Cerca

Smemorati La supertassa idea di Franceschini Piaceva alla sinistra ma non agli italiani

Nel 2009 l'allora segretario del Pd proponeva un contributo straordinario per i redditi sopra i 120mila euro. Poi venne trombato...

Smemorati La supertassa idea di Franceschini Piaceva alla sinistra ma non agli italiani
Non c’è mai nulla di nuovo sotto il sole. E aveva ragione il vecchio Arnaldo Forlani, il Coniglio Mannaro della Dc, quando citava un vecchio detto: «È  l’eterno ritorno del sempre uguale». Anche la super tassa di solidarietà prevista nell’ultima manovra finanziaria ha un precedente. Non sul versante del centro-destra, bensì su quello del centro-sinistra. Partorito nel marzo 2009 dal segretario del Partito democratico: Dario Franceschini.  Oggi il compagno Dario ha un potere ridotto, è soltanto il capogruppo del Pd alla Camera. E la sua audience è bassa, sovrastata da quella di Pier Luigi Bersani. Ma due anni fa a sedere sulla poltronissima dei democratici era lui, subentrato di colpo a Walter Veltroni. Il popolare Uolter, dopo una serie orrenda di sconfitte elettorali, si era dimesso senza dire né ai né bai. Lasciando il posto a Dario, il suo vice.

 Il 21 febbraio 2009 Franceschini non ebbe nessuna esitazione nell’accettare l’incarico. Era estraneo alla storia del vecchio Pci, poiché l’avevano cresciuto nella Democrazia cristiana di Ferrara, la città natale. Ma sapeva che non avrebbe incontrato opposizioni. I democratici stavano nei guai. Per di più incombeva un altro appuntamento elettorale, quello europeo, previsto per giugno. Ad ogni buon conto Franceschini pensò che, pur arrivando dalla Margherita, sarebbe stato meglio accreditarsi come un leader di sinistra.  Allo scopo, l’astuto Dario escogitò due mosse, una di seguito all’altra. La prima venne annunciata l’ultimo giorno di febbraio. Disse: «Ci vorrebbe un assegno mensile di disoccupazione per tutti coloro che perdono il posto di lavoro. Il governo Berlusconi fa un sacco di decreti, ma questa volta le ragioni di urgenza ci sono».

 Il neo segretario del Pd trovò subito il consenso entusiasta di Guglielmo Epifani, il leader della Cgil, e di Raffele Bonanni, il capo della Cisl. Enrico Letta, responsabile del Pd per le questioni del Welfare, spiegò che non si trattava ancora del reddito minimo garantito a tutti gli italiani, ma di «un primo passo in quella direzione».   La mossa di Franceschini piacque alle tante frange della sinistra. Ma incontrò anche qualche opposizione netta. Il ministro Maurizio Sacconi avvertì che «in una fase di crisi così acuta, era un’operazione impossibile». Ancora più esplicito fu Fabrizio Cicchitto, capogruppo della maggioranza alla Camera: «Sul sostegno al reddito di chi ha perso il lavoro siamo già intervenuti. Quella di Franceschini è demagogia pura».
Anche nel Pd emersero perplessità. Il senatore Nicola Rossi, intervistato da Sergio Rizzo del  Corriere della sera, la bocciò come una proposta soltanto «mediatica»: «Ci sono ragioni di finanza pubblica che la sconsigliano caldamente. Il succo è che non ci possiamo permettere di fare una riforma sfondando il bilancio dello Stato».

 Ma nessuno aveva messo in conto la testardaggine di Franceschini. E il suo gusto per i colpi di scena. Il leader del Pd lasciò trascorrere qualche giorno e poi incontrò molte associazioni di volontariato, come la Caritas, Sant’Egidio e il Banco alimentare della Compagnia delle Opere, che si occupavano di povertà. E l’11 marzo 2009 lanciò una nuova proposta. Quella che possiamo considerare la madre dell’odierna Tassa di solidarietà, prevista nella manovra finanziaria in discussione al Senato.  Franceschini battezzò in quel modo un contributo straordinario e temporaneo a carico dei redditi superiori ai 120 mila euro l’anno. Prevedeva che per il 2009 su quei redditi venisse alzata di due punti l’aliquota Irpef. La nuova imposta avrebbe riguardato fra i 150 e i 200 mila contribuenti con un incasso di circa 500 milioni di euro.

 Questa somma sarebbe stata destinata a finanziare il Terzo settore, ossia il volontariato, e il Fondo sociale per i comuni. Franceschini disse: «Chiediamo ai redditi alti, come quelli dei parlamentari, di dare una mano a chi non ce la fa». L’accenno ai membri dei Parlamento era una furbata del segretario democratico, volta sfruttare il sentimento anticasta che già allora era molto vivo.  La furbata divenne evidente quando apparvero le inserzioni pubblicitarie e i manifesti preparati per reclamizzare la proposta di Dario. Con la sigla del Pd, strillavano: «500 milioni dai parlamentari e dai redditi oltre 120 mila euro per un fondo di sostegno alla povertà». Lo slogan si chiudeva con una domanda: «La crisi c’è. E il governo?».

 La proposta di Franceschini ricevette subito il sì di Pier Ferdinando Casini e di Antonio Di Pietro. Insieme arrivò, a sorpresa, anche l’assenso di Bossi per conto della Lega. Il motivo lo spiegò Stefano Folli, sul  Sole 24 Ore  del 12 marzo: «In questi anni la Lega è cresciuta giovandosi della crisi della sinistra al Nord. È  evidente che non intende rinunciare a questo spazio».  Mentre la Cgil e la Cisl rinnovavano gli applausi a Franceschini, iniziarono ad affiorare i dissensi. Il primo apparve sulla  Repubblica, proprio il quotidiano più vicino al Pd. Il 14 marzo lo si poteva leggere nella rubrica quotidiana di Michele Serra, “L’amaca”. Lui spiegò quello che nel 2011 avrebbe ripetuto a proposito del contributo di solidarietà: la nuova tassa era destinata a colpire soltanto i contribuenti fedeli, senza fare un baffo agli evasori.

 Poi le voci contrarie aumentarono. Sul  24 Ore  Alessandro De Nicola accusò Franceschini di ignorare i livelli della tassazione già troppo alti e di mirare soltanto al consenso elettorale. Sul  Corriere della sera  apparve la lettera pepata di un grande tributarista, Victor Ukmar. Il titolo diceva tutto: «Evasione e demagogia fiscale».   La proposta di Franceschini si perse per strada. E finì nell’archivio delle tante trovate del segretario democratico. Poi arrivarono le elezioni europee del 6-7 giugno 2009. E per il Pd fu una catastrofe: appena il 26,1 per cento dei voti. Molto poco rispetto al Pdl  arrivato al 35,2. Mentre la Lega portò a casa il 10,2 per cento.

 La sorte del povero Dario era segnata. Pochi mesi dopo, nell’ottobre 2009, fu sostituito da Bersani. Per non mortificarlo del tutto, gli venne assegnata la carica di capogruppo alla Camera. Qualche amico lo consolò così: «In questo modo avrai più tempo per scrivere. Come romanziere sei davvero bravo».
Ma era un complimento molto generoso. Secondo  Saturno, il settimanale di libri, arte e scienze del  Fatto quotidiano, alla fine di questo luglio il romanzo più recente di Franceschini, “Daccapo”, pubblicato da Bompiani, stava sul fondo della classifica generale. Per l’esattezza, al posto numero 842 (ottocentoquarantadue). 
       
di Giampaolo Pansa

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    28 Agosto 2011 - 05:05

    Una ridicola nullità. Non conta niente , pure all'interno del PD.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    27 Agosto 2011 - 17:05

    ...badare tanto,le sortite di un burattino che giura sulla Costituzione,come se prima non l'avesse mai nemmeno sbirciata.Ma quali studi ha fatto,per non avere mai studiato Diritto Pubblico?Perfino il suo partito giunse a...cassarlo! Un motivo ci sarà pure stato!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    27 Agosto 2011 - 16:04

    Parlo di Chi, Novella (i nomi non li ricordo, né voglio ricordarli) appaiono belle ragazze, simpatiche putt.ne.le coi giovanotti scansafatiche che si scambiano effusioni per far sapere , tramite il fotografo prezzolato, all'inclito e al volgo, che sono 'in coppia'. Fattacci loro. Ma diventano fattacci anche miei e di tutti, quando le effusioni avvengono su favolosi yachts di proprietà (con bandiera ovviamente liberiana). Alcune sono 'cibate' dalla RAI (quindi dal canone). E a questi sfaccendati dispensatori della loro pochezza, non dobbiamo chiedere neppure un cent?. L'imposta di solidarietà é sacrosanta per costoro e per chi guadagna tanto (é meglio non indagare se il guadagno é frutto di anomalie del mercato dei cervelli vuoti o di altre anomalie che assumono i nomi piu' variegati ma che hanno a che fare con i potentati di ogni nastura) Forse il nome é sbagliato ma l'imposta é una solidarietà obbligata...altrimenti c'é la mano del Fisco (poche volte, a dire il vero)

    Report

    Rispondi

  • blu521

    27 Agosto 2011 - 14:02

    E' stata necessaria la notifica della BCE ad inizio agosto 2011. Le risposte erano:il peggio è alle spalle, i conti sono in ordine, la Borsa è un orologio rotto - tesi del papà di frottolone,funzionario della banca Rasini,non so se mi spiego- e ancora la minaccia "Ghe pensi mì". Infatti siamo qui a vedere che anche a Libero (dove è sempre stata negata la crisi) dopo un corso acceleratissimo hanno preparato la loro finanziaria e la sottopongono a referendum tra i lettori. Preparatevi al peggio! Concludendo sugli smemorati, rammento a Pansa, che l'eterno ritorno al sempre uguale, non è un vecchio detto,ma un principio filosofico di Nietzche, il cui significato è assolutamente estraneo a qullo che lui gli attribuisce. Il peggio non è mai morto!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog