra-bis. Sa che si preparano tempi di lacrime e sangue, ma il messaggio è chiaro: il piano, così com'è ora, è troppo iniquo. Ecco perché a Palazzo Chigi, in stretto contatto con il segretario del Pdl Angelino Alfano, si studiano diverse ipotesi. Innanzitutto, come scrive Tommaso Montesano su Libero in edicola oggi, quella di aumentare di un punto l'aliquota Iva del 20% e incassare 4,3 miliardi di euro l'anno nel triennio 2012-2014. Ancora: sopprimere tutte le Province, non solo quelle sotto i 300mila abitanti, e dimezzare il numero dei parlamentari.

Via la supertassa - Tutto questo per poter eliminare il contributo di solidarietà a carico dei redditi medio-alti al di sopra dei 100mila euro. L'alternativa è riformularla con l'introduzione del quoziente familiare. Il Cavaliere ha un altro obiettivo: risparmiare i piccoli Comuni, a rischio chiusura o accorpamento. "Meglio dimezzare i parlamentari", ripete Berlusconi ai suoi. Il taglio dei costi della politica (e della Casta) è la base della manovra-bis. L'appuntamento chiave èer governo e maggioranza è fissato per stasera alle 19. A Palazzo Madama. Quando Angelino Alfano incontrerà i direttivi dei gruppi parlamentari di Montecitorio e Palazzo Madama. Allargati, per l’occasione, a presidenti e capogruppo di commissione e a tutti i componenti delle commissioni Bilancio dei due rami del Parlamento. Obiettivo: trovare una sintesi tra le proposte di chi vuole cambiare il decreto legge contenente le misure per anticipare il pareggio di bilancio 2013. Berlusconi, attraverso il portavoce Paolo Bonaiuti, è stato chiaro: "La parola passa al Parlamento con un’avvertenza precisa: bisogna rispettare tempi rapidi per l’approvazione e i saldi globali della manovra non possono essere toccati". Da qui il mandato conferito ad Alfano: trovare un accordo tra le anime del partito che hanno espresso contrarietà al piano anti-crisi firmato da Giulio Tremonti, ministro dell'Economia. Che in caso di accordi rimarrebbe ancora una volta isolato.

Resistenze interne - Berlusconi e Alfano sono convinti di superare le resistenze di chi si oppone alla manovra. Come il gruppo di parlamentari riconducibili a Claudio Scajola, ad esempio, che giusto ieri hanno annunciato la presentazione di un pacchetto di emendamenti basato su aumento dell’Iva (seppure delle due aliquote del 10 e 20%), rimodulazione del contributo di solidarietà attraverso l’introduzione del quoziente familiare e soppressione delle Province "aventi sede nelle aree metropolitane". L’aumento dell’Iva in cambio della cancellazione della nuova tassa sui redditi medio-alti non dispiace neppure a Giorgio Stracquadanio, altro animatore della rivolta anti-Tremonti: "Potremmo accettarlo come extrema ratio, per noi è importante cambiare l’impostazione di base della manovra". Lo stesso Crosetto, alla fine dei colloqui, dispensa ottimismo dichiarandosi «soddisfatto» del metodo della concertazione inaugurato da Alfano. Metodo, però, la cui efficacia dovrà essere testata stasera in quello che il sottosegretario considera l’incontro "vero e ufficiale" per trovare una sintesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Daniele.Cardella

    26 Agosto 2011 - 23:11

    Questa manovra così come l'avete impostata non s'ha da fare.Cambiatela e di corsa prima di far sprofondare il pdl negli abissi.Cosa ne pensate di abolire la casta dei NOTAI e di far prendere posto ai dipendenti delle provincie che verranno abolite tutte quante ? Sarebbe una buona idea.Naturalmente non per tutti gli ex dipendenti,solo i migliori quelli che lavorano .Ovviamente ce ne sarebbere di idee,basta studiare.---Sacconi, fai il bravo, la gente adesso è rientrata dalle ferie ,vedi di non dargli dispiaceri......

    Report

    Rispondi

  • spalella

    26 Agosto 2011 - 13:01

    Ma porca miseria.... ma dice davvero che...STUDIDA ?? MA CHE CAVOLO C'E' DA STUDIARE ? SI COMPRI UN LIBRO DI STELLA, DI RIZZO O DI GIORDANO, ZEPPI DI CIFRE E DI FATTI CHE NESSUNO HA FINORA SMENTITO, E FACCIA IL RAGIONIERE, NO ? cosa cavolo deve studiare? è così pedestre questo grande manager ??

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    25 Agosto 2011 - 23:11

    Ma paga anche tu, non fare come con la Giustizia. Miiiiiilssss.

    Report

    Rispondi

  • biribixi

    25 Agosto 2011 - 16:04

    Ma non era il Berlusca quello che è venuto in TV nemmeno venti giorni fa a presenziare l'illustrazione della "manovra" approntata da un suo ministro (Tremonti) contro la crisi? La supertassa non faceva parte di quella manovra? E ora dice che non la vuole? E' solo l'ennesima marcia indietro. Ma che gli sta succedendo al Cav? Cosa gli hanno fatto? Con cosa lo hanno ridotto così? Chiediamo un'inchiesta che faccia luce sul repentino cambiamento di quest'uomo. Secondo me qualcuno lo manovra o lo ricatta. Ora come ora non è in grado di presiedere un Governo credibile e autorevole. Il solo annuncio della sua uscita di scena, risolleverebbe in un colpo solo le quotazioni del nostro disastrato Paese in crisi di identità e che non si riconosce più in alcuna forza politica. E il caos avanza...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog