Cerca

Marchionne tifa Montezemolo: "Luca in politica? Sto con lui"

Dopo Elkann anche l'ad del Lingotto porge l'assist all'ex numero uno di Confindustria. Poi Sergio dà consigli. Nasce partito Fiat?

Marchionne tifa Montezemolo: "Luca in politica? Sto con lui"
Dopo Elkann, anche Sergio Marchionne scende in campo per sostenere l'amico Luca Cordero di Montezemolo nella scalata a Palazzo Chigi. E se nel 1994 qualcuno parlò di partito Fininvest per l'approdo in politica di Silvio Berlusconi, oggi forse è il caso di rispolverare la formula aggiornata: partito Fiat.

Doppio assist - Ad aprile, l'amministratore delegato del Lingotto aveva rivelato: "Luca in politica? E' una scelta di Luca, ma la maggior parte delle volte che ne parliamo gli dico di non farlo". Ospite del Meeting di Rimini, Marchionne oggi ha fatto una precisazione non da poco: "Se decidesse di scendere in politica nonostante il mio consiglio di non farlo, avrebbe personalmente il mio appoggio, è una brava persona". Non è un caso, forse, che l'investitura di Marchionne sia arrivata poche ore dopo quella indiretta del suo giovane datore di lavoro, John Elkann, sempre al Meeting: sì alla patrimoniale di lusso, bastone all'intransigenza della Cgil, critiche alla credibilità dell'Italia (e di Berlusconi) all'estero. Un manifesto programmatico, quello dell'Agnelli Junior, che aderisce perfettamente a Italia Futura, la creatura cultural-politica di Montezemolo. Una creatura che piace anche a Marchionne, che infatti loda Montezemolo "per la capacità di crearsi intorno una grandissima squadra in grado di vincere e l'Italia ha bisogno anche di questo".

Il popolo di Cl applaude - Secondo Filippo Facci, su Libero, l'ex numero uno della Ferrari ha un difetto: è Montezemolo, troppo snob e salottiero per piacere all'italiano medio. Di sicuro, alle sue spalle ha due personaggi amati e non poco dal popolo di Comunione e Liberazione. Per Elkann e per Marchionne sono state ore di applausi, pacche sulle spalle e standing ovation. Dimostrazione pratica il discorso dell'ad Fiat alla Nuova Fiera di Rimini. Sulla patrimoniale, per esempio, Marchionne scherza: "Chiedetelo a Montezemolo... Io sono disposto a fare qualsiasi cosa per aiutare, se l'obiettivo è chiaro". E soprattutto da aiutare c'è anche l'amico Luca.

Tempi duri - Davanti alla platea di Cl Marchionne parla quasi da politico: "Quando ci sono dei problemi strutturali bisogna tagliare i costi di gestioni, non ci sono alternative, lo dico da manager". E sulla crisi europea, avvalla l'ipotesi Eurobond: "Non credo che ci siano altre soluzioni al problema". Sergio futuro ministro dell'Economia? "Mai", taglia corto l'amministratore delegato che preferisce parlare comunque di auto. Il mercato europeo "non va bene nel 2011 e non lo vedo bene nel 2012 - spiega -. Non vedo un risanamento fondamentale di base dei volumi a meno che non cerchiamo di convincere i consumatori ad entrare nei mercati". E il mercato italiano quest'anno "sarà al livello più basso dal 1996, sarà intorno a 1,7 milioni di vetture". E sulle tasse, "qualsiasi aumento avrà un impatto sulle aiuto e sui consumi". Meglio pensare alla Fiat, allora. "Per ora confermiamo i target non li rivedremo finchè non chiudiamo il terzo trimestre". Nessun trasferimento della sede di Fiat-Chrysler in Olanda: "Non so come nascano queste idee, forse nascono col caldo dell'estate".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Daniele.Cardella

    26 Agosto 2011 - 00:12

    Lei si è dimostrato un bravo manager, un bravo negoziatore, un bravo imprenditore.Adesso però ci dimostri di essere un bravo fabbricante di auto. La politica non fa per individui come lei. Via ! ne ho già abbastanza.. Ci vogliono giovani senza interessi di bottega,abbiamo già imparato .

    Report

    Rispondi

  • spalella

    25 Agosto 2011 - 11:11

    Cosa ha la fiat ? gli mancano gli intrallazzi politici di quel presunto manager che era l'avvocato ? ha bisogno di RICOMNINCIARE a rubarci soldi col metodo Agnelli ??? se lo voteranno in famiglia questo scemo di montezemolo, perchè non credo che ci siano molti cittadini senza cervello che si faranno raggirare.

    Report

    Rispondi

  • vittoriomazzucato

    25 Agosto 2011 - 09:09

    Sono Enrico. Ma degli Agnelli l'Italia è stanca. GRAZIE.

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    25 Agosto 2011 - 09:09

    Pensate alle auto, di ciarlatani ce ne sono fin troppi!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog