Cerca

Commissione etica per Penati Così Bersani prova a salvarsi

Ultima carta Pd: condanna "morale" per l'ex numero 2 del segretario. Renzi contro Filippo: "Lasci il consiglio regionale"

Commissione etica per Penati Così Bersani prova a salvarsi
Ci ha messo un po', ma alla fine il Pd ha capito che il caso Penati è tutto tranne che un caso lombardo. Lo sa bene il segretario Pier Luigi Bersani, che l'ex sindaco di Sesto indagato per tangenti l'ha voluto come braccio destro e difeso a spada tratta, senza mai pretendere le sue dimissioni. Ora, però, è diventato impossibile stare con l'ingombrante Filippo: i pm di Monza lo considerano a capo di un "direttorio finanziario democratico", con tentacoli che arrivano a lambire la giunta milanese del sindaco Giuliano Pisapia. Ci sarebbero state, sostiene l'accusa, pressioni per mettere all'assessorato ai Trasporti un "uomo di Penati", il giovane Piefrancesco Maran, per poter favorire gli affari con l'imprenditore Di Caterina, il grande accusatore del Ràs democratico lombardo. Pisapia protesta: "Nomine trasparenti, non c'è stata alcuna pressione". Ma la figuraccia ormai è servita. Ecco perché il Pd tenta il colpo di reni, blando: una commissione di Garanzia per giudicare Penati. Di fatto, per condannarlo, estrometterlo, far dimenticare a simpatizzanti ed elettori che fino a ieri era uno dei "capoccia" del partito. Ecco, appunto: più che condannare Penati (che nel frattempo si è dimesso già dai democratici) l'obietto di Bersani è salvare se stesso. L'ultimo intervento della illuminata commissione, in verità, non fu particolarmente brillante: ammonirono tre senatori e un deputato per aver criticato la candidatura di Vladimiro Crisafulli, filmato mentre chiacchierava con un mafioso. In attesa del giudizio dei mammasantissima della moralità, a bocciare Penati ci pensa Matteo Renzi: "Deve lasciare il consiglio regionale (dove è ancora presente, fuori dal gruppo Pd, ndr) - piccona il sindaco rottamatore di Firenze -. Se fossi in lui, rinuncerei alla prescrizione". Si può, dunque, salvaguardare la superiorità morale della sinistra? La risposta la dà direttamente Renzi: "Non ci ho mai creduto...".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    03 Settembre 2011 - 14:02

    Bersani , dimettiti .

    Report

    Rispondi

  • bussirino

    30 Agosto 2011 - 09:09

    Bersani! Chi vuol far credere di essere più pulito degli altri finisce per scoprire la propria m... Ecco cosa accade per chi ciede le dimissioni degli altri senza guardare in casa propria. E ora che farà questo PD? Come la mettiamo ora con i finanziamenti COOP ora tardivamente indagati sempre negati dai partiti di sinistra? Più volte mi sono reso conto degli alti prezzi dei prodotti Coop e più volte contestati al punto di dire alla cassiera: "non credete di esagerare con questi pressi elevati? Capisco gli aiuti che dovete che dovete sostenere ma...." E finiva con il sorrisetto della cassiera!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    30 Agosto 2011 - 08:08

    Il caso Penati non é che uno dei troppi casi e casini. E non é il peggiore. Gente come Lele Mora, Carboni, Tarantini, Lavitola ricevono milioni di euro per 'beneficenza'. Ma siccome quesa parola non é del dizionario italiano, poco alla volta saltano fuori le verità. Le vicende della P3 e P4 sono alla portata di tutti quelli che vogliono leggerle (Cesare, alias B vi é dentro). E' inutile nascondere. Ora, se ci sono dei falsi, denubnciatene gli autori ma se solo una parte é vera, si puo' comprenderee perché l'Italia ha bisogna di una manovra al giorno: las manovra di gettare a marequesta gentaglia.

    Report

    Rispondi

  • abraxasso

    30 Agosto 2011 - 00:12

    Il PD è sempre stato e sempre sarà onesto...anche a costo di barare!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog