Cerca

Alfano: "Più tagli, non tasse. Tetto stipendi supermanager"

Manovra, segretario Pdl incontra i frondisti. "I cambi a saldo zero. Emendamenti entro domenica. Tremonti, decreto non è Vangelo"

Alfano: "Più tagli, non tasse. Tetto stipendi supermanager"
La manovra "può essere migliorata", ma nel dibattito parlamentare "grandezze contabili e vincoli politici sono i paletti che dobbiamo tenere a mente". Lo spiega il segretario Pdl Angelino Alfano che, nell'incontro con il direttivo del partito e i cosiddetti frondisti del Popolo della libertà apre agli emendamenti al decreto di Ferragosto. "Dò atto a Tremonti di essersi mosso in mezzo a paletti molto stretti, ma questo non significa che la manovra sia il Vangelo", ha spiegato l'ex Guardasigilli, in cerca di una mediazione tra le parti. Alfano spiega che lo spirito della manovra dovrà essere improntato ai "tagli, piuttosto che alle tasse". Poi tocca il tema delle pensioni, interrogandosi su che cosa sia possibile fare se la Lega Nord non retrocede dalle sue posizioni.

Supertassa - Sul tavolo, le diverse proposte di modifica alla manovra che "il premier Silvio Berlusconi sta valutando e che saranno presentate entro la fine di questa settimana (tra sabato e domenica)", ha annunciato il segreatrio (il Cavaliere studia una strategia per eliminare la 'supertassa', ndr) . "In ogni caso, il governo non dovrà esser messo in difficoltà - ha proseguito il segretario -. Abbiamo già lavorato insieme e la manovra è stata ritenuta positiva dalla Bce, senza staremmo peggio". Per quel che riguarda il contributo di solidarietà, Alfano ha spiegato che "potrebbe essere rivisto". Inoltre si potrebbe procedere subito con "l'abolizione di tutte le province".

Pensioni - Malgrado l’opposizione della Lega, la riforma del sistema previdenziale non esce dall’agenda delle possibili modifiche alla manovra economica. La posizione di Alfano sarebbe emersa nel corso della riunione con i direttivi del Pdl di Camera e Senato. Il segretario avrebbe citato il tema delle pensioni come una delle possibili vie da percorrere, ma avrebbe ribadito la necessità di procedere con cautela. "Se un alleato non cede - s'interrogava l'ex Guardasigilli - che possiamo fare? Mica possiamo imporci", ha spiegato riferendosi alle posizioni del Carroccio.

Tetto stipendi e patrimoniale - Sul tappeto, quindi, diverse proposte di modifica, tra le quali anche l'aumento dell’Iva e la patrimoniale.  Il Pdl, inoltre,  starebbe pensando di presentare un emendamento per introdurre un tetto massimo agli stipendi di supermanager e dei funzionari dello Stato. Ma il princpale nodo da sciogliere all'interno del partito è quello sulla patrimoniale. "Su quest’ultimo punto il Pdl non è assolutamente d'accordo -  ha detto Alfano -, noi siamo aperti sul tema delle dismissioni e privatizzazioni, occorre chiudere la discussione in modo che la manovra sia pienamente accettabile per l’intera coalizione. Qualsiasi proposta si faccia non deve intaccare la solidità della coalizione e del governo", ha ragionato l’ex Guardasigilli. "Eventuali emendamenti siano orientati a maggiori tagli e non all’introduzione di tasse - ha concluso il segretario del Pdl -  altrimenti rischiamo di tradire il senso di questa manovra che anche per gli impegni presi è funzionale alla riduzione del costo delle istituzioni" .

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    25 Agosto 2011 - 19:07

    più un lucida-maniglie che un condottiero di popolo

    Report

    Rispondi

  • spalella

    25 Agosto 2011 - 11:11

    Più tagli, non tasse ? più tagli a questo stato moltiplicato per decenni solo per dare poltrone a zecche politiche ? cosa gli è successo a questo figlio di una regione totalmente priva di risparmio politico e di cultura sociale? ma le cose utili si accettano da chiunque, e spero che per questa sortita sia stato folgorato dalla ragione più che dal sentore dei nostri calci nel sedere che si avvicinano sempre più.... spero !

    Report

    Rispondi

  • tuccir

    25 Agosto 2011 - 08:08

    Per ora Alfano ha solo fatto il portaborse di Silvio collaborando alla stesura di leggi tra le più vergognose della RI. Si faccia da parte, grazie.

    Report

    Rispondi

  • Armadillo

    25 Agosto 2011 - 08:08

    L'ha proposto Alfano e l'idv ha sul tavolo un'iniziativa simile, allora che su questo si trovi una convergenza. Vedremo se il pd farà spallucce o sarà capace di rinunciare (non solo a parole) a molti feudi di potere e denaro. Poi ci sarebbe molto altro da tagliare: Alfano trovi il coraggio di battersi e ritroverà il consenso che Berlusconi ha perduto per strada in questi tre anni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog